LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In Veneto sono migliaia le opere darte scomparse
Andrea Priante
Corriere di Verona 7/1/2018

Dalle tele di Hitler ai gioielli del Ducale. In Veneto un furto darte ogni 15 giorni
Una storia secolare di razzie, migliaia di beni spariti: Nel mirino soprattutto chiese e ville

Venezia. La dirigente del Segretariato del ministero dei Beni culturali di Venezia, Renata Codello, spiega che il Veneto è la prima regione dItalia per numero di beni sotto tutela. E, si potrebbe aggiungere, è anche allottavo posto per furti a danno del patrimonio artistico. Non solo Palazzo Ducale. a pagina 8  Priante

È una storia vecchia di secoli, che alterna sconosciuti protagonisti a uomini illustri. Senza rispolverare la vicenda del Leone che dalla colonna di piazza San Marco fu trasferito a Parigi da Napoleone (e poi restituito nel 1815), in pochi sanno che nel 1941 Hitler pretese di prendersi le nove tele di Sebastiano Ricci che a Venezia abbellivano il soffitto di palazzo Mocenigo. Lasportazione fu perpetrata dallambasciata tedesca che si servì della valigia diplomatica e con il soffitto partirono altre 36 casse contenenti 112 pezzi tra sculture e dipinti, annotò Rodolfo Siviero, lo 007 dellarte che ha dedicato la vita a inseguire le opere asportate dai nazisti. Tra i dipinti che, a guerra finita, i tedeschi rifiutarono di riconsegnare allItalia, ci sono proprio quelle nove tele che, a 77 anni di distanza, si trovano oggi alla Gemäldegalerie di Berlino.

Nella relazione 2017 del nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei carabinieri, si contano 24 furti compiuti in Veneto nel 2016, in pratica uno ogni 15 giorni. Complessivamente, in dodici mesi, in Italia sono stati messi a segno 449 colpi, che hanno consentito di trafugare settemila oggetti, con un aumento del 21 per cento. I saccheggi avvengono soprattutto ai danni dei privati, che si sono visti portare via poco meno di 4mila opere. Seguono i luoghi di culto (1.772 oggetti sottratti) e le esposizioni temporanee (758), come la mostra Tesori dei Moghul e dei Maharaja: la Collezione Al Thani che ha chiuso mercoledì a Venezia dopo il clamoroso furto dei monili in platino e diamanti. Proprio i gioielli di valore artistico sembrano far gola ai criminali: nel 2016 ne sono stati rubati 406, il 130% in più rispetto allanno precedente. Sono comunque al sesto posto degli oggetti più trafugati: a quanto pare i ladri sembrano preferire i francobolli rari, le sculture e i dipinti, ma anche i libri e gli oggetti religiosi. Forse perché è più facile rivendere il ritratto di Andrea Palladio attribuito al Maganza e rubato nel Vicentino il 2 ottobre 2014, allinterno di villa Valmarana ai Nani (ritrovato dalla polizia nellabitazione di una giovane moldava), piuttosto che la spilla e la coppia di orecchini indiani sottratti a Palazzo Ducale.

In Veneto, il nucleo Tutela Patrimonio ha sede a Venezia e conta dieci investigatori altamente specializzati. Pochi? Non necessariamente, visto che possono contare sullappoggio dei cinquemila carabinieri sparsi sul territorio. La Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti conta qualcosa come un milione e 200mila opere trafugate e mai ritrovate, migliaia quelle razziate dal nostro territorio. Tra queste, i carabinieri hanno inserito il bottino della mostra sui Maharaja, la cui descrizione (e le foto) è quindi ora a disposizione anche dellInterpol: significa che la caccia ai gioielli rubati si è già estesa a livello internazionale. Esistono - spiega un investigatore - due tipi di ladri di opere culturali. I disperati, che neppure conoscono fino in fondo il reale valore di ciò che hanno sottratto. E gli esperti, che in genere sono stranieri, molto preparati e che si muovono dopo aver studiato con cura il colpo. Questi ultimi, sovente agiscono per conto di un committente. E visto che il mercato nero dellarte è ormai globalizzato, lordine di rubare unopera può partire dallItalia come dalla Svizzera o dagli Stati Uniti. Ma dove finisce la refurtiva? Raramente viene esposta in casa, è troppo rischioso. Più spesso finisce in qualche caveau o in una cassetta di sicurezza. E lunico che può goderne è colui che ne ha ordinato il furto. Il mercato - legale o meno - non conosce crisi. Vista laltissima presenza di opere - spiega la sovrintendente Codello - negli ultimi anni cè un rinnovato interesse, da parte degli appassionati, verso gli oggetti artistici presenti nella nostra regione. È chiaro che un simile tesoro fa gola a chiunque desideri possedere un capolavoro. E allora, per proteggere il meglio del nostro patrimonio culturale, non basta che le forze dellordine stiano al passo con le tecnologie, sempre più innovative, utilizzate dai ladri: serve la collaborazione di tutti. È tempo che i veneti sentano la responsabilità di salvaguardare larte che li circonda.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news