LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PADOVA - Intellettuali per il ponte San Lorenzo
Luca Preziusi
22 dicembre 2017 IL MATTINO DI PADOVA




Il ponte San Lorenzo giace abbandonato nel degrado da ormai più di quattro anni e per "salvarlo" si muovono anche archeologi, storici e saggisti di fama internazionale. Stimolati dall'ex direttore dei Musei Civici, Girolamo Zampieri, personalità del calibro di Salvatore Settis, Philippe Daverio e Franco Cardini, più un'altra quindicina di intellettuali, hanno firmato una petizione indirizzata al sindaco Sergio Giordani, affinché il ponte romano di piazza Antenore venga recuperato. Non c'è alcuna vena polemica, ma il nostro vuole essere un incoraggiamento per l'amministrazione perché si faccia carico della riqualificazione dell'unico vero monumento dell'epoca romana rimasto a Padova, ha spiegato Zampieri. Io all'epoca avevo un progetto di musealizzare tutta l'area, compresa la tomba di Antenore, che prevedeva anche l'esposizione di imbarcazioni monossili e reperti afferenti all'antico corso del fiume Brenta. Finora non conosciamo i piani di questa giunta. Il tesoro d'arte romana è chiuso dal 2013 e oggi è anche invisibile agli ignari turisti. Parliamo di un gioiello in pieno centro che era stato affidato dall'assessore Andrea Colasio (durante la giunta Zanonato), alla gestione di Legambiente. Gli attivisti avevano costituito il gruppo "Salvalarte" che, oltre a prendersene cura, coordinavano anche le visite. Nel tempo però sono emersi problemi di sicurezza che hanno costretto gradualmente alla chiusura del sottopassaggio tra via San Francesco e piazza Antenore dov'era possibile vedere il vecchio ponte. L'idea dell'assessore all'edilizia monumentale dell'epoca, Luisa Boldrin, di ricoprire con una lastra di vetro la parte di viale dal quale si potevano osservare i resti, non ha avuto successo, tant'è che oggi è piena di condensa e sfregiata dai writers (all'epoca costò circa 20 mila euro).Da qui la raccolta firme, che oltre ai tre già citati ha ottenuto il via libera dagli storici dell'arte Francesco Caglioti, Tomaso Montanari e Giuliano Pisani, e poi ancora Chiara Frugoni, Donato Cioli, Irene Favaretto, Giovanni Gorini, Andrea Saccocci, Jacopo Boneto, Giovanni Leonardi, Guido Rosada, Paolo Liverani, Giovanni Baldissin Molli, Francesco Cozza, Iles Braghetto, Sergio Costa e l'ex sindaco e attuale vicepresidente dell'Opv Paolo Giaretta. Sono tutte persone che stimo e assicuro che è una priorità mia e di questa amministrazione riqualificare il ponte e inserirlo nel ciclo della "Grande Patavium romana", ha assicurato l'assessore alla cultura, Andrea Colasio. Sarà inserito nel bilancio del 2018 ed entro il primo semestre partirà un grande progetto di recupero.




news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news