LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POMPEI LE SCELTE NECESSARIE
di MASSIMO OSANNA
18 dicembre 2017 LA REPUBBLICA




Scrivo in riferimento all'intervista ad Andrea Carandini "Basta restauri, solo la manutenzione programmata può salvare l'arte" del 17 dicembre su questo quotidiano, in cui si fa riferimento ad attività di manutenzione e restauro del Parco archeologico di Pompei di questi ultimi anni.
n riferimento all'intervista ad Andrea Carandini "Basta restauri, solo la manutenzione programmata può salvare l'arte" del 17 dicembre su questo quotidiano, in cui si fa riferimento ad attività di manutenzione e restauro del Parco archeologico di Pompei di questi ultimi anni, è necessario fare chiarezza sugli approcci progettuali e le modalità esecutive del Grande Progetto Pompei in generale e in particolare sul progetto di manutenzione attualmente in essere, per sgombrare il campo da spiacevoli equivoci. La grave situazione conservativa in cui versava Pompei prima del Grande Progetto, in gran parte inaccessibile, con strutture murarie e apparati decorativi in grande sofferenza, era principalmente imputabile alla grande estensione del sito e ai danni inferti dal terremoto dell'80, ma soprattutto alla mancanza di continuità di cure costanti almeno dalla fine degli anni ' 70. La scelta che è parsa più opportuna è stata quella di investire la maggior parte delle risorse nel ripristino delle condizioni di sicurezza dei monumenti, che consentissero di rendere nuovamente fruibile la quasi totalità della città antica in tempi ragionevolmente brevi, e al tempo stesso di destinare una parte residuale dei fondi nel restauro di alcuni complessi edilizi, che versavano in condizioni di degrado estremamente avanzato e non più visibili da decenni. I lavori di messa in sicurezza, progettati ed eseguiti su tutti gli edifici entro le mura della città antica, hanno consentito un riallineamento prestazionale diffuso, in particolare delle strutture murarie e degli intonaci, con un sostanziale miglioramento dell'intero contesto. Difficilmente si sarebbe potuto avviare un efficace programma di manutenzione senza aver prima affrontato le maggiori criticità strutturali di elementi architettonici o di sezioni murarie in condizioni di pregiudizio statico, o aver fronteggiato le esigenze di consolidamento di numerosissime superfici murarie o decorate. Ancor prima dei lavori di messa in sicurezza si è proceduto al rilievo di dettaglio e alla mappatura del degrado di tutti gli organismi edilizi di Pompei, un quadro conoscitivo di straordinaria importanza che consentirà di poter disporre di parametri di riferimento relativi a un preciso momento storico, che saranno utilissimi per affrontare in futuro lo studio della velocità di evoluzione del degrado. Contemporaneamente, a partire dal 2015, è stato avviato un progetto di manutenzione programmata avvalendosi di una struttura organizzativa dotata di competenze specialistiche pluridisciplinari. Il servizio è stato affidato ad Ales Spa, società in house del Mibact con esperienza pluridecennale nel settore della manutenzione archeologica. Tale progetto ha tenuto conto della riflessione critica e del lungo percorso di studi e sperimentazioni condotte in Italia negli ultimi quarant'anni, che hanno introdotto un cambiamento di prospettiva nel modo di pensare e di approcciare alla manutenzione. Questo cambiamento metodologico consiste nel passaggio da interventi prevalentemente operativi, come avveniva in passato, a processi di studio e di controllo da attuare prima, durante e dopo le fasi strettamente esecutive. Il monitoraggio viene eseguito da uno staff di archeologi e architetti specializzati, coadiuvati da restauratori e ingegneri strutturisti, che quotidianamente ispezionano i monumenti ed elaborano report conoscitivi con programmi di manutenzione a breve o a medio termine, in parte da eseguire con lo stesso personale interno, in parte da esternalizzare. La presenza quotidiana di restauratori e operai specializzati, coordinati da archeologi e architetti che si occupano esclusivamente di manutenzione, consente di rispondere con efficienza alle innumerevoli emergenze conservative che presenta un'intera città sottoposta ad elevati flussi di visita. Nel progetto di manutenzione avviato, la teoria della conservazione programmata promossa da G. Urbani, è tradotta in un servizio continuativo di monitoraggio e manutenzione, gestito da uno staff tecnico- scientificoc, on l'obiettivo di individuare le priorità di intervento e di ridurre i lavori ai soli veramente necessari. Il percorso tracciato porterà alla graduale costruzione del piano di manutenzione del sito, prevedendo nei prossimi anni una continuità d'azione ma soprattutto un grande impegno sotto il profilo delle motivazioni e del valore " etico" della cura.

In futuro saranno coinvolte le migliori energie scientifiche e tecniche, per sfruttare al meglio l'occasione di conoscenza e di formazione pratica che solo un sistema di manutenzione già operante può garantire, favorendo percorsi didattici multidisciplinari e lo sviluppo di una rinnovata sensibilità per la cultura della conservazione.

L'autore è direttore generale del Parco archeologico di Pompei



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news