LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ISERNIA-Piove sul Paleolitico
Manlio Lilli
http://il_barone_rampante.blogautore.espresso.repubblica.it/2017/12/14/isernia-piove-sul-paleolitico

Purtroppo mi trovo a fare sempre la stessa denuncia: lacqua piovana si infiltra nellarea dello scavo e danneggia i reperti. Una cosa analoga lho segnalata un paio di mesi fa e più volte nel corso degli anni È una vergogna la mancata tutela di quellarea definita la Pompei del Paleolitico. Larea sta subendo enormi danni. Emilio Izzo, sindacalista Uilbac, racconta quel che accade al Museo Nazionale del Paleolitico di Isernia-La Pineta.
Probabilmente alla notizia saranno stati in pochi a stupirsi. Ma pensare che si tratti di uno dei tanti musei che soffre a causa di risorse esigue, sarebbe sbagliato. Chi dovesse averlo pensato é fuori strada. Già perché, il Museo di Isernia, non é uno dei tanti spazi espositivi esistenti in Italia. Importanti, certo, ma famosi praticamente solo agli addetti ai lavori. No, non é così. Si tratta di un Museo costruito intorno ad uno scavo. Quello di un giacimento preistorico che, come si legge sul portale della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio del Molise, contribuiva, in modo determinante, a sostenere letà remota del primo popolamento del nostro continente. Non solo. Il giacimento paleolitico di Isernia La Pineta é una delle più complete testimonianze della storia del popolamento umano dellEuropa. Uno scavo, avviato nel 1978, che ha consentito di ricostruire nel tempo, anche negli aspetti particolareggiati, la vita e lambiente naturale in cui visse luomo circa 700.000 anni fa. Un luogo della cultura che definire fenomenale é forse riduttivo. Anche perché lì ci sono le tracce, uniche, della nostra storia più antica. Consapevolezza di questa unicità si ha al di fuori dei nostri confini. Basti pensare che ventisei anni fa la Rivista americana Nature dedicava la copertina al giacimento preistorico di Isernia La Pineta. Minore invece é la consapevolezza che ne abbiamo noi che di questo luogo potremmo fruire abbastanza agevolmente. Prova ne sono i numeri dei visitatori, senzaltro inferiori alle potenzialità del sito. Gli ingressi del 2016 sono stati 12.682, mentre nel 2015 erano stati 11.821 e lanno precedente 12.216.
La notizia che piova nellarea del giacimento e che le infiltrazioni ne mettano in pericolo la conservazione é stata anche rilanciata dallAnsa. Ma la rilevanza mediatica é stata comunque modesta. Nessuna reazione da segnalare. Tanto meno dal Mibact. Come se non fosse accaduto nulla. Come se laccaduto non meritasse un po dattenzione. Ben inteso non per una gerarchia tra siti. Ovunque piova in un sito sinteresse storico-artistico-archeologico nel quale esiste una copertura é necessario indignarsi. Senza distinzioni. Ma, se possibile, la circostanza che accada al giacimento paleolitico di Isernia La Pineta, una delle più complete testimonianze della storia del popolamento umano dellEuropa, é ancora più grave. E le colpe dei responsabili ancora più grandi. Perché già a settembre ancora Izzo aveva documentato le infiltrazioni dacqua.
Se nessuno interverrà saremo tutti responsabili di questa catastrofe culturale senza precedenti. Ci troviamo di fronte a unevidente, quanto pesantemente reiterata, mancata tutela Un fiume dacqua scorre sul patrimonio dellumanità, aveva detto il sindacalista. Allora aveva inviato una lettera aperta al prefetto di Isernia Guida, al ministro dei Beni Culturali Franceschini, al direttore del Polo Museale del Molise Ventura, al Rettore dellUniversità di Ferrara Zauli, ai parlamentari molisani Venittelli, Ruta e Leva, al sindaco dApollonio, al procuratore Albano, al governatore Frattura e al presidente della Provincia Coia. Risposte? Nessuna. Proprio come ora.
Che nessuno provi a dire che non sapeva.






news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news