LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quando la bellezza arrivò sui giornali
Laura Laureati
02 gennaio 2018 LA REPUBBLICA



Io ancora una volta sento di dover dichiarare che non milito. Che non mi definisco nemmeno un critico d'arte. Sono solo uno storico dell'arte che si è educato ed esercitato sull'arte antica ma che ama di pari amore l'arte moderna pur cercando di scriverne il meno possibile. E questo soltanto perché so di non conoscerla così capillarmente come dovrei per parlarne autorevolmente. Così scriveva Giuliano Briganti nell'articolo dal titolo "Dibattete, dibattete un bel niente resterà" apparso su Repubblica il 5 dicembre 1984. Lo studioso rispondeva al testo pubblicato circa un mese prima (il 9 novembre), sempre su Repubblica, dall'amico Renato Guttuso, che, partendo dal caso delle false "Teste" di Modigliani, si scagliava contro l'arte moderna, intendendo con questo termine piuttosto l'arte a lui contemporanea. L'artista giungeva così alla conclusione, dal tono certo paradossale, che molta parte della cosiddetta "arte moderna" è intrinsecamente falsa.

L'immagine che, con grande modestia, Giuliano Briganti presenta di se stesso nell'articolo del dicembre 1984 corrisponde solo parzialmente alla sua personalità di studioso. È vero che si era formato come storico dell'arte "antica" con Roberto Longhi e che sulla pittura del Cinquecento si era laureato con Pietro Toesca, ma è vero altresì che aveva studiato e scritto d'arte moderna fin da giovane: e poi non si limitava alle recensioni di mostre e di libri, ma scriveva articoli fortemente critici contestando competenze e proposte, anche legislative, di uomini politici, ministri o direttori del ministero dei Beni culturali, sull'ordinamento dei musei, delle soprintendenze, i piani urbanistici di Roma, la conservazione o il restauro di monumenti.

Rispondeva inoltre a polemiche sorte sull'acquisto, la vendita o la semplice esposizione di dipinti, d'incerta autografia, da parte di musei pubblici. Diremmo oggi che combatteva una battaglia in difesa dei beni culturali. E quindi in qualche modo, seppure mai iscritto ad un partito politico, "militava".

Giuliano Briganti che nasceva Il 2 gennaio 1918, esattamente cento anni fa, e che è scomparso nel 1992 era insomma uno storico dell'arte prestato, ma solo prestato, al giornalismo. Perché Giuliano prese anche parte, insegnando per vent'anni, alla vita universitaria, accolse studiosi e studenti nel suo studio romano di via della Mercede a Roma, prese parte al mercato dell'arte. Ma non fu mai soltanto un giornalista e meno che mai un divulgatore, non fu mai esclusivamente un professore universitario, un collezionista amico dei mercanti.

Fu tutto questo e non lo fu mai in maniera esclusiva. Nella prefazione a Il viaggiatore disincantato raccolta dei suoi articoli su Repubblica pubblicata da Einaudi nel 1991 spiegava: Sono certo che scrivere per un giornale, se si considera seriamente quale è lo scopo, può essere più difficile che scrivere per una rivista specializzata. E lui lo sapeva bene perché proprio da un mensile di politica e letteratura era iniziato il suo lavoro di scrittura nel 1937 ed era proseguito, l'anno seguente, per una rivista specializzata, La critica d'arte di Carlo Ludovico Ragghianti e Ranuccio Bianchi Bandinelli. Scrisse poi su Cosmopolita. Settimanale di vita internazionale, rivista fondata da Alessandro Morandotti senior nella capitale appena liberata. Nel 1950 partecipa alla nascita di Paragone Arte, fondata da Roberto Longhi, con Francesco Arcangeli, Ferdinando Bologna e Federico Zeri. Negli anni '60 escono i suoi libri più noti, La Maniera Italiana del 1961, Pietro da Cortona o della pittura barocca e Il Palazzo del Quirinale entrambi del 1962, Gaspar van Wittel e l'origine della veduta settecentesca del 1966.

Nel 1965 Scalfari lo chiama all'Espresso, e, secondo quanto ricorda Giuliano stesso, gli insegna a scrivere per il pubblico del giornale. Sono molto grato ad Eugenio Scalfari ricorda Briganti introducendo la raccolta dei suoi articoli che, sulla fiducia mi ha avviato, del tutto inesperto, a questo lavoro. Dal quale ho imparato almeno due cose: due cose che ritengo preziose per uno storico dell'arte. La prima è che in sei o sette cartelle (che è appunto lo spazio di un articolo) si può dire molto su di un argomento, moltissimo anzi, persino, in alcuni casi, tutto l'essenziale che può servire. La seconda è che anche le situazioni più complesse, i nodi culturali più complicati, possono essere disciolti in un discorso chiaro e portati su di un livello comprensibile ai più. Queste due regole Giuliano le ha seguite per tutto il tempo che ha scritto sui giornali.

La collaborazione all'Espresso ebbe vita breve. Giuliano scrisse sul settimanale come unico critico d'arte per circa due anni, poi Scalfari, forse per pungolare quella che riteneva la pigrizia dello studioso propenso a prendersi almeno due mesi di vacanze estive, gli affiancò Maurizio Calvesi e questo intervento segnò il progressivo allontanamento di Briganti, che lasciò il settimanale nel '68. Ma quando nacque Repubblica, nel gennaio 1976, Eugenio Scalfari lo scelse di nuovo e lo volle fin dal primo numero: cominciò così una collaborazione appassionata che durò per 16 anni. Fino alla sua morte.




news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news