LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuovo Galliera, altro ricorso al Tar
Giuseppe Filetto
17 dicembre 2017 LA REPUBBLICA




Italia Nostra contro la Soprintendenza Intanto, i vertici ospedalieri presentano il progetto alla città

Finora - dicono i vertici del Galliera - il progetto del nuovo ospedale non era stato presentato in pubblico. I cittadini lo hanno conosciuto attraverso i media. Così, sotto Natale, il nuovo vice presidente del cda Giuseppe Zampini decide di fare (e di farsi) un regalo: domani, alle 17, nella Sala delle Grida del Palazzo della Borsa, è in programma l'incontro "Il Nuovo Galliera per la città".

Nel " nuovo" progetto di fatto non c'è quasi nulla rispetto a quello di 10 anni fa. Tranne la riduzione di due piani, già resa nota. Tranne un altro ricorso al Tar Liguria da parte di Italia Nostra. Che questa volta punta l'indice contro la Soprintendenza e il ministero dei Beni Culturali: per il decreto di vincolo indiretto che - secondo l'associazione ambientalista - non tutela il complesso monumentale dell'ospedale, ma " consente l'accerchiamento, la completa saturazione dell'area, impedendone le visuali e la totale eliminazione del verde".

A supporto di quanto sostiene Italia Nostra e in occasione della presentazione del progetto, l'Unione Sindacato di Base mette in atto un presidio davanti il Palazzo della Borsa (in via XX Settembre), "invitando i lavoratori e i cittadini". L'Usb (ben rappresentata all'interno del Galliera) snocciola un po' di cifre. E scrive: " L'ospedale attualmente può contare 431 posti letto, già insufficienti a soddisfare i bisogni della cittadinanza. Ciò è dimostrato non solo dalle lunghissime liste d'attesa per ricoveri ordinari, ma anche dagli ultimi eventi che hanno visto il Galliera sulle pagine dei quotidiani almeno una volta alla settimana ( per le barelle in fila al pronto soccorso, ndr); manca personale, mancano medici, mancano persino le barelle. Lo stillicidio di denaro pubblico degli anni scorsi ha lasciato il segno. La costruzione del Nuovo Galliera prevede solo 270 posti letto ( rispetto ai 431 disponibili) e con una spesa di circa 150 milioni di euro darà il colpo di grazia alla sanità pubblica". Ancora: "I 6 piani del padiglione C potrebbero ospitare oltre 200 posti letto e ora, per questo scempio di denaro pubblico, vogliono abbatterlo per costruire il Nuovo Galliera" che taglierà ulteriormente i servizi ( già carenti) e costerà un'eresia... ".

Stando invece a quanto spiegano dal cda, i posti letto complessivi sarebbero 404: di cui 298 per i ricoveri ordinari, quaranta diurni e 66 per la riabilitazione.

Comunque, i contenuti della nuova struttura - che a quanto pare sono stati " limati" e modellati secondo in nuovo Piano Sanitario Regionale - saranno illustrati domani, alla presenza del cardinale Angelo Bagnasco ( per statuto è il presidente dell'ente ecclesiastico, antico lascito della Duchessa di Galliera). " L'evento - fa sapere Zampini attraverso un comunicato - servirà a conoscere i perché, i come e i quando di un'opera pensata per rispondere ai più severi requisiti di efficienza, di qualità della cura e di sostenibilità, nell'interesse degli utenti e dell'intera comunità".

Planimetrie e relazioni raccontano di una speculazione edilizia che stravolge il quartiere per trasformare il Galliera in un piccolo ospedale, sbagliato dal punto di vista urbanistico e senza tutto quel verde che si promette attorno alla nuova struttura, ribadisce la portavoce dei comitati Paola Panzera. In ogni modo, i vertici ospedalieri secondo la nuova normativa, oltre a dotarsi del progetto preliminare, dovranno presentare quello definitivo e in questo contesto dovrà essere scelta la società di progettazione.

I posti letto

I punti

Tutti i numeri di un ospedale pensato già nel 2000 1 all'origine dovevano essere 620, poi sono stati ridotti a 470 (secondo le direttive impartite dalla Regione e dal Piano Sanitario Regionale), infine a 404, di cui 298 destinati ai ricoveri ordinari, quaranta a quelli diurni (Day Surgery e Day Hospital) e 66 per la riabilitazione degli ammalati in convalescenza e per gli anziani 2 I costi Secondo la prima progettazione del 2009 la realizzazione dell'intera struttura sarebbe costata 180milioni di euro. Un terso a carico della Regione. Poi con la riduzione delle volumetrie e dei posti letto, si è arrivati a 135 milioni, con una parte da recuperare attraverso un mutuo.

3 Le elevazioni I piani della struttura dovrebbero essere sette in tutto: tre esterni, tre seminterrati (a piano strada rispetto a via Vannucci), uno interamente interrato e destinato a parcheggi sotterranei 4 Le prestazioni Ogni anno - secondo i numeri forniti dall'ospedale - attualmente sono oltre 30 mila i pazienti ricoverati; più di diecimila gli interventi chirurgici, cinquantamila gli accessi al pronto soccorso





news

07-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 7 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news