LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La leggenda dellarchitettura fascista: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
Wu Ming 1
www.eddyburg.it, 03/01/2018

wumingfoundation.com, 29 dicembre 2017. Sulle mistificazioni dell'architettura fascista e su come porsi nei confronti di questa eredità, in modo che questi artefatti non tornino ad essere propaganda nel presente e per il presente. (i.b.)


Questo articolo è la terza puntata di un'importante e alquanto attuale inchiesta giornalistica in tre parti di Wu Ming 1, intitolata "Predappio Toxic Waste Blues" sulle ambiguità e rischi del progetto di museo dei totalitarismi e del fascismo, che il sindaco renziano Giorgio Frassineti vuole realizzare nell'ex Casa del Fascio di Predappio. In calce i link anche alle precedenti puntate (i.b)

Le polemiche sullarchitettura e i monumenti del ventennio sono sempre più frequenti e ravvicinate. Tali sfoghi sono certamente sintomi della cattiva coscienza - e cattiva memoria - nazionale, ma sono anche parte di un processo di ridefinizione post-novecentesca e post-coloniale della memoria che sta investendo tutto loccidente.

In Sudafrica e nel Regno Unito, ad esempio, cè stata la campagna Rhodes Must Fall per la rimozione dei monumenti al colonizzatore razzista Cecil Rhodes.

Aprile 2015. La statua di Cecil Rhodes mentre viene rimossa dallUniversità di Città del Capo. Fonte: wumingfoundation.com
Negli USA si rimuovono dagli spazi pubblici i monumenti confederati, cioè commemorativi della causa sudista nella guerra civile americana. Monumenti spesso nemmeno depoca, ma eretti nel ventesimo secolo e alcuni addirittura nel ventunesimo, dunque meramente revanscisti, apologie della schiavitù e simboli del perdurante razzismo contro i neri. Come tali, vengono difesi manu militari da neonazisti e suprematisti bianchi di varie tendenze. Gli scontri di Charlottesville, Virginia, dell11 agosto 2017, culminati nellassassinio della manifestante antirazzista Heather D. Heyer, furono scatenati dallestrema destra per impedire la rimozione di una statua del generale Robert E. Lee.

In Italia, data la monumentalità insita in molte realizzazioni architettoniche e addirittura urbanistiche del fascismo, è difficile distinguere tra architettura e monumenti. I monumenti al fascismo non sono semplici statue, almeno non più.

Bologna. Sette tonnellate di bronzo, prima e dopo. A sinistra: 27 ottobre 1929, inaugurazione della statua equestre del duce al Littoriale. Realizzata dallo scultore modenese Giuseppe Graziosi. A destra: il prato di Porta Lame oggi. Fonte: wumingfoundation.com
Di statue del duce e dei gerarchi ce nerano a bizzeffe, ma molte purtroppo non tutte furono distrutte già allepoca, alcune dopo la caduta del duce, altre dopo la Liberazione. A Bologna, ad esempio, la grande statua equestre del duce al Littoriale (oggi Stadio DallAra) venne decapitata dalla folla la sera del 25 luglio 1943. Dopo la Liberazione venne fusa, e col suo bronzo furono realizzate le statue di partigiani che oggi presidiano Porta Lame.

Statue di fascisti ne esistono ancora, ma in generale i monumenti fascisti sopravvissuti fino a oggi sono edifici.

Scalpellati via ma nemmeno sempre i simboli più vistosamente legati allideologia del regime (come i fasci littori), quegli edifici oggi sono parte delle nostre città e della nostra vita quotidiana. Solo che la maggior parte degli italiani non ne conosce la storia o, peggio, la conosce in modo parziale, distorto, encomiastico: Guarda lì, il duce sì che costruiva bei palazzi! Appunto: il fascismo ha fatto anche cose buone.

Sfruttando questa percezione, i partiti post-fascisti e neofascisti usano sempre più quegli edifici per le loro campagne politiche. Come quando a Roma, nel 2015, Fratelli dItalia ha proposto un paragone del tutto improprio col Foro Italico per chiedere la demolizione del serpentone di Corviale.

E così, grazie al nostro mancato fare i conti col fascismo, quei monumenti tornano a essere se mai smisero di esserlo propaganda nel presente e per il presente.
La storica Ruth Ben Ghiat ha provato a dire esattamente questo in un articolo pubblicato dal New Yorker poche settimane fa e in seguito tradotto da Internazionale. Articolo subito frainteso come istigazione a demolire quei monumenti, e accolto in Italia con un fuoco di sbarramento degno di uninvasione militare. Fuoco proveniente, of course, dallincendio di decine di migliaia di code di paglia.

Ruth Ben Ghiat è unesperta non solo di fascismo, ma anche di architettura razionalista (ha fatto la tesi di dottorato su Giuseppe Terragni) e figura tra i nomi del comitato scientifico per Predappio. Ergo, è quantomeno assurdo ritenerla ostile a priori agli edifici del ventennio. Cionondimeno, è stata criticata a sproposito dai nostri illustri e come sempre ignorantissimi opinionisti, insultata per giorni e giorni sui social network, paragonata ai talebani che fecero saltare in aria i Buddha di Bamyan, chiamata fanatica o peggio, esortata a farsi i cazzi suoi, accusata - per il solo fatto di essere americana - di complicità con le guerre USA in Medio Oriente e, ovviamente, di essere a libro paga di SOROS!

Il New Yorker attacca lItalia, ha sobriamente titolato un quotidiano romano.
Una reazione da ubriachi fradici, come ha fatto notare Andrea Coccia su Linkiesta:

è come se la studiosa americana, vedendo che qui in Italia beviamo alcool a qualsiasi ora del giorno, ci avesse chiesto: Non è che avete problemi con lalcool? E noi, invece di sorriderle bonariamente e spiegarle che vino, grappa, liquori e birra, sono parte integrante della nostra cultura -- come daltronde larchitettura razionalista - le abbiamo iniziato a sbraitare davanti. No, che cazzo dici?, Sei una mentecatta a pensare una cosa del genere!, Ma guardati te!, Pensa ai vostri problemi con le armi!. E forse a questo punto se fossimo in lei, indietreggiando, predicando pace e calma e abbozzando una specie di sorriso, ce ne andremmo pensando che sì, qualche problemino con lalcool questi ce lhanno, e pure grosso.

Che in Italia quel nervo sia scoperto lo dimostrano le bufale diffuse a getto continuo sulla volontà di questo o quellesponente della sinistra - quasi sempre Laura Boldrini - di demolire il tal o il tal altro monumento. Bufale periodicamente riproposte da siti e giornali di destra: Ecco i capolavori fascisti che Boldrini vorrebbe abbattere, titolava tempo fa il Secolo dItalia, in cima a un articolo dove si paventava il rischio che Boldrini riducesse lItalia a una città [sic] post-atomica, praticamente un rudere con macerie in ogni angolo delle principali città italiane.
Simili bufale si viralizzano e scatenano le solite reazioni violente, facendo crescere la sensazione che di questargomento in particolare non sia possibile discutere in modo minimamente sensato.

Al netto delle bufale, a essere sbagliato è il frame, la cornice che inquadra tutti questi discorsi. Per disattivare il frame, dobbiamo porci una domanda, anzi, la domanda: larchitettura fascista è davvero fascista?

Lho chiesto a un amico architetto, docente, saggista e scrittore.

Gianni Biondillo: - Non esiste una architettura fascista tout court. Esiste unarchitettura prodotta sotto il fascismo, spesso da architetti in assoluto contrasto coi dettami di classicità spinti dal regime. Ti faccio un esempio clamoroso: nel 1931, alla II Esposizione di architettura razionale, gli architetti legati al movimento moderno presentano un collage che chiamano Tavola degli orrori, dove mostrano architetture contemporanee che aborriscono, comprese quelle dello Speer italiano, Marcello Piacentini. Mussolini sopportava il razionalismo (soprattutto se prodotto in provincia, lontano da Roma, ad esempio a Como) perché voleva dare un colpo al cerchio e uno alla botte, dovendo tenere a bada il fascismo di sinistra, che ancora vagheggiava rivoluzioni artistiche futuriste, ma personalmente spingeva per uno stile aulico.


La Tavola degli orrori, realizzata da Pier Maria Bardi ed esposta alla
II Esposizione universale di architettura razionale, 1931. Fonte: wumingfoundation.com
Nessuna di queste due spinte contrastanti la neoclassica/monumentale e la razionalista fu esclusivamente italiana, men che meno fascista.

Ville Savoye a Poissy, Île-de-France.
Progettata da Le Corbusier, 1931.
Fonte:wumingfoundation.com
Il razionalismo rientra nel più vasto Movimento moderno in architettura, che si sviluppò in tutto lOccidente tra le due guerre. Il razionalismo italiano ha cugini in molti paesi, basti guardare gli edifici realizzati dal Bauhaus, a partire dalla sede della scuola a Dessau (1925); la Ville Savoye di Le Corbusier poco fuori Parigi (1928); la Tabakfabrik a Linz (1929), e tante altre realizzazioni dellepoca.

Quanto al neoclassicismo e monumentalismo, li ritroviamo in altri paesi europei e addirittura nella Washington del New Deal. Si pensi al palazzo della Federal Reserve, costruito nel 1935-1937: è il tempio del dollaro, dellocchio sulla piramide, eppure ha un aspetto incredibilmente fascista.

Si tratta di unarchitettura per mezzo della quale lo Stato - ogni Stato - voleva essere fortemente assertivo, soprattutto in reazione alla crisi del 1929. Reazione politicamente trasversale, che andò dalla Francia del Fronte Popolare alla Svezia, passando per gli USA e la Finlandia. Il Palazzo del Parlamento di Helsinki, lEduskuntatalo, fu ultimato nel 1931 e potrebbe essere trasportato di peso allEur senza sembrare minimamente fuori contesto.


Eccles Building, Washington DC, sede della
Federal Reserve, di Paul Philippe Cret, 1937
Fonte: wumingfoundation.com
I neofascisti che si vantano dellarchitettura fascista non solo danno lennesima dimostrazione di provincialismo e limitatezza di orizzonti, ma attribuiscono al regime meriti e tendenze che lo trascendono di gran lunga.
Ecco come si disinnesca la metonimia storica: sprovincializzando i termini del dibattito. Quel che di buono o bello fece il fascismo, lo fece perché non poteva non farlo: la fase storica lo richiedeva ovunque, e lo Stato keynesiano dellepoca - dittatoriale o democratico che fosse - ovunque lo realizzò. Vale per le politiche sociali, il welfare state, le opere pubbliche.

Va poi fatto notare che diversi tra i migliori architetti del ventennio scelsero lantifascismo, e ben prima del 25 luglio o dell8 settembre 1943.
Come i quattro dello studio BBPR di Milano, autori anche del Palazzo delle Poste, Telegrafi e Te.Ti, allEur:
Gian Luigi Banfi fu partigiano di Giustizia e Libertà e morì nel lager nazista di Gusen;
Ernesto Nathan Rogers, colpito dalle leggi razziali, fu partigiano di Giustizia e Libertà, anchegli deportato a Gusen, ma sopravvisse;
Lodovico Barbiano di Belgiojoso aderì a Giustizia e Libertà nel 1938, fu deportato nei campi di Gusen e Mauthausen, sopravvisse;
Enrico Peressutti aderì a Giustizia e Libertà nel 1939, poi fece parte del comando militare del CLN, e dopo la Liberazione si iscrisse al partito socialista.

O come Giovanni Michelucci, uno degli autori della Stazione di Santa Maria Novella a Firenze.

O come listriano Giuseppe Pagano (italianizzazione di Pogatschnig), autore dellistituto di Fisica della Sapienza a Roma. Fu dapprima ardente fascista, ma divenne oppositore del regime già nel 1942, si dedicò allattività antifascista clandestina ancora prima del 25 luglio 1943, fu arrestato due volte, torturato dalla banda Koch e infine deportato a Mauthausen, dove morì.

Quasi ogni volta che si parla di architettura italiana degli anni Trenta lo si fa denunciando una sorta di censura che si starebbe sfidando, quale audacia! Si evoca una sorta di dittatura culturale di sinistra che sarebbe durata sessanta o settantanni e avrebbe impedito un sereno giudizio su quelle realizzazioni. È ancora una volta il frame del lungo silenzio. Ad esempio, intervistato da Il Tempo nellagosto 2015, larchitetto Massimo Zammerini ha denunciato:

la damnatio memoriae [aridaje, N.dR.] di una architettura, quella fascista, che, al di là delle considerazioni politiche fu un vero e proprio stile, molto studiato. Allestero
Limpressione è quella di una disobbedienza civile retroattiva contro interdizioni che non risulta siano esistite. E infatti

Gianni Biondillo: - Dopo la guerra, sostanzialmente, tutti gli architetti del ventennio continuarono a lavorare. Persino Piacentini, settuagenario, con commissioni di rilevo, e pubbliche! Altro caso esemplare: Luigi Moretti. Grande razionalista metafisico. Non ha mai nascosto le sue inclinazioni di destra, e nel dopoguerra ha lavorato moltissimo. Il Watergate, quello dello scandalo, è suo.

Del resto, se non si faceva lepurazione per i funzionari statali, perchè si sarebbe dovuta fare per gli architetti?

- E la critica, ho chiesto a Gianni, la storia dellarchitettura? È vero che cè stata damnatio memoriae? Che larchitettura fascista è stata studiata solo allestero?

Gianni Biondillo: - Assolutamente no. Già nel 1968 Bruno Zevi, ebreo e antifascista, dedica un omaggio a Giuseppe Terragni, considerato insieme a Piacentini larchitetto di regime per eccellenza. E per tornare a Moretti, il più autorevole critico marxista Manfredo Tafuri non lo epura affatto nella sua fondamentale Storia dellarchitettura italiana 1944-1985, che esce a metà degli anni Ottanta.

Nel suo documentario La forma della città, che è del 1974, il comunista Pasolini già scinde regime fascista e architettura del ventennio. Parlando di Sabaudia, città di fondazione sul litorale pontino, dopo averla definita incantevole spiega:

Sabaudia è stata creata dal regime, non cè dubbio, però non ha niente di fascista, in realtà, se non alcuni caratteri esteriori [] Sabaudia, benché ordinata dal regime secondo certi criteri di carattere razionalistico, estetizzante, accademico, non trova le sue radici nel regime che lha ordinata, ma in quella realtà che il fascismo ha dominato tirannicamente ma che non è riuscito a scalfire.

Dalle mie parti, allimprovviso e come dal nulla, nella pianura spuntano città di fondazione e colonie rurali risalenti al fascismo. Lesempio più noto è Tresigallo, borgo natìo del gerarca Edmondo Rossoni, che negli anni Trenta lo fece trasformare radicalmente.
Di Tresigallo il giornalista di viaggi Folco Quilici ha detto: In tutti gli anni che sono venuto a Ferrara, nessuno mi ha mai portato a vedere Tresigallo. Cera una specie di barriera.
Io, che a Tresigallo sono stato molte volte senza accorgermi di alcuna barriera, mi chiedo: perché Quilici, un uomo che ha esplorato lintero orbe terracqueo, a Tresigallo non ci è andato sua sponte? Perché inventarsi interdizioni?

A conti fatti, dunque, che fare degli edifici e monumenti del ventennio?
Io credo esistano tre strade.
1. Nel caso di quelli meno carichi ideologicamente e meno direttamente veicolanti il mito fascista, è sufficiente raccontarne la storia, stando bene attenti a discernere tra architettura coeva al regime e architettura del regime, spiegando liter sovente accidentato di quelle opere, raccontando il rapporto spesso contraddittorio o addirittura conflittuale di quegli architetti con il regime.

2. Nel caso dei monumenti più carichi e celebrativi, bisogna agire per risemantizzarli, aggiungervi nuovi significati, incorporare alla loro immagine la critica al significato originario e al loro committente.

In Italia esiste una città-laboratorio dove da tempo si conducono esperimenti di questo tipo. Si tratta di Bolzano/Bozen, dove i monumenti del ventennio sono comunemente chiamati relitti fascisti (in tedesco faschistische Relikte). Lo ha raccontato su Giap Flavio Pintarelli già nel 2013. Nel frattempo, la situazione si è ulteriormente evoluta.

Bolzano, Piazza Tribunale. Il fregio di Hans
Piffrader. Fonte: wumingfoundation.org
Il percorso che ha portato alla musealizzazione del Monumento alla Vittoria può essere di grande ispirazione, ed è di pochi giorni fa lavvio della nuova installazione che risemantizza uno dei più ingombranti monumenti fascisti dItalia, il fregio marmoreo di Hans Piffrader col duce a cavallo, di cui ho scritto anche su Internazionale. Oggi sul grande bassorilievo appare, tradotta nelle principali tre lingue dellAlto Adige/Südtirol, la massima di Hannah Arendt: Nessuno ha il diritto di obbedire.

Una soluzione bella e suggestiva, forse un po criptica. E troppo facilmente reversibile: basta spegnere linstallazione. Basta che alle prossime elezioni vinca unamministrazione ostile a quel percorso e faccia unordinanza per pigiare il bottone. La pietra è durevole, la luce no.

Intanto, però, quella luce ha fatto imbufalire i neofascisti: Bolzano, i nuovi talebani tentano di oscurare il bassorilievo di Mussolini, ha titolato Il Primato Nazionale, quotidiano on line di CasaPound. È la conferma che si sta seguendo una buona strada.

Bolzano/Bozen è al momento la realtà dove il dibattito è più avanzato. Ciò avviene, sia chiaro, per via di peculiarità non riproducibili altrove, prodotte dalla coesistenza di due comunità distinte, quasi due mondi accostati uno allaltro. Per semplificare al massimo: gli eredi degli invasori e gli eredi degli invasi. Tale situazione rende impossibile a chiunque blaterare con superficialità di memoria condivisa. Nellimpossibilità di smussare, appianare, edulcorare, si è dunque spinti a cercare nuove soluzioni, in quella che noi Wu Ming chiamiamo da sempre mediazione al rialzo.

Affile. Il Vespasiano dedicato alla memoria del
criminale fascista Rodolfo Graziani, 2012.
Fonte: wuming.com
3. Poi cè la terza via, che è demolire. Demolire va considerato lextrema ratio, certo, ma non può essere un tabù. Ad esempio, siamo tutti daccordo sul fatto che vadano demoliti i monumenti fascisti del tutto indifendibili, quelli nemmeno depoca, come il monumento al macellaio Graziani eretto nel 2012 ad Affile. Siamo daccordo, giusto? Quella roba va demolita col tritolo, e sulle macerie va sparso il sale da lavastoviglie.
Ebbene, non devessere ritenuto impensabile nemmeno demolire relitti fascisti depoca. Non tutto quel che è durato fino ad oggi merita per forza di durare ancora. Durare non è di per sé una virtù, un manufatto può durare per tanti motivi, per indifferenza, per forza dinerzia, per ignavia, o per ostinazione dei pubblici poteri.

Ci sono monumenti fascisti che furono imposti a un territorio, veri e propri schiaffi in faccia alla comunità che ci viveva, e diventarono simboli negativi da colpire. È il caso del Monumento allAlpino di Brunico/Bruneck, eretto per celebrare in un colpo solo la guerra dEtiopia e litalianizzazione del Südtirol. Italianizzazione fittizia, sintende: ancora oggi gli abitanti germanofoni sono il 70% nella provincia autonoma di Bolzano, e l80% in Val Pusteria, dove si trova Brunico.

LAlpino fu abbattuto dalla popolazione dopo l8 settembre 1943, ricollocato al suo posto nel 1951, fatto saltare in aria nel 1966, ricostruito e reinstallato nel 1968, di nuovo distrutto nel 1979, rimesso sul piedistallo nel 1980. È stato preso di mira con azioni più o meno simboliche anche negli ultimi anni.
In pratica, la storia della statua è la storia dei tentativi di sbarazzarsene. Cè molto più genius loci negli attentati che nel monumento, corpo estraneo che pervicacemente lo Stato italiano torna a imporre. Si potrebbe dire, con Simon Levis Sullam sulla scia di Foucault, che si è fatto il processo al monumento, facendone quindi un documento.

Ancora: un anno fa il comune austriaco di Braunau am Inn, dove nacque Hitler, ha deciso di demolire la sua casa natale. Subito, dallItalia, Frassineti si è dichiarato contrario. Lo stesso sindaco che risponde testualmente di farsi i cazzi propri a chi, da non predappiese, scrive di Predappio in un modo che non gli va a genio, poi non ha remore a intervenire, criticando e dando lezioni di memoria, su una decisione presa in Austria. Forse teme che qualcuno proponga di demolire lex-Casa del Fascio e dellOspitalità? Si tranquillizzi: nessuno pensa che sia quella la strada.

A coloro che, certamente, reagiranno scandalizzati alla mia ipotesi che qualcosa di fascista si possa demolire, a coloro che chiamano talebano chi ce lha con lo scempio di Affile e persino chi accende una scritta su un bassorilievo perché è arte, vorrei chiedere: avevate di questi mal di pancia quando nei paesi dellest buttarono giù le statue di Lenin? Io ricordo che la destra festeggiò. Non erano arte quelle statue? Ed eravate così indignati quando nel 2003 avete visto cadere le statue di Saddam Hussein?

Eh, ma quello era a caldo, durante rivolte e guerre, mica a freddo!
A caldo? Perché, nel 1989 Lenin era vivo?
No, ma il regime che veniva rovesciato aveva riempito le città di sue statue, buttarle giù era colpire il regime!
Lo vedi? Caldo e freddo non dipendono da quanti anni sono passati. Dipendono da cosa significano quei monumenti per chi vive oggi. Negli USA stanno rimuovendo i monumenti del razzismo confederato adesso, ma non certo a freddo, tantè che la polemica è rovente. Li rimuovono per il ruolo e il peso che hanno nel presente.

Dopo aver fatto almeno spero un po di chiarezza sulla questione architettura e monumenti fascisti, torniamo a Predappio, e allattitudine: Non si può demonizzare tutto quel che fece il fascismo, guarda comè bella la Casa del Fascio!


Link a tutte le puntate dell'inchiesta di Wu Ming 1:

Predappio Toxic Waste Blues - 1: https://www.wumingfoundation.com/giap/2017/10/predappio-toxic-waste-blues-1-di-3/

Predappio Toxic Waste Blues - 2:https://www.wumingfoundation.com/giap/2017/11/predappio-toxic-waste-blues-2-di-3/

Predappio Toxic Waste Blues - 3: https://www.wumingfoundation.com/giap/2017/11/predappio-toxic-waste-blues-3-di-3/?utm_source=twitter&utm_medium=Social&utm_campaign=SocialWarfare



news

19-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 19 aprile 2018

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

Archivio news