LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il genio di Winckelmann che ha svelato la bellezza del classico nella Roma del '700
Arianna Di Cori
07 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



Fu il primo a mettere in discussione che il "gladiatore moribondo", riverso a terra in posa dolente accanto a una spada sguainata, non fosse un gladiatore. Ipotizzò si trattasse di un araldo. Si sbagliava: solo successivamente si sarebbe riconosciuto nella statua marmorea (il "Galata morente" conservato a Palazzo Nuovo) una copia di un bronzo ellenistico del 230-220 a.C.. Ma poco importa ai fini della storia. Quel che conta, e che viene celebrato nella mostra che oggi inaugura ai Musei Capitolini, è la rivoluzione nella percezione dell'antichità di cui fu artefice Johann Joachim Winckelmann, del quale l'anno prossimo ricorrono i 300 anni dalla nascita e i 250 dalla morte.

Uno dei padri fondatori dell'archeologia moderna, lo studioso tedesco di umili origini (Stendal, 1718 Trieste 1768), avrebbe creato, o meglio ricreato, i contenuti fondamentali del Neoclassicismo che avrebbero poi visto in Canova la massima espressione.

A Winckelmann si deve la nascita del metodo di valutazione cronologica e stilistica delle opere basato sull'osservazione diretta dei manufatti e la lettura delle fonti letterarie. Qualcosa che prima del suo viaggio a Roma, dove giunse il 18 settembre 1755, non esisteva: l'arte antica decorava caoticamente le case dei più abbienti. Luogo d'elezione dello storico fu proprio il Palazzo Nuovo, dal 1735 primo museo pubblico d'Europa. Un modello dove si poteva coltivare il rapporto con l'antico in assoluta libertà, "von Morgen bis in den Abend" (dalla mattina alla sera).

Prendendo in prestito le parole dello stesso Winckelmann, la mostra "Il Tesoro di Antichità", porta il visitatore in un viaggio attraverso tutti gli ambienti dei Musei, vero cuore della cultura e del turismo di Roma, in tutte le sue accezioni come spiega il sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce, curatore insieme a Eloisa Dodero i Musei, con la pinacoteca e la scuola del nudo aperta a tutti, erano il luogo che promuoveva lo splendore di Roma, in un costante confronto tra passato e presente. Divisa in due sezioni nelle sale Caffarelli di palazzo dei Conservatori e in palazzo Nuovo attraverso 124 opere tra cui alcuni importanti prestiti, come la vasca su tripode, già ai Capitolini fino al 1794, quando venne portata a Parigi da Napoleone, la mostra racconta da un lato la storia dei musei (che devono la prima importante acquisizione, quella della collezione di sculture antiche Albani, allo scandalo nel 1727 della vendita di 30 statue della stessa da parte del proprietario, il cardinale Albani, gravato da debiti di gioco: la decisione di acquistarla fu proprio per evitare future perdite), dall'altro la "visione Winckelmann".

Arricchiti da didascalie, che spiegano le sue intuizioni a tratti geniali, gli allestimenti restituiscono sculture oggi conservate nei depositi dei Musei Capitolini e della Centrale Montemartini, per un'immersione in quella realtà settecentesca di cui si innamorò il tedesco, sedotto dalla magnificenza di una città della quale i romani sono troppo spesso (da sempre) assuefatti.




news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news