LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GIARDINI NAXOS-astello di Schisò venduto all'asta, ma la Regione è dietro l'angolo
Salvatore Zappulla
La Sicilia, 27/12/2017

Lintero complesso del Castello di Schisò (del XIII sec.) che si affaccia sulla baia di Giardini Naxos (Messina), è stato acquistato dal gruppo imprenditoriale Chincherini, unico partecipante all'asta pubblica e già proprietario di alberghi sul Lago di Garda in Trentino e in Sicilia, per la cifra di un milione e 615mila euro, corrispondente al 25% in meno rispetto all'importo fissato a base dasta di 2 milioni e 152 mila euro, nellambito di una procedura esecutiva immobiliare pendente innanzi al Tribunale di Messina. Un monumento tra i più antichi della riviera messinese, sottoposto al diritto di prelazione da parte della Regione, così come previsto dallex art. 59 del Codice dei beni culturali, per lacquisto del quale, da decenni, lassessorato regionale ai Beni culturali ha tentato più volte lavvio di procedure di esproprio (stanziando ingenti somme, circa 12 miliardi delle vecchie lire), bloccate dai proprietari, che si sono sempre opposti in sede giudiziale con il risultato che in questi anni non è stato possibile concretizzare lacquisto.

Una volontà quella di acquisire il maniero al patrimonio regionale, che nei giorni precedenti lasta era stata manifestata pubblicamente dal neo assessore ai Beni culturali Vittorio Sgarbi, il quale nel suo primo atto da assessore aveva dato lautorizzazione al Parco archeologico di Naxos-Taormina di partecipare allasta per aggiudicarsi il castello di via Calcide Eubea (la cui acquisizione risultava già peraltro deliberata lo scorso fine ottobre dall'Ente Parco di Naxos, con lo stanziamento dei fondi necessari all'acquisto). Un complesso storico, sul quale la Regione, nel caso il Parco non si fosse aggiudicato lasta, avrebbe esercitato in ogni caso il diritto di prelazione, acquistandolo al prezzo di costo dal privato che si sarebbe aggiudicato il castello di Schisò. Una dichiarazione quella dell'assessore regionale ai Beni culturali, immediatamente prima dellasta, ritenuta dagli attuali proprietari, i fratelli Paladino, seguiti dagli avvocati Rafaela Pugliano del foro di Messina e Francesco Saccone di Catania "affrettata e prematura", con l'effetto di scoraggiare diversi investitori dal formalizzare unofferta di acquisto nell'ambito della svendita senza incanto del Castello di Schisò, il cui valore a base dasta di 2 milioni e 152mila euro, ritenuto basso, veniva contestato dai proprietari nel corso del procedimento. A questo punto ci si attende da parte della Regione la dichiarazione del diritto di prelazione.

La legge prevede che il decreto del giudice, di trasferimento dell'immobile all'acquirente, venga notificato alla Regione ai sensi dell'ex art.59 del codice dei beni culturali, al fine delleventuale diritto di prelazione che dovrebbe essere esercitato entro 60 giorni. Il castello la cui parte quadrangolare risale allepoca bizantina, quando il borgo di Naxos era un importante base navale, grazie a fondi comunitari, è stato oggetto negli ultimi anni di un importante, sebbene parziale, intervento di restauro delle sue sale più prestigiose. Dalla sala con la splendida mensola lignea intagliata con losanghe, di epoca normanna, alla cappella palatina dedicata a San Pantaleone, santo doriente, alla sala dei bastioni e dei camminamenti bizantini. Lavori progettati e diretti dall'arch. Daniele Raneri e dall'ing. Sebastiano Di Prima, già artefici del restauro del vicino castello di Calatabiano.

Per il comitato tecnico scientifico dell'ente Parco Archeologico di Naxos che lo scorso 31 ottobre si era espresso a favore della sua acquisizione, il Castello di Schisò oltre ad essere logisticamente adiacente al Parco, è provvisto di tutti quegli spazi necessari per la realizzazione di un nuovo museo archeologico, con aule didattiche e salette conferenza, oltre a spazi per depositi e locali indispensabili per un istituzione museale e per il Parco stesso.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news