LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Catania-Sos beni culturali, Free Green Sicilia: salviamo lo Stallone morente
http://www.lurlo.news/sos-beni-culturali-free-green-sicilia-salviamo-lo-stallone-morente/

Catania Free Green Sicilia SOS Beni Culturali afferma il portavoce Alfio Lisi dopo le proteste locali inascoltate dagli Amministratori che da anni perseguitano la scultura di bronzo lo Stallone morente, perché forse sconveniente alla vista di qualcuno in quanto mette in mostra la propria virilità anatomica voluta in tutta la sua naturalità dallautore siciliano Francesco Messina così come laltro suo fratello questo, al contrario di quello di Catania, conosciuto in tutto il mondo anche in quanto simbolo della RAI, ha lanciato tramite CHANGE.ORG (https://www.change.org/p/sindaco-di-catania-catania-lo-stallone-morente-ritorni-al-castello-ursino) una petizione che metta fine al continuo sfregio fisico e morale dellopera darte ancora una volta utilizzata come spartitraffico in una delle tante rotonde periferiche della città per essere esposta nel museo darte del Castello Ursino in pieno centro storico dove dignitosamente avrebbe dovuto essere collocata dal suo acquisto.

ECCO ILTESTO DELLA PETIZIONE SU CHANGE.ORG (https://www.change.org/p/sindaco-di-catania-catania-lo-stallone-morente-ritorni-al-castello-ursino)
CHE CHIEDIAMO DI ESSERE FIRMATA E CONDIVISA SUL WEB

Al Sindaco e allAssessore alla Cultura di Catania

Il perseguitato Stallone morente dello scultore siciliano Francesco Messina, che secondo i critici darte amava la giusta libertà e le dovute proporzioni, dopo lacquisto da parte del Comune e la sua degna ma estemporanea esposizione in piazza Federico di Svevia davanti il Castello Ursino viene trasferito, senza alcun motivo plausibile, subendo la sua prima trasfigurazione morale e facendo di fatto da spartitraffico in quella che i catanesi chiamano piazza Umberto, ovvero un parcheggio, dove viene senza alcun pudore sfregiato e deturpato, con gravi danni procurati allopera, con limposizione forzata di una sorta di mutande di latta saldate alla scultura per coprirne parte del corpo anche durante il passaggio della Madonna del Carmine (ma il cavallo non è parte del creato?!?).

O almeno questa sarebbe secondo gli organi di stampa la motivazione del sacrilego e vandalico gesto che non solo ha danneggiato irrimediabilmente lopera ma ha peraltro fatto deridere il mondo intero visto che la notizia è apparsa sugli organi di stampa di mezzo mondo.

Ma non contenta di ciò lAmministrazione attuale a pochi mesi dal suo insediamento e anchessa senza un motivo culturale e artistico, ma anche contro la volontà dei cittadini che avevano espresso la loro netta e motivata contrarietà per taleinsensata scelta, ha condannato di fatto lopera alloblio e, come se fosse stata creata dallautore per tale finalità, alla ennesima funzione di arredamento spartitraffico nella rotonda inaccessibile e pericolosa di piazza Galatea e così facendo allontanandola definitivamente dallo sguardo dei cittadini che comunque in piazza Umberto potevano ammirarla se avessero voluto e senza alcun puerile pudore.

Ma non si tratta di unopera darte dello stesso scultore di Linguaglossa Francesco Messina che ha realizzato laltro stallone che si trova nella sede storica della RAI a Roma, ovvero il simbolo stesso della RAI riconoscibile in tutto il mondo?

Per tali aspetti i firmatari della presente petizione chiedono al Sindacoe AllAssessore alla Cultura, artefici dellisolamento civico dello Stallone morente, che lopera venga esposta al Castello Ursino in quanto Museo darte della città dunque luogo più idoneo allesposizione di unopera darte di tale pregio artistico e culturale.



news

22-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news