LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Indiana Jones dei cavernicoli " Io, cervello in fuga ante litteram"
Stefano Parola
09 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



È un Indiana Jones un po' particolare: Sono quasi il contrario di lui, dice Francesco D'Errico, 60 anni, paleoantropologo di fama mondiale. E spiega: Passo la maggior parte del tempo ad analizzare materiali piuttosto che a lavorare negli scavi. È vero, però, che ha girato il mondo per esplorare siti preistorici. Solo così, in fondo, si diventa il ricercatore italiano con il maggior impatto scientifico e la più alta prolificità in ambito umanistico.

Ormai vive da anni in Francia, a Bordeaux, dove è direttore di ricerca del Cnrs francese, ma Francesco D'Errico è torinese: Sono nato a Foggia e la mia famiglia si è trasferita in città quando avevo dieci mesi, perché papà lavorava all'Ispettorato del lavoro. Ci ho vissuto fino al 1984.

Sono andato al liceo D'Azeglio e poi all'Università, racconta. Fu un periodo cruciale per la sua formazione: Sono uno storico, che verso la fine del percorso da studente ha virato su antropologia e archeologia. A Torino ho iniziato a studiare anche l'anatomia e ho capito che per il mio lavoro sarebbero servite pure le analisi al microscopio.Poi la sua carriera è decollata: Ho avuto varie borse di studio, a Pisa, a Parigi, in Germania, a Madrid, a Cambridge. Diciamo che ho fatto un Grand Tour d'Europa durato dieci anni.

Torino resta nel suo cuore: Ci torno sempre a Natale, perché i miei genitori e mio fratello vivono lì. Nella sua mente ci sono invece i principali siti paleolitici, da quelli francesi fino a quelli del Sudafrica, passando per Spagna, Marocco, Kenya,Ucraina, Cina.

Negli ultimi vent'anni mi sono interessato soprattutto all'origine dei comportamenti simbolici: a quando risalgono le prime incisioni e i primi segmenti di pittura? Questi comportamenti sono frutto di un cambiamento immediato o graduale? Sono alcune delle domande cui cerco di dare risposte, racconta D'Errico.

Uno dei temi più affascinanti riguarda gli ornamenti: Fino a dieci anni fa si pensava che i più antichi risalissero al paleolitico superiore (tra 40 mila e 10 mila anni fa, ndr), invece abbiamo dimostrato che alcune conchiglie venivano già utilizzate in Nord Africa 120 mila anni fa. Anzi, a un certo punto è cambiato pure il modo di attaccarle: insomma, si può dire che fosse variata la moda. È con scoperte del genere che si scalano le classifiche dei ricercatori più citati. Peccato, però, che per farlo occorra lavorare in Francia: Anche in Italia, però, ci sono ottimi colleghi, dice D'Errico. Ma aggiunge: Purtroppo i problemi dell'accademia italiana li conoscono tutti: nepotismi, laboratori che si fanno la guerra, cattedre a concorso una volta ogni dieci anni. Se fossi rimasto in Italia sarebbe stato difficile trovare un posto. Però vedo che ora le cose stanno migliorando: almeno adesso di questi temi si parla.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news