LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un nuovo respiro alla Sabauda per il Rinascimento piemontese
Marina Paglieri
16 dicembre 2017 LA REPUBBLICA




Da Giovanni Martino Spanzotti a Macrino d'Alba, da Gandolfino da Roreto a Defendente e Gaudenzio Ferrari, quest'ultimo definito il Raffaello del Nord. Si intitola "Un'altra armonia" il nuovo percorso attraverso i maestri del Rinascimento in Piemonte, che si è inaugurato ieri e apre oggi al pubblico al piano terreno della Galleria Sabauda. E si respira davvero un'atmosfera diversa rispetto al precedente allestimento in ordine cronologico delle opere della pinacoteca, che non rendeva giustizia della complessità del collezionismo in un periodo cruciale per lo sviluppo dell'arte nella nostra regione.

Il nuovo allestimento permanente, rigoroso e coinvolgente, che accompagna la visione di dipinti bellissimi all'ascolto di musiche del tempo, con vetrine a tema in cui sono presenti pezzi delle collezioni dei Musei Reali, dal disegno con la Madonna e il Bambino di Bernardino Lanino dalla Biblioteca Reale alle medaglie di Carlo II dall'Armeria, che rimandano al rapporto tra artista e committente e schermi multimediali, arriva a due anni dall'avvio del processo di autonomizzazione dei Musei Reali voluto dal Mibact e dall'insediamento della direttrice Enrica Pagella. Che festeggia la scadenza di metà mandato con un aumento del 20,5 per cento di visitatori rispetto all'anno scorso.

I Musei Reali hanno superato la prima fase dice Pagella Sono state riaperte porte, riallacciati rapporti, è stato dato un nuovo nome e un'identità visiva unica.

C'è ancora molto da fare, ma stiamo lavorando a rendere i nostri musei più accessibili, innovativi e inclusivi, perché credo che possiamo giocare alla pari con le grandi istituzioni museali internazionali.

Ed è davvero all'altezza di prestigiose raccolte europee quella presentata nel nuovo percorso, con cinquanta opere esposte in 280 metri quadrati, divise in nove sezioni. Si parte dall'"Eleganza gotica", con i dipinti tra gli altri di Barnaba da Modena e Antoine de Lohny, si passa agli "Altari del Piemonte", con i polittici a più scomparti comuni fino alla fine del Cinquecento. Altri spazi sono dedicati a Giovanni Martino Spanzotti, casalese d'origine, cui si deve tra l'altro la monumentale parete affrescata di San Bernardino a Ivrea, e all'allievo e collaboratore Defendente Ferrari, attratto dalla pittura nordica. Se Defendente guarda oltre le Alpi, in risposta alla diffusione delle novità che arrivano da Roma, Macrino d'Alba conosce bene gli artisti umbri come Pinturicchio e Perugino. Tra gli "Eccentrici" troviamo Pietro Giammorseo, autore di opere singolari in cui esperienze fiamminghe sono fuse con motivi propri della cultura figurativa piemontese, con suggestioni derivate da Leonardo da Vinci.

Un capitolo a parte merita Gaudenzio Ferrari, pittore, scultore e musicista, l'artista più importante del Rinascimento tra Piemonte e Lombardia, paragonato addirittura a Raffaello, che passa il testimone agli allievi Lanino e Giovenone. Una sezione è dedicata all'organizzazione della bottega, senza la quale l'artista medievale e rinascimentale non poteva ideare né produrre. Il percorso si conclude con il Manierismo, fase in cui i modelli di Raffaello e Leonardo diventano un riferimento d'obbligo.

Con questo allestimento abbiamo voluto coinvolgere il visitatore, fare vedere anche opere che non erano previste nel precedente, che seguiva criteri solo cronologici, mettendo in risalto il loro rapporto con la terra d'origine dice la responsabile della Galleria Sabauda Anna Maria Bava Pochi musei al mondo hanno una collezione così ricca legata al proprio territorio, in questo caso così importante.

Perché il Piemonte era allora, tra Quattro e Cinquecento, crocevia di artisti che guardavano a culture diverse, dal nord Europa alla pianura padana fino al centro Italia.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news