LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caos rifiuti, da Roma accelerano pronto il sì a un termovalorizzatore
Antonio Fraschilla
06 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



Musumeci chiederà una proroga alle discariche ma Palazzo Chigi punta sull'impianto a San Filippo del Mela

Il governo nazionale è pronto a dare il via libera alla costruzione di un termovalorizzatore in Sicilia, bypassando la Regione che al momento ha in vigore un vecchio piano rifiuti varato dal governo Lombardo che non prevede questo tipo di impianti. Il ministero dell'Ambiente la scorsa settimana ha dato parere favorevole al progetto del colosso delle municipalizzate della Lombardia, l'A2a, che vuole riconvertire la centrale elettrica di San Filippo del Mela. Adesso per l'ok definitivo e la firma da parte del ministro Gianluca Galletti della Valutazione d'impatto ambientale manca solo un parere della soprintendenza di Messina. Parere che tre giorni fa è stato sollecitato dal ministero dei Beni culturali. A dimostrazione che da Roma questa volta fanno sul serio.

Proprio mentre la Sicilia è alle prese con l'ennesima emergenza rifiuti, Palazzo Chigi accelera sul progetto di un termovalorizzatore che da solo incenerirà 200 mila tonnellate di rifiuti all'anno.

Ma se il piano rifiuti in vigore non prevede questi impianti, come si potrà autorizzare la costruzione del termovalorizzatore di San Filippo del Mela? La risposta si chiama " decreto Renzi" del 2015. Con quel decreto il governo, per motivi di interesse nazionale, fissava a 700 mila tonnellate la quota di rifiuti che la Sicilia deve valorizzare energeticamente con almeno due inceneritori. E con questo decreto, considerando che la centrale da riconvertire si trova in una zona industriale di competenza ministeriale, Roma può tranquillamente dare il via libera.

L'A2a, partecipata dai Comuni di Milano e Brescia, è un colosso che fattura 4,8 miliardi di euro all'anno ed è pronta ad investire 180 milioni di euro per realizzare il primo modulo di un termovalorizzatore nella ex centrale elettrica, più un secondo modulo, da realizzare in un futuro prossimo, per altre 200 mila tonnellate. Per il primo modulo i tempi di realizzazione stimati dalla A2a variano dai 12 ai 15 mesi. Tempi brevi, insomma.

Per l'ok definito manca solo il parere della sovrintendenza di Messina. E in caso di parere negativo, l'iter non si bloccherà: la decisione finale sarà presa direttamente dal Consiglio dei ministri, e il parere favorevole del ministero dell'Ambiente arrivato nei giorni scorsi avrà un peso maggiore. Insomma, Palazzo Chigi vuole avviare l'iter per costruire questo impianto nel Sud Italia, considerando anche che la Sicilia è in perenne emergenza.

Oggi il governatore Nello Musumeci ha in programma un incontro con il ministro dell'Ambiente Galletti per chiedere ulteriori giorni di deroga al trattamento dei rifiuti da mettere in discarica: senza questa deroga le discariche di fatto chiudono. La vecchia ordinanza commissariale scadeva lo scorso primo dicembre, e per evitare una emergenza sanitaria il ministro ha concesso una proroga, ma solo per 15 giorni. Oggi Musumeci, insieme all'assessore all'Energia Vincenzo Figuccia, dovrà convincere il ministero a dare ulteriori giorni di deroga: ma il ministro ha già scritto a Musumeci chiedendogli di presentarsi con un piano concreto non solo per superare l'emergenza delle discariche, che tra dieci mesi saranno tutte al collasso (Bellolampo sarà piena già a gennaio), ma anche su come intende mettere a regime il sistema. Nel breve periodo Roma chiede di inviare i rifiuti all'estero e di riconvertire alcune cementerie (come quella della Italcementi a Isola delle femmine). Inoltre chiede di pubblicare i bandi per l'avvio dell'impiantistica che dovrà sostituire le discariche.

Musumeci e Figuccia oggi chiederanno un aiuto per inviare i rifiuti anche fuori Regione in una fase transitoria e comunque, cosa fondamentale, una proroga di almeno sei mesi dell'ordinanza commissariale che consente di trattare i rifiuti in deroga alle norme ambientali. Basterà la disponibilità a inviare fuori Regione i rifiuti e a fare un piano sull'impiantistica (l'ennesimo) a convincere il ministero a concedere questa proroga? Di certo c'è che nel frattempo il governo è pronto ad autorizzare un termovalizzatore in Sicilia.





news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news