LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il museo tradito ritardi, erbaccia e anche il filmato va in cantina
Michele Ottolino
27 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



Viaggio nel Bastione di Santa Scolastica: sospesi le visite guidate e il video multimediale sulla storia di Bari e della fortezza: "Archeologi sottopagati"

"Stupendo". "Wonderful". "Un tesoro nascosto". Sul quaderno riservato ai visitatori del bastione di Santa Scolastica ci sono anche commenti in tedesco e giapponese. È l'anticamera di quello che sarà il museo archeologico di Bari quando sarà completato il restauro del monastero incastonato nella muraglia, appena oltrepassata la basilica di San Nicola.

Sul quaderno però ci sono anche critiche e domande. " Perché non c'è il video multimediale?", chiede Laura il 3 dicembre. " Quando vi decidete a tagliare l'erba?", scrive Claudio. "Bisognerebbe valorizzarlo di più", consigliano in tanti. "Torneremo nella speranza di trovarlo più valorizzato e conosciuto dagli abitanti di Bari vecchia!!", si augurano Loretta e Carlo di Modena il 10 dicembre.

Per i tanti turisti che approdano a Bari il monastero di Santa Scolastica dovrebbe essere una delle tappe obbligate. Soprattutto per i croceristi che lo incrociano all'uscita dal porto. Ma così non è perché è scarsamente pubblicizzato. E perché non è nel cuore della Città metropolitana che l'ha ereditato dalla Provincia. L'inaugurazione del bastione, un assaggio dei lavori di restauro del monastero che si protraggono ormai da decenni, risale a ottobre 2014. In quell'occasione, i vertici dei Beni culturali e della Soprintendenza, assieme al vicepresidente della Provincia Nuccio Altieri, promisero solennemente che l'anno successivo, ossia a fine 2015, sarebbero stati ultimati i lavori e finalmente anche Santa Scolastica si sarebbe aperta al pubblico con i trentamila reperti del museo archeologico da oltre vent'anni chiusi negli scantinati dopo il trasloco dalle sale dell'Ateneo.

Da allora sono passati tre anni e non solo il monastero è ancora un cantiere ma anche il bastione e la retrostante area archeologica con i resti della chiesa e del convento di San Pietro sono in abbandono. Le visite al bastione nel 2014 furono avviate all'insegna della modernità con un video in 3d che era la parte più esaltante della visita. C'era " il cancelliere Jacopo de Russis, conservatore delle munizioni e dell'artiglieria della magnifica duchessa di Bari, nonché regina di Polonia Bona Sforza", ad accogliere i visitatori con l'immagine proiettata sulle pareti e sul pavimento a rosoni e tessere policrome, testimonianze della chiesa di San Giovanni e Paolo risalenti all'XI secolo, emerse dagli scavi assieme alle tracce di fortificazioni medievali e di un villaggio dell'età del bronzo. Il filmato raccontava per immagini e ricostruzioni la storia della fortezza e di Bari.

Una cooperativa di giovani archeologi si occupava di fare partire il video e poi di guidare i visitatori anche all'esterno, nella vasta area archeologica dove si ergono le colonne del convento francescano risalente agli inizi del cristianesimo e dove leggenda vuole che sia transitato san Pietro. Le visite al bastione erano scadenzate su un calendario orario per consentire la visione del filmato e la visita guidata a una ristretta selezione di vasi, anfore ed elmi della collezione archeologica e il tour esterno tra i resti del convento di San Pietro. Il costo del biglietto era di 5 euro. Da maggio scorso però le visite guidate sono state sospese perché gli archeologi non riuscivano a ritagliarsi una dignitosa retribuzione dagli incassi dei biglietti d'ingresso. Senza archeologi, niente filmato che sicuramente sarà costato decine di migliaia di euro e che ora probabilmente fa compagnia ai reperti chiusi a chiave negli scantinati, mentre i preziosi proiettori pendono inutilmente dal soffitto.

All'ingresso ora c'è una sola addetta, è stato abolito anche il biglietto d'entrata, rigurgito di buonsenso di fronte all'assenza dei servizi. Non ci sono audioguide, le informazioni sui reperti sono scarne e solo in lingua italiana pur sapendo che molti visitatori sono stranieri, i resti del convento di San Pietro all'esterno sono divorati dalle erbacce. I vari " meraviglioso", "wonderful" e "incantevole" vergati sul quaderno degli ospiti, quindi, fanno ancora più male perché il posto è unico ma andrebbe valorizzato e reso fruibile con servizi e finanziamenti adeguati. Del resto, anche nell'altro scrigno della Città metropolitana, la Pinacoteca Corrado Giaquinto, dalla parte opposta del lungomare, è scarsa la considerazione per i visitatori, in special modo degli stranieri. Ore 11,30 della vigilia di Natale, prima di noi c'è un visitatore di Salisburgo, lo scopriamo dal registro delle visite che fanno firmare all'ingresso.

Anche qui, niente audioguide. Nelle prime sale ci sono i dipinti e le sculture dei guerrieri di Xi'an rivisitate da Sandro Chia con accanto i cartellini informativi in italiano e inglese. Negli stessi spazi ci sono le opere della collezione permanente della Pinacoteca con le indicazioni solo in italiano.

Anche davanti alla saletta climatizzata che ospita il capolavoro di Giovanni Bellini, il San Pietro martire, il cartello che raccomanda l'ingresso a non più di quattro persone è solo in italiano. Così come l'avviso all'interno, posto di fianco al dipinto, che invita gli ospiti a visitare anche il retro dell'opera perché sul legno ci sono disegni a carboncino fatti dallo stesso Bellini. Il visitatore austriaco è rimasto estasiato per diversi minuti davanti al dipinto del San Petro martire, poi stava per andar via quando è tornato indietro incuriosito dalla nostra escursione sul retro dell'opera. Dopo aver ammirato i disegni, ci ha ringraziati con un sorriso.



news

07-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 7 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news