LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASTIGLIONE DEI PEPOLI-L'elmo romano è finto. "L’ho fatto io 30 anni fa"
GABRIELE MIGNARDI
http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/elmo-romano-1.3622734

Annuncio choc di Marco Carpani. "E' stato per vent'anni il gioco dei bimbi di casa, poi è stato abbandonato nel bosco"



"L’elmo romano? L’ho fatto io, una trentina d’anni fa con la calotta in ferro battuta e qualche lastra di ottone lavorata con pazienza». Non ha dubbi, anzi per sgomberare il campo da ogni equivoco esibisce un altro esemplare della sua perizia artigiana Marco Carpani, settantenne bolognese, ex insegnante di educazione artistica, guida turistica di vecchio corso, maestro d’arte al carnevale di Persiceto e soprattutto appassionato ed esperto cultore di storia antica e moderna.

Il 30 novembre, quando i principali quotidiani cittadini hanno dato notizia del ritrovamento a Castiglione dei Pepoli di un elmo di epoca romana databile a primo o secondo secolo dopo Cristo si è incuriosito, poi dalle immagini ha riconosciuto l’opera delle sue mani. Ci ha riso su, ci ha pensato qualche giorno, e poi ha deciso di scrivere alla Soprintendenza alle belle arti e al paesaggio di Bologna che con un comunicato aveva divulgato la notizia, per chiarire come stanno le cose.

«Nelle foto pubblicate ho riconosciuto l’elmo da legionario che io eseguii nell’estate di 30-35 anni fa nella casa di mia moglie in località Serraglio di Baragazza. Questo elmo divenuto in seguito oggetto dei giochi dei tanti bambini e ragazzi che si sono alternati nel corso di 20 anni nella casa, fu abbandonato nel bosco e di esso si sono perse le tracce anche perché la casa non fu più abitata causa la frana di 15 anni fa», racconta divertito e anche in qualche modo lusingato per essere riuscito a realizzare una copia talmente realistica da trarre in inganno gli archeologi della Soprintendenza.

E spiega: «La calotta fu eseguita utilizzando la parte superiore di un elmetto del quale è riconoscibile la fessura per l’aerazione sulla sommità. Mentre le paragnatidi, il paranuca, i paraorecchie e la fascia frontale sono di ottone ricavato da una lastra moderna», dice aggiungendo dettagli sulla formazione delle cerniere, degli esemplari originali ai quali si è ispirato e alla tecnica usata.

Poi aggiunge: «Mi rendo conto che la fattura decisamente artigianale dell’elmo, costruito servendomi di un martello o poco più, e la correttezza filologica della forma possano aver tratto facilmente in inganno. Ho poi letto di ipotesi di musei, di studi di approfondimento storico e di itinerari culturali. Il mio senso civico mi ha spinto ad inviare questa comunicazione alle autorità competenti onde evitare vane illusioni ed equivoci imbarazzanti», conclude il professor Carpani ben deciso ad evitare ogni facile paragone con la beffa livornese delle false teste di Modigliani.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news