LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Riporto alla luce le Terme Erculee di Mediolanum"
Luca De Vito
30 dicembre 2017 LA REPUBBLICA



Di che cosa stiamo parlando

Si sente ripetere Milano, la città della ricerca, ma che senso ha realmente una simile frase? Lo scopriamo un sabato dopo l'altro. Prima tappa il 16 dicembre con Camilla Colombo, che ha inventato un modo per far cambiare la rotta dei satelliti sfruttando le perturbazioni dello spazio. Seconda puntata il 23 con Angelo Maravita, che imbroglia il cervello usando specchi e mani di plastica e così riesce a far diminuire il dolore dei pazienti. La nostra inchiesta proseguirà per i prossimi mesi.

Il poeta Decimo Magno Ausonio diceva che Milano ai tempi di Diocleziano era in grado di competere con Roma e che la sua bellezza, al cospetto della Capitale, non era sminuita.

Un'affermazione per cui esistono delle prove, ancora oggi. Basta andarle a cercare. Come fa Furio Sacchi, 52 anni, archeologo ricercatore dell'università Cattolica: uno che ha dato la vita, professionalmente parlando, per salvare pezzo per pezzo il prezioso patrimonio archeologico che ancora rimane sotto il centro della città, praticamente ignorato.

Le prove si trovano sotto terra e ci si arriva da una botola a pochi passi da corso Europa: si alza una grata e si scende giù per una scala di ferro stretta e pericolante. Qua si trovano i resti delle Terme Erculee, uno dei palazzi più belli dell'impero ai tempi di Diocleziano e la prova tangibile che Mediolanum non aveva nulla da invidiare a Roma. Praticamente nessuno sa dell'esistenza di questa botola tranne quelli della Soprintendenza (che hanno le chiavi). E ovviamente gli studiosi come Sacchi: Fare l'archeologo a Milano è frustrante dice con un sorriso perché uno ha sempre negli occhi Roma, la Tunisia, l'Egitto. Però è un ottimo banco di formazione per noi: questa città ti costringe a sfruttare e a ragionare su ogni minimo dettaglio se vuoi riproporre l'immagine di quegli splendidi edifici.

Le Terme Erculee si chiamano così perché volute da Massimiliano Erculeo, coreggente di Diocleziano, che aveva collocato a Milano la sede della corte imperiale. Un edificio importante e prezioso, come si capisce dai ritrovamenti fatti negli anni, ogni volta che si è scavato da quelle parti. Marmi colorati delle cromie più utilizzate in epoca romana, e anche i più costosi: venivano dalla Grecia, come il porfido verde, o dalla Tunisia, come il marmo giallo. C'erano anche i porfidi rossi d'Egitto, la pietra per eccellenza della dignità imperiale. Mentre descrive i fasti del palazzo per come molto probabilmente appariva all'epoca, con le parole lascia quasi intravedere la sagoma dell'edificio a chi lo ascolta. È la passione dell'archeologo che fa sognare.

Massimiliano dotò la città di quelle infrastrutture che servono per renderla una capitale a tutti gli effetti e le terme sono una di queste: coprivano una superficie di circa 14.500 metri quadrati e avevano una pianta molto simile alle terme di Treviri. Cartina alla mano, bisogna fare uno sforzo di immaginazione per ridisegnare i confini delle terme milanesi: un grosso rettangolo che doveva sorgere tra quelle che oggi sono corso Europa, via Durini e via Cerva. Per ricostruire quelli che erano gli interni aggiunge Sacchi abbiamo passato in rassegna 800 pietre, frammenti di piccole dimensioni trovati con gli scavi degli anni Sessanta per la demolizione degli stabili vicino alla chiesa di San Vito al Pasquirolo. Un lavoro certosino portato avanti anche con l'aiuto dei petrologi del Cnr che hanno stabilito la provenienza dei materiali. Spogliato e spolpato negli anni, l'edificio era molto ricco di marmi che provenivano dalle cave del mondo antico. Nel medio Evo è stata fatta razzia dei mattoni per costruire nuove abitazioni, lasciando solo le fondazioni. Solo alcuni mosaici si sono salvati, conservati nei cortili di una banca (arrivata con le nuove costruzioni) e nelle sale del museo archeologico di Milano.

Tutti i risultati del nuovo lavoro confluiranno in una mostra, con il contributo del ministero dei beni culturali e delle civiche raccolte archeologiche e numismatiche del Comune. Il mio obiettivo è far capire quali sono gli esiti delle nostre ricerche, arricchire il nostro patrimonio archeologico e magari pubblicare un catalogo in cui si raccolga tutto quello che abbiamo fatto per ricucire la memoria dell'edificio che oggi appare così disperso. E se dovesse sognare? Vorrei un'altra grande mostra sulla Milano capitale, aggiornata dopo vent'anni di scavi e di ricerche approfondite. Dove parlare anche del palazzo imperiale e del teatro romano. I resti devono far comprendere anche l'importanza che aveva questa città: proprio come diceva il poeta Decimo Magno Ausonio.




news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news