LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alla ricerca di segreti nascosti nei falsi d'autore
Carlo Alberto Bucci
08 dicembre 2017 LA REPUBBLICA

In un'epoca di fake news, ve ne uscite, nella mostra Voglia d'Italia, il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano, con la settima sezione dedicata a "Commerciare il falso".

Che fa, professore, vuole provocare? Ma, no, sorride Emanuele Pellegrini, docente all'Imt, School for advanced studies Lucca, curatore della rassegna a Palazzo Venezia e al Vittoriano di Roma, È importante sottolineare che quella parte della esposizione non è a sé stante, ma integra la sezione precedente, dal titolo "Fatto in Italia", dove compaiono opere di ispirazione rinascimentale che venivano acquistate come copie e che erano di mano di artisti abilissimi nel rielaborare il modello pur rimanendovi fedeli. Il falso è un'altra cosa, il falso è dolo.

Un esempio di copia fatta ad arte?

Abbiamo esposto un piatto con una Faustina, una testa ideale del 1522, prodotto a Pesaro, e uno della manifattura toscana Cantagalli, dell'Ottocento. Si tratta di pezzi acquistati dai collezionisti Usa con il medesimo interesse per l'arte italiana, indipendentemente che fossero del XVI o del XIX secolo.

Nella settima sezione avete esposto i lavori di un grande falsario come Alceo Dossena.

Sì, proponiamo il clamoroso caso della sua Annunciazione degli anni Venti, venduta come scultura trecentesca di Simone Martini, ma anche, degli stessi anni, la Maddalena eseguita come opera sua. Del resto, il falso fa parte di un processo storico come gli altri: c'era un artista, un grande artista, e dietro di lui c'era uno storico dell'arte come Frederick Mason Perkins e un antiquario quale Elia Volpi.

Furono loro a confezionare il "pacco" dell'"Annunciazione" rifilata alla Frick collection di New York?

Sì, furono scaltri perché inventarono un marmo di Simone Martini, che era pittore, così che non si potessero fare confronti con altre sculture dello stesso autore. E poi miss Frick comprò a Firenze l'opera, pagandola lo sproposito di 150mila dollari, dopo che anche il grande esperto tedesco Wilhelm Bode diede il suo parere positivo.

Tra i 10 pezzi della sezione "Commerciare il falso" ci sono anche due lavori del '400.

Esistevano già i falsari?

Sì, ma non è il caso dello stendardo processionale di Luca di Paolo di Nicolò con il Martirio di San Sebastiano, prestato dalla Galleria nazionale di Perugia, né della Madonna con Bambino di Francesco Gentili che viene da Assisi. Li abbiamo voluti esporre come tema di riflessione poiché questa seconda opera fu donata all'Italia, insieme ad altre, proprio da Mason Perkins. E la storia di questa tempera su tavola è interessante per il dibattito, infatti, si pensava fossero della stessa mano.

Veniamo alla "Simonetta" prestata da Palazzo Pitti.

Sembra medicea invece l'ha fatta Riccardo Nobili, fiorentino sì, ma nato nel 1859 e morto nel '39.

Nobili è l'autore di un libro bellissimo del 1922, Gentle art of faking... Abbiamo voluto esporre sia il volume sia la scultura in esso riprodotta, ma accanto a un Busto rinascimentale in marmo di Carrara di anonimo scultore dell'Ottocento che rilegge il XV secolo in chiave Liberty. È stato attribuito al Bastianini, un altro falsario, ed è stato acquistato in America ma sapendo che ci si stava portando a casa un bellissimo fake .

Anche George Washington Wurts ed Henriette Tower, i collezionisti intorno ai quali ruota la mostra di Roma, caddero nella trappola dei falsari dell'Ottocento?

Non lo sappiamo. Nella loro smisurata raccolta c'è anche la copia in scala uno a uno della celeberrima Situla di Gotofredo, realizzata da un valente artigiano milanese negli anni Trenta del 900. Sapevano che non era un avorio del X secolo? Io penso di sì. Credo fossero consci del valore del loro "remake". Del resto, se il Met di New York cercava e acquistava i pezzi della manifattura Cantagalli vuole dire che c'era, e c'è ancora, un gusto raffinato che attribuisce alla copia un valore intrinseco e autonomo, ancora tutto da scoprire e da studiare.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news