LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GIARDINI NAXOS-astello di Schisò venduto all'asta, ma la Regione è dietro l'angolo
Salvatore Zappulla
La Sicilia, 27/12/2017

Lintero complesso del Castello di Schisò (del XIII sec.) che si affaccia sulla baia di Giardini Naxos (Messina), è stato acquistato dal gruppo imprenditoriale Chincherini, unico partecipante all'asta pubblica e già proprietario di alberghi sul Lago di Garda in Trentino e in Sicilia, per la cifra di un milione e 615mila euro, corrispondente al 25% in meno rispetto all'importo fissato a base dasta di 2 milioni e 152 mila euro, nellambito di una procedura esecutiva immobiliare pendente innanzi al Tribunale di Messina. Un monumento tra i più antichi della riviera messinese, sottoposto al diritto di prelazione da parte della Regione, così come previsto dallex art. 59 del Codice dei beni culturali, per lacquisto del quale, da decenni, lassessorato regionale ai Beni culturali ha tentato più volte lavvio di procedure di esproprio (stanziando ingenti somme, circa 12 miliardi delle vecchie lire), bloccate dai proprietari, che si sono sempre opposti in sede giudiziale con il risultato che in questi anni non è stato possibile concretizzare lacquisto.

Una volontà quella di acquisire il maniero al patrimonio regionale, che nei giorni precedenti lasta era stata manifestata pubblicamente dal neo assessore ai Beni culturali Vittorio Sgarbi, il quale nel suo primo atto da assessore aveva dato lautorizzazione al Parco archeologico di Naxos-Taormina di partecipare allasta per aggiudicarsi il castello di via Calcide Eubea (la cui acquisizione risultava già peraltro deliberata lo scorso fine ottobre dall'Ente Parco di Naxos, con lo stanziamento dei fondi necessari all'acquisto). Un complesso storico, sul quale la Regione, nel caso il Parco non si fosse aggiudicato lasta, avrebbe esercitato in ogni caso il diritto di prelazione, acquistandolo al prezzo di costo dal privato che si sarebbe aggiudicato il castello di Schisò. Una dichiarazione quella dell'assessore regionale ai Beni culturali, immediatamente prima dellasta, ritenuta dagli attuali proprietari, i fratelli Paladino, seguiti dagli avvocati Rafaela Pugliano del foro di Messina e Francesco Saccone di Catania "affrettata e prematura", con l'effetto di scoraggiare diversi investitori dal formalizzare unofferta di acquisto nell'ambito della svendita senza incanto del Castello di Schisò, il cui valore a base dasta di 2 milioni e 152mila euro, ritenuto basso, veniva contestato dai proprietari nel corso del procedimento. A questo punto ci si attende da parte della Regione la dichiarazione del diritto di prelazione.

La legge prevede che il decreto del giudice, di trasferimento dell'immobile all'acquirente, venga notificato alla Regione ai sensi dell'ex art.59 del codice dei beni culturali, al fine delleventuale diritto di prelazione che dovrebbe essere esercitato entro 60 giorni. Il castello la cui parte quadrangolare risale allepoca bizantina, quando il borgo di Naxos era un importante base navale, grazie a fondi comunitari, è stato oggetto negli ultimi anni di un importante, sebbene parziale, intervento di restauro delle sue sale più prestigiose. Dalla sala con la splendida mensola lignea intagliata con losanghe, di epoca normanna, alla cappella palatina dedicata a San Pantaleone, santo doriente, alla sala dei bastioni e dei camminamenti bizantini. Lavori progettati e diretti dall'arch. Daniele Raneri e dall'ing. Sebastiano Di Prima, già artefici del restauro del vicino castello di Calatabiano.

Per il comitato tecnico scientifico dell'ente Parco Archeologico di Naxos che lo scorso 31 ottobre si era espresso a favore della sua acquisizione, il Castello di Schisò oltre ad essere logisticamente adiacente al Parco, è provvisto di tutti quegli spazi necessari per la realizzazione di un nuovo museo archeologico, con aule didattiche e salette conferenza, oltre a spazi per depositi e locali indispensabili per un istituzione museale e per il Parco stesso.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news