LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vivere in stile Bevagna. La bellezza ha vinto sul sisma
Alessandro Luongo
Corriere della Sera 6/1/2018

Il paese studiato dai sociologi: unidentità a misura duomo

La trasmissione Alle falde del Kilimangiaro di Rai3 ha individuato Bevagna come Borgo dei borghi 2018 per la regione Umbria. E il sociologo Giuseppe De Rita, che qui ha soggiornato diverse volte, ha coniato il termine bevagnizzazione . Una condizione di vita a misura duomo semplice e genuina spiega il sindaco del paese, Annarita Falsacappa che segna un distacco dalla frenesia quotidiana e proietta tutti in un concetto di bello fatto di arte, cultura, storia e tradizioni.

Il villaggio medievale (5.000 abitanti), Bandiera arancione Touring Club Italiano, si trova nella valle sotto il Monte Subasio, a 23 chilometri da Assisi e a 35 dal capoluogo perugino ed è bagnato da due fiumi affluenti del Tevere: il Clitunno e il Teverone (che poi diventa Timia). Di qui il nome Bevania, terra di mezzo.

Intorno ci sono quattro castelli (Castelbuono, Gaglioli, Limigiano, Torre del Colle) e la Via Flaminia, con molte tracce dellepoca romana anche nella splendida piazza principale, dedicata a Filippo Silvestri (un entomologo nato qui). Chi passeggia sulla scalinata del Teatro romano aggiunge la prima cittadina respira unatmosfera antica di libertà, che rimanda a prima dellUnità dItalia.

Un luogo ricco di storia, che nel 2016 ha registrato un calo dei turisti del 50 per cento per via dellonda mediatica negativa del terremoto. Ma il sisma qui ha causato solo crepe marginali a due edifici, messi subito in sicurezza. Bevagna ha così necessità di ripartire.

Rafforzando e valorizzando le proprie tradizioni. Dal suo evento più importante, che richiama un afflusso di visitatori crescenti, il Mercato delle Gaite (sta per quartieri , quattro: San Pietro, Santa Maria, San Giorgio, San Giovanni), che si tiene ogni anno per dieci giorni a giugno. Una rievocazione storica (1250- 1350) degli antichi mestieri medievali allinterno delle botteghe dei vicoli del centro storico. Come il mastro cartaio Francesco Proietti, che ricava ancora oggi la sua carta bambagina dalla polpa degli stracci di canapa, lino e cotone. E ci mostra le realizzazioni che vendo soprattutto agli artisti, puntualizza. A pochi passi, in via della Rocca, la bottega dellartigiana Rita Trabalza, è dedicata al ciclo di produzione della seta (dallallevamento dei bachi sulle foglie di gelso alla lavorazione dei bozzoli), ed è aperta tutto lanno per visite didattiche.

Il Mercato delle Gaite nasce nel 1989 dalle ceneri della sagra della porchetta sulla base di uno studio di antichi testi di archivio. Da allora la cittadina agricola ha modificato il suo assetto in turistico. E oggi conta su 849 posti letto globali (dalla casa vacanze Il Clitunno allAntico Borgo Carceri, allHotel Palazzo Brunamonti in centro, e il Turris Collis, ostello diffuso a Torre del Colle).

Le sorprese non sono finite. Gli ambulacri di un anfiteatro romano del I secolo ospitano il ristorante Redibis, sito Patrimonio Unesco, unico in Italia nel genere, di circa 280 metri quadrati. A gestirlo ci pensa Hakam Buti, giordano di origine, ma umbro convinto. Ristorazione alta, attenta alle intolleranze alimentari e ai prodotti locali anche in via di estinzione, come il pisello selvatico roveja.

Il rilancio di Bevagna punta inoltre sui fondi europei per sviluppare una sentieristica che colleghi i quattro castelli allaltra forte attrazione, il Carapace, una avveniristica cantina-scultura, opera di Arnaldo Pomodoro, di proprietà delle Tenute Lunelli , e ad altri siti interessanti. Entro il 2020 sarà inoltre valorizzata la pista ciclabile che unisce Assisi a Spoleto tramite il borgo, e che non riporta ancora nella segnaletica il suo nome.

Questo villaggio umbro merita di riconquistare i vecchi turisti e attrarne nuovi. Grazie a Diego Maria Tasselli, ad esempio, nel suo factory shop nel cuore del paese, è diventato un punto di riferimento della cachemire experience (visite guidate in laboratorio, da aprile a ottobre). Un esempio di turismo industriale significativo da parte dellunica azienda di produzione della lana pregiata nel borgo, e fra le prime in Umbria dal 1970.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news