LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuovo Galliera, altro ricorso al Tar
Giuseppe Filetto
17 dicembre 2017 LA REPUBBLICA




Italia Nostra contro la Soprintendenza Intanto, i vertici ospedalieri presentano il progetto alla città

Finora - dicono i vertici del Galliera - il progetto del nuovo ospedale non era stato presentato in pubblico. I cittadini lo hanno conosciuto attraverso i media. Così, sotto Natale, il nuovo vice presidente del cda Giuseppe Zampini decide di fare (e di farsi) un regalo: domani, alle 17, nella Sala delle Grida del Palazzo della Borsa, è in programma l'incontro "Il Nuovo Galliera per la città".

Nel " nuovo" progetto di fatto non c'è quasi nulla rispetto a quello di 10 anni fa. Tranne la riduzione di due piani, già resa nota. Tranne un altro ricorso al Tar Liguria da parte di Italia Nostra. Che questa volta punta l'indice contro la Soprintendenza e il ministero dei Beni Culturali: per il decreto di vincolo indiretto che - secondo l'associazione ambientalista - non tutela il complesso monumentale dell'ospedale, ma " consente l'accerchiamento, la completa saturazione dell'area, impedendone le visuali e la totale eliminazione del verde".

A supporto di quanto sostiene Italia Nostra e in occasione della presentazione del progetto, l'Unione Sindacato di Base mette in atto un presidio davanti il Palazzo della Borsa (in via XX Settembre), "invitando i lavoratori e i cittadini". L'Usb (ben rappresentata all'interno del Galliera) snocciola un po' di cifre. E scrive: " L'ospedale attualmente può contare 431 posti letto, già insufficienti a soddisfare i bisogni della cittadinanza. Ciò è dimostrato non solo dalle lunghissime liste d'attesa per ricoveri ordinari, ma anche dagli ultimi eventi che hanno visto il Galliera sulle pagine dei quotidiani almeno una volta alla settimana ( per le barelle in fila al pronto soccorso, ndr); manca personale, mancano medici, mancano persino le barelle. Lo stillicidio di denaro pubblico degli anni scorsi ha lasciato il segno. La costruzione del Nuovo Galliera prevede solo 270 posti letto ( rispetto ai 431 disponibili) e con una spesa di circa 150 milioni di euro darà il colpo di grazia alla sanità pubblica". Ancora: "I 6 piani del padiglione C potrebbero ospitare oltre 200 posti letto e ora, per questo scempio di denaro pubblico, vogliono abbatterlo per costruire il Nuovo Galliera" che taglierà ulteriormente i servizi ( già carenti) e costerà un'eresia... ".

Stando invece a quanto spiegano dal cda, i posti letto complessivi sarebbero 404: di cui 298 per i ricoveri ordinari, quaranta diurni e 66 per la riabilitazione.

Comunque, i contenuti della nuova struttura - che a quanto pare sono stati " limati" e modellati secondo in nuovo Piano Sanitario Regionale - saranno illustrati domani, alla presenza del cardinale Angelo Bagnasco ( per statuto è il presidente dell'ente ecclesiastico, antico lascito della Duchessa di Galliera). " L'evento - fa sapere Zampini attraverso un comunicato - servirà a conoscere i perché, i come e i quando di un'opera pensata per rispondere ai più severi requisiti di efficienza, di qualità della cura e di sostenibilità, nell'interesse degli utenti e dell'intera comunità".

Planimetrie e relazioni raccontano di una speculazione edilizia che stravolge il quartiere per trasformare il Galliera in un piccolo ospedale, sbagliato dal punto di vista urbanistico e senza tutto quel verde che si promette attorno alla nuova struttura, ribadisce la portavoce dei comitati Paola Panzera. In ogni modo, i vertici ospedalieri secondo la nuova normativa, oltre a dotarsi del progetto preliminare, dovranno presentare quello definitivo e in questo contesto dovrà essere scelta la società di progettazione.

I posti letto

I punti

Tutti i numeri di un ospedale pensato già nel 2000 1 all'origine dovevano essere 620, poi sono stati ridotti a 470 (secondo le direttive impartite dalla Regione e dal Piano Sanitario Regionale), infine a 404, di cui 298 destinati ai ricoveri ordinari, quaranta a quelli diurni (Day Surgery e Day Hospital) e 66 per la riabilitazione degli ammalati in convalescenza e per gli anziani 2 I costi Secondo la prima progettazione del 2009 la realizzazione dell'intera struttura sarebbe costata 180milioni di euro. Un terso a carico della Regione. Poi con la riduzione delle volumetrie e dei posti letto, si è arrivati a 135 milioni, con una parte da recuperare attraverso un mutuo.

3 Le elevazioni I piani della struttura dovrebbero essere sette in tutto: tre esterni, tre seminterrati (a piano strada rispetto a via Vannucci), uno interamente interrato e destinato a parcheggi sotterranei 4 Le prestazioni Ogni anno - secondo i numeri forniti dall'ospedale - attualmente sono oltre 30 mila i pazienti ricoverati; più di diecimila gli interventi chirurgici, cinquantamila gli accessi al pronto soccorso





news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news