LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA-La Giunta Pigliaru contro il Paesaggio
http://emergenzacultura.org, 20/12/2017

La Consulta Ambiente e Territorio (A.T.S.) non può esimersi dal rilevare lennesimo atto posto in essere dalla Giunta Pigliaru e da parte del Consiglio relativamente al Piano casa, oramai in scadenza, prorogandolo fino al 30 giugno del 2019: un tempo lunghissimo nel quale sarà possibile lincremento delle volumetrie del 30%, con lesclusione dei soli centri storici, notizia data con grande soddisfazione dalla Regione e accolta più che favorevolmente dal settore edilizio che potrà così agevolmente programmare i lavori di futura compromissione del territorio.

In questo lasso temporale sinserisce anche la proposta di legge, o disegno, sul governo del territorio, approvata dalla Giunta regionale lo scorso marzo, e che ha suscitato non poche critiche ben circostanziate dalla scrivente Consulta, che ha posto in evidenza, nei diversi comunicati stampa e iniziative pubbliche, i limiti di una norma che rasenta lincostituzionalità, che va respinta al mittente. Gli articoli del testo di legge più avversati e dibattuti pubblicamente, gli Artt., 30, 31, 43 e A4 che espongono i beni ambientali e paesaggistici a un inevitabile declino, nonostante, ricordiamolo, tali beni siano tutelati anche dallart.9 della Costituzione, dal Piano Paesaggistico Regionale (P.P.R. 2006), redatto e varato in attuazione al Codice Urbani, d. lgs. n. 42 del 2004, norme sovraordinate non scardinabili o by-passabili neanche attraverso la specialità della Regione Sardegna in materia urbanistica (di fatto solitamente poco esercitata, e per di più male, come nel caso in oggetto e addirittura contrapposta ai vicoli indicati dal Codice), restando in capo allo Stato la materia paesaggistica.

In questo frangente si rilancia il Piano casa, nato nel lontano 2009 sotto il governo Berlusconi e poi rilanciato di volta in volta in successivi aggiornamenti ed estensioni temporali, lultima è la L.R. n.8 del 2015; da rilevare lastensione del centro-destra dal voto nella seduta consiliare per mancata estensione della norma ai centri storici, con tutta evidenza ritenuto troppo restrittivo.

Ovviamente il Piano casa non basta ai nostri ineffabili legislatori regionali: necessita approvare la legge regionale sul governo del territorio affinché si concretizzino le mirabolanti cubature in previsione, lungo la fascia costiera ma anche nelle aree interne, che ad oggi sono ancora sprovviste di pianificazione paesaggistica: ci si aspettava che in questa legislatura si completasse il Piano Paesaggistico Regionale, oggi ancora monco, che a causa di tale incompletezza produce altri effetti negativi, con interventi programmati in assenza di regole certe e soprattutto dei reali vincoli e potenzialità contenute nel Piano.

Eppure il Presidente Pigliaru sottolineava nellintervento di presentazione del ddl, marzo 2017, come la qualità paesaggistica sia la grande risorsa di sviluppo presente e futuro della Sardegna, il principale fattore di ricchezza, aggiungendo che il ddl nasce da una filosofia di rigorosa tutela del paesaggio, evidenziando elementi di flessibilità governata e virtuosa nellattuale normativa, di cui propone un aggiornamento prudente, mirato allequilibrio tra sostenibilità e sviluppo, rispetto ambientale e creazione di ricchezza e occupazione.

Come dimostrato nei diversi interventi e comunicati stampa della Consulta, il ddl in discussione va in direzione diametralmente opposta, tranne per la creazione di ricchezza, sì in altri luoghi e in mani esterne, esempio ne siano le diverse proposte del Qatar, ma anche di altri gruppi: in tutto ciò non vi è nulla di virtuoso, si legge invece unaccomodante volontà di svendita del territorio e dei suoi beni, una pretestuosa flessibilità governativa utile ad appagare interessi che nascono al di fuori delle reali esigenze di buon governo dellisola: vizi sostanziali che non possono mantenere alcun equilibrio tra sostenibilità e sviluppo, rendendo tali propositi parole vuote prive di contenuto. La Consulta ritiene deleteria la proroga del Piano casa, e tanto più la possibile approvazione del ddl in discussione, mentre risulta di vitale importanza completare lattività conoscitiva e di ricognizione del quadro ambientale, paesaggistico e culturale con lestensione agli ambiti interni del P.P.R. (così come promesso in campagna elettorale da Francesco Pigliaru), e conseguentemente adeguare gli strumenti urbanistici (P.U.C.), e garantire tempi certi per ladeguamento dei PUC almeno di tutti quei comuni ricadenti negli ambiti costieri (visto la perdurante assenza di pianificazione regionale degli ambiti interni, come su riportato), quali a solo titolo di esempio Olbia, Arzachena, Cagliari, Alghero oramai in ritardo più che decennale.

Consulta Ambiente e Territorio della Sardegna

WWF -GRIG ITALIANOSTRA FederParchi.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news