LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Colpo al Ducale punti fermi e le domande senza risposta
Eleonora Biral
Corriere del Veneto 7/1/2018

Venezia. Una delle poche certezze del colpo di mercoledì al Ducale di Venezia, è che i gioielli sono stati rubati. Ai punti fermi (lorario del colpo, luso di guanti per non lasciare impronte) si aggiungono molte domande ancora senza risposta, a cominciare dal valore della refurtiva. Una su tutte: quanti sono realmente i complici dei due ladri che hanno agito?

VENEZIA. Lunica certezza è che i gioielli sono spariti. Sono passati quattro giorni da quando una banda di ladri ha messo a segno quello che è già stato definito il furto del secolo: una spilla e un paio di orecchini rubati alla mostra dedicata ai tesori del Moghul e dei Maharaja a palazzo Ducale, nel cuore di Venezia. Quattro giorni durante i quali la polizia ha visionato decine di filmati delle telecamere e cercato tracce utili a identificare gli autori del furto. I dubbi sono ancora tanti e per gli investigatori potrebbero volerci mesi per risolvere il caso. Intanto ieri la task force messa insieme dal questore ha fatto un nuovo sopralluogo al Ducale per cercare di rispondere alle molte domande ancora aperte.
LA REFURTIVA
I ladri hanno rubato una spilla e un paio di orecchini in oro, platino e diamanti di proprietà dello sceicco qatariota Hamad bin Abdullah Al Thani. Il valore doganale di cui si era parlato, 35mila euro, determina limporto dei dazi, ma quello commerciale sarebbe di circa tre milioni. Un valore comunque inferiore rispetto a quello di altri gioielli esposti alla mostra e questo porta gli investigatori a definire due piste.
IL MANDANTE
I ladri non hanno nemmeno toccato un collier riposto nella stessa teca. Quello che volevano erano gli orecchini e la spilla e li hanno prelevati con una facilità sospetta. Possono aver scelto proprio quei gioielli solo per due motivi. Il più ovvio è che abbiano agito su commissione, eseguendo lordine di un compratore. Laltra ipotesi è che vogliano smontare i monili per rivenderne il platino e le pietre preziose.
LA TECA
Resta da capire come siano riusciti ad aprire lo scrigno di vetro che custodiva i gioielli. La teca ha una serratura meccanica nella parte inferiore e, una volta inserita la chiave, è possibile aprire lanta. Gli accertamenti dimostrano che lespositore non è stato scassinato. Il ladro che lha aperto ha armeggiato per tre, al massimo quattro secondi sotto la teca e poi ha messo le mani sui preziosi. Questo modo di operare fa restringere il campo a due ipotesi: o il bandito aveva una copia della chiave (una sorta di passepartout) oppure la teca era aperta. Quanto basta per ipotizzare che ci fosse una talpa.
IL BASISTA
Un furto simile non può essere commesso solo da due persone. Il questore ha spiegato che la banda era composta da numerosi elementi. Quindi cerano dei complici allinterno, e probabilmente anche allesterno, della mostra. Un basista potrebbe averli aiutati in qualche modo ad aprire senza difficoltà la teca. Inoltre, il dispositivo di sicurezza prevedeva la presenza di due guardie armate e tre guardiasala. Non è chiaro se la persona che doveva controllare la Sala dello Scrutinio fosse presente.
LALLARME
Limpianto di allarme è di tipo luminoso e si attiva quando i gioielli vengono prelevati dagli espositori. Limpulso arriva alla control room. Da qui gli addetti ai lavori verificano da quale espositore provenga e avviano una sorta di catena avvisando la portineria, il caposervizio, i guardiasala e le guardie. Mercoledì il segnale si è attivato ma limpulso è arrivato alla centrale di sicurezza con un minuto di ritardo. I ladri potrebbero aver utilizzato un dispositivo in grado di disturbare le frequenze radio e, quindi, di disattivare momentaneamente limpianto.
LA FUGA
I ladri in meno di un minuto riescono a prelevare i gioielli e ad uscire mentre il protocollo di sicurezza ne richiede circa tre. Trascorsi i quali, i criminali erano già sulle passerelle per lacqua alta in piazza San Marco: è probabile che si siano incamminati verso Rialto.
LE INDAGINI
La squadra mobile e lo Sco da mercoledì hanno eseguito diversi sopralluoghi a palazzo Ducale. I ladri non si sono preoccupati che i loro volti venissero ripresi, perciò è probabile siano incensurati e stranieri. Luomo che ha estratto i gioielli dalla teca indossava dei guanti da benzinaio. La polizia non ha ancora chiarito se sono state trovate impronte e venerdì hanno presentato una prima relazione al pubblico ministero Raffaele Incardona.



news

22-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news