LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASALMAGGIORE-Reperti archeologici del Casalasco nelle scatole, difficile ritirarli fuori
Nazzareno Condina
https://www.oglioponews.it/2017/12/29/reperti-archeologici-del-casalasco-nelle-scatole-difficile-rit

Costruire una centrale nucleare è probabilmente più semplice che riportare a casa i reperti archeologici del casalasco. Una serie di stretti vincoli e di rigide normative impossibili o quasi da portare a compimento impediscono di fatto che la soprintendenza restituisca al territorio di appartenenza i propri reperti. Che appartengono comunque allo Stato, secondo la normativa, ma che sono parte della storia di un territorio specifico.

Meglio dunque in qualche scatola di cartone in qualche deposito, a far compagnia ai ragni e al buio. In Italia va così. E così sono molte di più le opere darte e i reperti archeologici dei depositi che quelli che raccontano la storia di un territorio, fruibili al pubblico.

Centro Casalasco di Studi Paletnologici. Il consiglio comunale di Casalmaggiore ha affrontato ieri notte la questione, grazie a uninterrogazione del consigliere Alessandro Rosa (Listone), che ha posto alcune domande allamministrazione dopo aver fatto un velocissimo preambolo sullimportanza che quel gruppo di volontari pionieri ha avuto nella riscoperta della storia più antica del territorio.

A rispondere allinterrogazione in maniera puntuale ed accurata lassessore alla cultura Pamela Carena. E la storia di unattività sicuramente meritevole di un gruppo di studiosi del territorio. Un gruppo che fece tagli più che scavi, che fece alcune pubblicazioni e fu attivo tra gli anni 60 e 70. Si parla di questi reperti che nello specifico erano della media età del bronzo che erano soprattutto oggetti di uso quotidiano personale, arredo domestico, armi rudimentali, arnesi da lavoro. Una storia che ha portato alla fine nel febbraio del 1999 al ritiro di tutti questi materiali catalogati da parte della soprintendenza.

Ad oggi, e dopo il riordino delle soprintendenze, non si sa neppure più se i reperti siano ancora a Milano o abbiano viaggiato, dal buio della capitale lombarda al buio di qualche altro deposito. Ad oggi risulta che tutti questi materiali siano in deposito, nel deposito milanese della soprintendenza e so che almeno sino a prima del 2016 erano ancora lì. Dal 2016 in poi, con il riordino delle soprintendenze, ho il dubbio che siano ancora lì. I tempi dellinterrogazione non mi hanno permesso di approfondire la questione.

Nel faldone che riguarda la questione, una fitta corrispondenza tra amministrazioni e soprintendenza: La parte più interessante del faldone è la corrispondenza tra gli amministratori locali e la soprintendenza che vanno dagli anni 90 al 2000. Era una corrispondenza abbastanza fitta perché va detto ad onor del vero, che amministrazioni precedenti hanno provato a portare a termine questa idea di museo paletnologico, a Casalmaggiore. Chiesero dei contributi anche a Regione Lombardia che vennero concessi e di fatto anche revocati poi perché la soprintendenza non diede mai il suo benestare a questo progetto di museo e peraltro esiste una convenzione che è ritornata non firmata da parte della soprintendenza. Perché è importante questa corrispondenza? Intanto perché la soprintendenza è molto chiara sulle normative vigenti e le richieste che la soprintendenza avanzava per quel che riguardava lesposizione o anche il mantenimento di questi reperti. Ed era chiara su quali fossero le mancanze e le difformità per ottemperare a queste richieste. Tra le varie azioni era stata intrapresa una possibilità con la collaborazione del museo di Piadena, fallita anche questa.

Una cosa però è importante sottolineare. Che tutto quello che viene trovato sotto il terreno non è di proprietà civica, ma è di proprietà dello Stato secondo la legge. Questi beni in realtà sono da sempre propietà dello Stato, la competenza era designata alla soprintendenza, al tempo era larcheologica di Milano. Tramite conoscenze personali ho contattato anche archeologi e consulenti per la soprintendenza e ho cercato di capire se quella rigidità fosse ancora attuale e capire quale fosse lorientamento. Mi è stato detto che allepoca cera una chiusura pressoché totale e che oggi non è più così, però ogni eventuale iniziativa deve essere strutturata con una programmazione di lunga durata e di sostenibilità. In una lettera del 1998 cè una cosa molto importante che la soprintendenza scrive e che deve rimanere alla base di tutti i ragionamenti che si fanno oggi o che si faranno in futuro. Diceva la soprintendenza che si fa inoltre presente, tra le altre cose che non andavano, che unipotesi di convenzione con il comune, perché è una pratica possibile, la soprintendenza può concedere in deposito il materiale, dia effettivamente alle parti la possibilità di promuovere attivamente le attività culturali attraverso lindividuazione di strumenti idonei. Si richiede sicuramente la presenza di una struttura museale, devono avere tutta una serie di standard riguardanti il museo, devono essere allarmate ed avere un deposito che garantisca tutti i termini di sicurezza anche del materiale eventualmente non esposto, la necessità che ci sia un conservatore archeologo, la custodia deve essere garantita così come lapertura al pubblico, non allinterno soprattutto di un contenitore multidisciplinare e possibilmente non essere esposizioni statiche ma che possano essere affiancate da tutta una serie di attività di studio e di ricerca ed eventualmente anche di attività laboratoriale e didattica costante. Tutto questo per dire che chiaramente le risorse richieste e le azioni per agire in questo senso ad oggi non sono percorribili e non sono state prese in considerazione. Penso che siano state quelle le cose che hanno reso le amministrazioni poco inclini o chi ha evitato di approcciarsi alla questione.

Rosa ha poi ribattuto apprezzando la parziale apertura, quantomeno la volontà politica con tutte le difficoltà del caso. Rosa ha spiegato che la questione verrà eventualmente riportata in mozione per coinvolgere nella discussione tutto il consiglio. Resta il fatto che, al momento, e per tutto quanto detto, sembra impossibile o quasi ogni iniziativa per ridare valore e dignità a tutto quel lavoro iniziato cinquantanni fa da un gruppo di volontari. Vincono comunque le scatole. Sia quelle depositate che quelle che si frantumano a chi decide di intraprendere una strada impervia che ha a che fare con la dura legge della burocrazia.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news