LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Il Macro entra nel Polo del Contemporaneo: sarà una piazza aperta alla città
Graziella Melania Geraci
www.ilgiornaledellarte.com, 22/12/2017

Il nuovo direttore artistico, l'antropologo Giorgio de Finis, annuncia per ottobre un progetto sperimentale (un museo senza mostre). A gennaio, intanto, i Pink Floyd


Conferenza stampa al veleno il 21 dicembre al Macro per la presentazione ufficiale del nuovo curatore artistico del museo di via Nizza, Giorgio de Finis, ideatore e creatore del Maam, il Museo dellaltro e dellaltrove Metropoliz, ex fabbrica sulla Prenestina occupata da circa 200 persone tra italiani, rumeni, ucraini, marocchini e luogo di sperimentazione artistica con murales, installazioni, foto e dipinti donati da artisti famosi e meno noti.

Il progetto Macro_asilo di Giorgio de Finis, definito direttore squatter, antropologo, artista, curatore indipendente, saggista e personaggio eclettico, è stato raccontato presso il museo disegnato da Odile Decq tra non poche polemiche degli addetti al settore scandalizzati dalla non conformità agli standard abituali.
Alla conferenza stampa cerano Luca Bergamo, il vicesindaco con delega alla Crescita culturale del Comune di Roma (il Macro è comunale), fautore della nomina di de Finis nonché unico politico entrato al Maam, Eleonora Guadagno, presidente della Commissione Cultura, Fabio Merosi, direttore generale dellAzienda Speciale Palaexpo (società che sarà il motore del nascente Polo del Contemporaneo di cui fa parte il Macro: dal prossimo 1 gennaio metterà in connessione il Palazzo delle Esposizioni con, appunto, il Macro e il Mattatoio), Cristiana Collu, direttrice della Galleria Nazionale, Bartolomeo Pietromarchi, direttore del MaXXI e Michelangelo Pistoletto, seduto vicino al de Finis e del cui progetto ha detto: Parlerei di una parola: utopia, che è un non luogo. Nel momento in cui si crea un luogo e si crea un progetto lutopia diventa realtà. Con il Maam cè stato il primo caso di creazione, ora levento si ripete, in un luogo che è del futuro dove mettere larte in connessione con tutti gli ambiti della vita sociale.

Non poche le novità di questa rivoluzione ante litteram: il Macro_asilo avrà una durata di 15 mesi (da ottobre 2018) durante i quali il museo diventerà una piazza aperta alla città, uno spazio comune, non ci saranno mostre, sarà il museo a mostrarsi, afferma de Finis, ospitando gli artisti e i loro studi, una chiamata alle armi aperta a tutti coloro che si autodefiniscono artisti stabilirà la partecipazione collettiva, anzi corale, alle attività, la collezione permanente del museo verrà valorizzata, ci saranno incontri ed eventi ogni giorno e nel fine settimana saranno invitati artisti dallestero. Tutto ciò con un budget di 800mila euro, come quello degli altri anni, specifica Bergamo parlando anche della gratuità dellingresso al Macro_asilo ma anche della volontà di estenderla ad altri musei romani.
Intanto dal 19 gennaio 2018 fino a luglio il Macro presenta la mostra dedicata ai Pink Floyd, in arrivo dal Victoria and Albert di Londra, mentre, aspettando lasilo, i mesi estivi rientreranno nella programmazione dellEstate romana.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news