LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Caravaggio al Bambinello dellAra Coeli: i 14 tesori trafugati in Italia
Nicoletta Cottone
Sole24ore, 05/01/2018

Capolavori rubati da ladri di professione o improvvisati. È lunga la lista dei tesori trafugati in Italia e mai ritrovati. Furti quasi sempre favoriti dalla mancanza di sistemi di sicurezza adeguati a proteggere opere di inestimabile valore. Ecco i 14 tesori spariti dal Paese, annoverati tra le opere più ricercate in Italia e all'estero dal reparto operativo del Comando carabinieri tutela patrimonio culturale, diretto da tenente colonnello Nicola Candido. Da quando è stato istituito il Comando, nel 1969, sono stati recuperati quasi 790.626 oggetti d'arte trafugati, sequestrati 1.190.791 reperti archeologici e 272.384 beni falsi. Sono stati arrestate 1.192 persone e sono state denunciate 35.584 persone.

1 La Natività di Caravaggio rubata nel 1969
Uno dei furti d'arte più famosi di sempre è sicuramente quello della Natività di Caravaggio. La pala d'altare fu rubata nel pomeriggio del 18 ottobre 1969 dalla Chiesa San Lorenzo di Palermo. Un'opera incustodita di valore inestimabile che, secondo le ipotesi investigative, potrebbe essere stata tagliata in più pezzi per favorirne il trasporto. Moltissime le piste seguite. Si parlò anche di un furto da imputare ai corleonesi. Si seguì anche la pista del quadro seppellito insieme ai tesori di un boss. Secondo altri la tela fu abbandonata in una stalla in attesa di trovare un compratore sul mercato nero e danneggiata dai ratti. Un giornalista inglese attestò invece che un trafficante gli avrebbe offerto l'opera ma che l'incontro fosse andato a monte per il terremoto che colpì l'Irpinia. Dunque il 23 novembre del 1980. Undici anni dopo il furto. È anche nellelenco dei capolavori rubati più ricercati del mondo che lFbi pubblica dal 2005.

2 Gesù adolescente e San Giuseppe falegname di Gherardo delle Notti trafugata nel 1975
Avvolto nel mistero anche la sparizione del prezioso dipinto a olio di Gesù adolescente con San Giuseppe falegname di Gherardo delle Notti, rubato nel luglio del 1975 dalla Pinacoteca del convento di San Silvestro di Monte Compatri (in provincia di Roma). Il caso è stato riaperto dopo le rivelazioni del libro La tentazione di Fabrizio Peronaci che narra del padre provinciale dei carmelitani scalzi della provincia di Roma - poi sospeso a divinis dal Vaticano - che favorì i due pregiudicati autori del furto, fornendo la base logistica per nascondere la refurtiva. Un anno dopo il furto furono arrestati oltre ai due pregiudicati poi condannati negli anni Settanta anche quattro frati, scarcerati dopo qualche tempo. L'amante del padre priore, dal quale ebbe due figlie, racconta nel libro che il dipinto fu portato in Svizzera con una Audi grigia che aveva a bordo anche il padre provinciale.

3 Sparito nel 1994 il Bambinello dell'Ara Coeli venerato dai romani
Fra le opere d'arte rubate e mai ritrovate c'è anche il Bambinello dell'Ara Coeli, scultura in legno del XV secolo, portata via il 1 febbraio 1994 dal convento dei francescani di Santa Maria in Aracoeli di Roma. Il bambinello, fu rubato da due persone entrate dal tetto dalla culla bianca con monili, monete ed ex voto, nell'armadio blindato che da anni lo proteggeva. Si dice fosse realizzato con legno dell'orto di Getsemani, il piccolo uliveto poco fuori la città vecchia di Gerusalemme sul Monte degli Ulivi, nel quale Gesù Cristo, secondo i Vangeli, si ritirò dopo l'Ultima Cena prima di essere tradito da Giuda. Il bambinello è stato uno degli oggetti sacri più venerati dai romani e meta di pellegrinaggi da tutto il mondo. Nel 1800 Alessandro Torlonia mise a disposizione ogni giovedì una carrozza, appartenuta a papa Leone XII, per portare la statuetta ai malati che non potevano andare in chiesa.

4 La Croce astile in argento di Nicola Gallucci da Guardiagrele scomparsa nel 1979
La Croce astile in argento di Nicola Gallucci da Guardiagrele fu invece rubata a il 13 settembre 1979 dalla Chiesa Santa Maria Maggiore di Guardiagrele (in provincia di Chieti).

5 La testa di Erma bifronte del II secolo a.C. rubata nel 1982
Fu rubata nel 1982 la scultura la Testa in bronzo di Erma bifronte del II secolo a.C.. Fu portata via dal Museo Nazionale Romano di Roma.

6 Sparito in circostanze misteriose nel 1997 il ritratto di donna Klimt
Sparito in circostanze misteriose il prezioso Ritratto di donna di Gustav Klimt rubato il 18 febbraio 1997 dalla Galleria d'Arte Moderna privata Ricci Oddi di Piacenza . Fu rubato durante il trasloco della galleria per i lavori di ristrutturazione.

7 Sparito nel 1998 il violino Colossus di Stradivari
Fra le opere preziose rubate anche un violino di Antonio Stradivari, il Colossus, portato via nell1998 dall'abitazione privata del violinista di fama internazionale Luigi Alberto Bianchi di Roma, valutato allepoca 5 miliardi di vecchie lire. Era stato comprato a Londra a unasta di Christies nel 1987 per un miliardo di lire.

8 Rubato nel 2004 a Villa Adriana il busto elmato di Atena
Rubato nel 2004 da Villa Adriana a Tivoli in provincia di Roma il busto elmato di Atena del II secolo a.C.

9 Sparito nel 1971 da una chiesa di Mattinata il dipinto Santa Maria della Luce di Luca Giordano
Fra i quadri spariti anche l'olio su tela rappresentante Santa Maria della Luce attribuito a Luca Giordano (1634-1705), asportato il 30 marzo 1971 dalla Chiesa Maria Santissima della Luce di Mattinata (FG).

10 Rubata a Ragusa nel 1972 la scultura in terracotta di una testa femminile
Tra i tesori scomparsi anche la scultura in terracotta di una testa femminile del IV-III secolo a.C., asportata tra il 1 ottobre e il 31 novembre 1972 dal Museo Regionale di Kamarina a Ragusa.

11 Gesù in croce e due Santi fu rubata nel 2010
Sparito nel nulla il dipinto di Gesù in croce e due Santi attribuito a Camillo Procaccini (1555-1629) venne rubato il 1 giugno 2010 dalla Chiesa San Francesco di Mariano Comense, in provincia di Como. La scoperta del furto all'inizio della ristrutturazione della chiesetta, dopo un lungo periodo di chiusura.

12 Rubato durante le feste di fine anno del 2016 l'ostensorio del monastero di Firenze
Rubato anche l'ostensorio in argento, cristallo di Rocca Granata rubino e topazio di Jonas Falck, asportato tra il 26 dicembre 2015 e il 4 gennaio 2016 dal Monastero Santissima Annunziata Comunità dei servi di Maria di Firenze (FI).

13 Sparita nel 1979 dalla pinacoteca di Gubbio la Madonna del melograno
Sparita anche la tempera su tavola raffigurante la Madonna del melograno attribuita a Pier Francesco Fiorentino, rubata nel 1979 dalla Pinacoteca di Palazzo dei Consoli di Gubbio.

14 Trafugata nel 1986 la Vergine col Bambino in Trono
Fra i dipinti rubati anche la Vergine col Bambino in Trono attribuito a Benvenuto Tisi da Garofalo detto Il Garofalo, portato via il 27 settembre 1986 dalla Chiesa Belricetto di San Lorenzo-Lugo (Ravenna)



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news