LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Restauro gratis, ma la Curia dice no
Isabella Di Bartolo
06 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



Volevamo regalare un restauro alla Sicilia, ma ci hanno sbattuto la porta in faccia . È una mecenate milanese di origini trapanesi la protagonista di un " gran rifiuto" nell'Isola dei beni culturali da salvare. Sabrina Zuccalà è l'amministratrice di una società che utilizza le nanotecnologie anche per la protezione di monumenti e chiese; un'azienda italiana impegnata da 20 anni in tutto il mondo. L'imprenditrice ha pensato di mettere a disposizione del patrimonio culturale isolano le sue competenze e maestranze. E di farlo, dunque, gratis.

Ci siamo resi conto che la Sicilia è sempre più tristemente ricca di monumenti in degrado dice Sabrina Zuccalà e, analizzando il patrimonio a rischio, da San Giovanni degli Eremiti alle Cave di Cusa di Selinunte, abbiamo pensato di dare il nostro contributo concreto alla regione. Da qui l'idea di adottare un bene . Dopo un esame dei monumenti in oblio, la scelta della società 4Ward360 Nanotechnology è caduta su Caltabellotta, nell'Agrigentino, cittadina famosa per la pace qui siglata nel 1302 al termine dei Vespri siciliani. E, in particolare, sulla facciata della maestosa cattedrale per la cui valorizzazione la società è pronta a regalare un intervento da 25 mila euro. Una decisione supportata anche dall'analisi di Raymond Bondin, ambasciatore emerito Unesco ed esperto mondiale di beni culturali, con cui abbiamo parlato del patrimonio siciliano ammalorato prosegue l'imprenditrice milanese Pensavamo di poter offrire un regalo che sarebbe stato senz'altro ben accettato. Ma ci siamo sbagliati. Gli esperti della società di Milano hanno lavorato, tra gli altri, al Duomo di Milano, al " Carlo Felice" di Genova e al restauro del Pugile bronzeo delle Terme di Diocleziano. Abbiamo pensato di ridare lustro alla facciata della cattedrale di Caltabellotta aggiunge Sabrina Zuccalà attraverso un intervento capace di garantirne pulizia e sicurezza per almeno dieci anni. La cittadina è bellissima e, giustamente, ambisce a essere inserita nella lista Unesco, anche per questo avremmo voluto aiutarla. Ma la nostra proposta si è scontrata con un continuo rimpallo di responsabilità: dagli uffici dell'amministrazione comunale a quelli della Soprintendenza, dagli assessori al sindaco, poi alla Curia. Una lunga serie di richieste, autorizzazioni e delucidazioni; tante, troppe telefonate e, infine, il silenzio. Alla nostra proposta non è stata data alcuna risposta.

La prima istanza un mese fa è stata fatta all'amministrazione comunale inviandola all'attenzione del sindaco di Caltabellotta, Paolo Segreto, il quale ha risposto all'imprenditrice dopo 15 giorni di rivolgersi all'assessora comunale ai Lavori pubblici, Anna Augello, la quale, a sua volta, dopo pochi giorni ha dirottato la richiesta alla Diocesi. Da qui il passaggio alla Soprintendenza di Agrigento che, ancora, ha rimandato l'istanza alla Curia e, in particolare, all'ufficio preposto ai beni culturali. " Un'odissea burocratica", commenta Zuccalà.

Nel rimpallo delle responsabilità, la Curia di Agrigento ha l'ultima parola. E dice "no, grazie". Questo intervento non serve afferma don Giuseppe Pontillo, direttore dell'ufficio diocesano Beni culturali, arte sacra ed edilizia di culto della diocesi agrigentina Almeno non adesso. Avviarlo sarebbe come dare un'aspirina a qualcuno che non è malato . L'imprenditrice milanese storce il naso. La mia proposta resta valida e se non dovesse andar bene per Caltabellotta potrebbe essere a disposizione di altri monumenti vista anche la difficoltà di reperire fondi pubblici. Però dobbiamo riuscire a dialogare con le istituzioni . E sciorina i dati ufficializzati a Palermo al termine del summit sul patrimonio culturale in degrado ricordando come siano tanti, troppi i siti in abbandono e in pericolo. Come evidenzia Marco Zeppa, responsabile tecnico della società, l'azione delle nanotecnologie sui beni culturali avviene con trattamenti invisibili che durano notevolmente di più rispetto a qualsiasi trattamento . Una panacea, dunque, per alcuni tra i monumenti siciliani da salvare. Visto che la Regione non ha i soldi per farlo conclude l'imprenditrice noi vorremmo in qualche modo aiutare, metterci a disposizione. Ma, a quanto pare, alla Sicilia non interessa proteggere il suo patrimonio, nemmeno gratis.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news