LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA-Arsenale, museo navale chiuso da tre anni
Alberto Vitucci
La Nuova Vnezia, 29/12/2017

Convenzione già in scadenza: un progetto fermo al palo e il rilancio del complesso monumentale messo a rischio


Il nuovo museo navale è fermo al palo. Doveva essere il fiore allocchiello dellArsenale aperto al pubblico, passato di proprietà al Comune nel 2014. Invece è chiuso da tre anni e mezzo. Lavori fermi alla messa in sicurezza. Ditta fallita, appalto gestito da Roma. E il progetto non decolla. Una delle eccellenze veneziane resta abbandonata o quasi. Aperto soltanto il Padiglione delle Navi, con ingresso a 5 euro incassati dalla Fondazione Musei. Ha fatto 65 mila visitatori nel 2016, dicono in Comune.

Ma la convenzione firmata alla fine del 2014 tra Marina militare, Difesa servizi, Vela e Fondazione Musei è in scadenza. Che ne sarà del nuovo Museo Navale? Nella valanga di idee e progetti sullArsenale del futuro, si sta perdendo di vista quello che allArsenale cè già e potrebbe rappresentare il volano del rilancio dellintero complesso monumentale. Malumore dalle associazioni. Ma anche dalla Marina e dagli stessi addetti culturali.

Perché per rilanciare il Museo navale ci vorrebbe davvero poco. Manca e nessuno la porta avanti, unidea di realizzare un museo didattico. Non solo per gli studenti, ma anche per gli adulti. In Europa gli esempi non mancano. A Londra si può vistare il Belfast, come si fosse un membro dellequipaggio, sta scritto in una relazione tecnica sul museo dimenticata nei cassetti, a Milano, dove il mare non cè e non cè nemmeno un Arsenale con mille anni di storia, la nave Ebe e il sommergibile Toti sono in mostra al Museo della Scienza e della Tecnica. 40 mila persone pagano un biglietto solo per vedere questi due modelli. Anche a Genova, che certo non può competere con la storia veneziane e i monumenti dellArsenale, è stato realizzato un grande Museo del Mare opera di Renzo Piano. Esempio di didattica e di impresa. Perché un museo pensato solo come luogo di esposizione non tiene più: il visitatore deve essere coinvolto. Lo fanno allestero. A Suomenlinna, in Finlandia, ricorda un addetto ai lavori, si può vistare un battello sommergibile tedesco. Lisola è anche cantiere navale, e chiunque può passeggiare osservando le lavorazioni; basta attenersi alle limitazioni e alle indicazioni di sicurezza. In Danimarca e in Norvegia si conservano navi vichinghe, così a Stoccolma nel museo del Wasa. Ma anche Varna in Bulgaria conserva una torpediniera del 1911. E Atene, dove al Pireo cè lincrociatore Averoff, gemello dellAmalfi, affondato nel 1915 davanti a Venezia. Lincrociatore è perfettamente conservato e visitabile. Infine il Belgio dove la nave scuola Mercator è un museo galleggiante, pronta a salpare.

Perché non realizzare tutto questo allArsenale? La Marina è pronta a dare la sua disponibilità, ma il progetto va a rilento. Lidea è quella di fare entrare i visitatori dal Museo con entrata a San Biagio, poi dopo aver visitato i nuovi allestimenti farli uscire verso il piazzale della Campanella e la Teza del Bucintoro per far loro visitare il sottomarino e la motozattera.

Perché non si è fatto? La richiesta alla Marina di avere a disposizione le aree data ormai al 2014. Quando il sindaco Giorgio Orsoni aveva chiesto la disponibilità. Percorsi in sicurezza, con un circuito delimitato da catenelle che potrebbe
consentire la vista dellArsenale e della Darsena Grande pur mantenendo la giurisdizione della Marina su alcune parti dellarea Sud. In tanti si candidano per gestire lArsenale e lanciare idee, commenta sconsolato un ufficiale, ma non si va avanti su progetti semplici e condivisi.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news