LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI-Non si chiuda un museo necessario
Giuseppe Galasso
Corriere del Mezzogionro-Napoli, 29/12/2017

È di questi giorni la notizia della istituzione a Roma di una MIC: una carta del costo di 5 euro, che dalla prossima primavera sarà acquistabile dai cittadini della Capitale (e anche dai temporaneamente residenti), grazie alla quale si avrà diritto per dodici mesi allingresso gratuito e illimitato in tutti i musei comunali di Roma, nonché di visitare, altrettanto gratis, le mostre che in quei musei saranno ospitate. Il Comune di Roma ha inteso così prepararsi alla celebrazione del 2018, anno europeo del Patrimonio Culturale.
Il sistema dei Musei Capitolini è folto di siti e di edifici prestigiosi e interessantissimi. Lattuale amministrazione della capitale dItalia non è molto accreditata in fatto di efficienza e di capacità amministrativa.
Tuttavia, il merito di aver pensato a qualcosa come questa Mic e di prepararsi così alle celebrazioni culturali europee del 2018 è indisconoscibile. Contemporaneamente si debbono registrare a Napoli le dimissioni di Giampaolo Leonetti dal suo incarico di direttore del Museo Filangieri, da lui detenuto fin dal 2004. Il contrasto tra le due notizie è flagrante. È vero: il patrimonio museale capitolino è ben superiore a quello napoletano. Ma quello napoletano è notevole ed è di sicura qualità,
come proprio il Museo Filangieri dimostra. Il Museo, esempio ben più unico che raro di questo genere a Napoli, fu dovuto alla munificenza del principe Gaetano Filangieri di Satriano, vissuto dal 1824 al 1892.

Omonimo del grande nonno: lautore di quella Scienza della Legislazione, il cui ricordo fu vivo nella Parigi della Grande Rivoluzione come negli Stati Uniti della guerra di indipendenza. Donato alla città nel 1881 ed eretto in Ente Morale nel 1882, lo si inaugurò nel 1888, come voleva il Filangieri, nel Palazzo Como, un prezioso caso di rinascimento fiorentino a Napoli (per alcuni il suo disegno fu di Giuliano da Maiano). Lo si dotò con una serie di collezioni di grande pregio fornite dal donatore, che non erano soltanto di ordine storico-artistico. Poi nel disgraziato incendio appiccato nel 1943 dai tedeschi in ritirata alle carte e ai beni culturali riuniti a San Paolo Belsito per ripararle dai rischi della guerra in Napoli, gran parte del materiale del Filangieri andò distrutta e bisognò ricostituire e rimettere in piedi il museo con ciò che era rimasto (che non era, però, proprio poco) e con altri oggetti e opere di cui si disponeva, sicché il nuovo museo conservò un notevole pregio e un interesse tuttaltro che unicamente locale o civico (vi si conservano ancora, fra laltro, corrispondenze e manoscritti del grande pensatore illuminista napoletano).

Il donatore del Museo fu, inoltre, una grande personalità della cultura napoletana del suo tempo. Gli si debbono, innanzitutto, i sei volumi dei Documenti per la storia, le arti, le industrie delle provincie napoletane, editi fra il 1883 e il 1891, imponente documentazione per la storia delle arti applicate, e quindi della cultura e civiltà materiale di Napoli. Egli fu, inoltre, tra i fondatori nel 1880 dellIstituto dArte, sito nella Piazzetta Demetrio Salazar, dietro Piazza del Plebiscito, inaugurato nel 1882 e sede di un Museo Artistico Industriale, aperto nel 1889. In effetti, ciò a cui egli pensava era un sistema museale civico napoletano in cui la storia della città, la storia dellarte e la storia delle belle arti applicate allindustria e delle arti che ne derivano trovassero ampia documentazione e sistemazione museale, come egli diceva quando nel 1878 fu presidente della commissione per listituzione del Museo presso lAccademia di Belle Arti di Napoli.

Che ne è stato di questo disegno di sistema museale civico per Napoli? In breve, nulla. Lo stesso Museo Filangieri sopravvive con grandi sforzi, come ha testimoniato il molto e meritorio buon lavoro che Giampaolo Leonetti vi ha speso dirigendolo dal 2004, riorganizzandolo e rilanciandolo. In ultimo ha proposto di rinnovare lo statuto dellente, che risale, come si è detto, al 1882, facendone una moderna e funzionale Fondazione, che possa compensare con proprie iniziative la insufficiente cura che non si riesce ad averne in sede municipale. Cè bisogno di qualche commento? Forse, si; ma, per una volta, lasciamo parlare alle cose il loro muto, ma eloquente linguaggio.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news