LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Andrea Carandini " Basta restauri, solo la manutenzione programmata può salvare l'arte"
17 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



Il Mibact, ed è la mentalità generale del Paese, pensa solo ai restauri a danno avvenuto.

Andrea Carandini, uno dei principali archeologi italiani, presidente del Fondo ambiente italiano, è a Villa Pignatelli per l'incontro interregionale dell'associazione che guida dal 2013. La caduta di due vetrate dalla chiesa del Gesù e di San Domenico Maggiore non lo sorprende. La sola risposta sarebbe la manutenzione programmata, ma non piace ai politici dice.

Professore Carandini, perché questi crolli nel cuore di Napoli?

Con i restauri si cerca di fermare il degrado e di ritornare alla situazione precedente. Ma sono costosissimi e quindi solo pochissimi beni possono essere restaurati. Invece con gli stessi soldi si potrebbe fare molto di più in modo molto più leggero: la mantenzione programmata. Invece di investire moltissimo su pochissime opere si potrebbe investire la stessa quantità di soldi su moltissime opere e rendere inutili anche i restauri.

E perché non si fa?

La manutenzione evita i disastri come questi di Napoli. I restauri sono occasione per i politici che possono inaugurare cantieri. Con la manutenzione ordinaria invece non c'è proprio nulla da inaugurare, è una prassi ricorrente.

Più manutenzione e meno restauri, che cosa si può fare?

Questa era l'ottica indicata negli anni Ottanta da Giovanni Urbani, grande direttore dell'Istituto centrale del restauro che non è stato minimanente ascoltato.

Anche a Pompei la grande cifra di denaro che l'Europa ci ha dato, invece di essere destinata alla manutenzione complessiva del sito, è stata investita sul restauro del cinque per cento delle case. Alla manutenzione è stato dato un residuo insignificante.

E Napoli potrebbe essere un luogo dove fare un grande progetto di manutenzione?

Non credo che sia facile, perché c'è già il cattivo esempio di Pompei.

I restauri delle case pompeiane fanno effetto, e in certo senso è bene. Se si potessero fare manutenzione e restauro insieme, sarebbe meglio, ma con le risorse limitate si deve scegliere: serve più mantenere 1.500 case o restaurarne 5?.

Ma la soprintendenza dice che si fa manutenzione programmata...

Non bastano 30 operai che vanno in giro. Né è stata ancora messa in piedi a Pompei, è un metodo conoscitivo. E poi tutti i fondi devono essere destinati alla manutenzione, non è un residuo di spesa per un lavoretto di qua e di là. Pompei non ha bisogno di questo, ma di un lavoro sistematico che era quello del progetto che avevamo varato io e Roberto Cecchi, all'epoca segretario generale del Mibact. Se fossi Massimo Osanna direi: "Ho ricevuto l'incarico per i restauri con il Grande progetto, cerco di mettere un po' di fondi per la manutenzione, ma è chiaro quella è un'altra cosa. Vorrei vararla e chiedo al ministero di farla da un certo momento in poi".

Invece Osanna dice che fa anche la manutenzione, ma non si può avere botte piena e moglie ubriaca. E se viene un terremoto e Pompei crolla, la città non è scientificamente documentata, è totalmente inedita.

È un'autocritica alla categoria degli archeologi?

Certo, chi devo criticare se non gli archeologi. La pubblicazione archeologica non è un bell'effetto multimediale, può servire per comunicare, ma è altro. La mia non è una visione cattolico-barocca della religione del bene culturale ma gotico-protestante. Invece oggi prevale la Kunstarchäologie, con lo storico dell'arte che si mette a frugare nella terra senza avere la minima idea di come si scava, si pubblica, si racconta.

L'archeologia stratigrafica è un processo regolare. Ho fatto tante pubblicazioni, ma non un manuale su come si pubblica in archeologia, lo farò. E mi piacerebbe affrontare e studiare un isolato di Pompei nel suo insieme, chissà se succederà.

Come salvare il Centro storico di Napoli?

Con la manuteznione. Sono molto amico del ministro Franceschini e ho ammirato tante sue azioni. Ma lui questa cosa non riesce a capirla. Se una persona fa manutenzione alla propria casa non la vedrà andare in rovina e non servirà un restauro a suon di milioni.

Lo Stato non è un buon padrone di casa...

Lo Stato fa anche delle buone cose sul fronte tutela, ma dal punto di vista della prevenzione, no.

E il Fai come può aiutare?

Intanto dà il buon esempio, non fa restauri milionari, ma mantiene benissimo i propri beni. In più può fare un'opera educativa, fare battaglie culturali. Sono stato presidente del Consiglio superiore dei beni culturali. Il progetto Pompei l'ho varato come una manutenzione programmata insieme a Roberto Cecchi, grande specialista della manutenzione: ma lui non è stato ascoltato, non sono stato ascoltato io, né lo fu Urbani. Il disastro evitato non fa notizia. Se una chiesa viene lasciata così, prima poi qualcosa viene giù.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news