LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Statua decapitata, nessuno denuncia.Trasportata con un trolley poi rotto
Eleonora Biral
Corriere del Veneto 7/1/2018

Rimane il mistero della testa di marmo novecentesca. Lipotesi della casa privata

VENEZIA. Per trasportarla hanno utilizzato un trolley che, però, a causa del peso si è rotto. Perciò, oltre alla statua, hanno dovuto abbandonare anche la valigia.

E questa la prima ipotesi dei carabinieri della compagnia di Venezia dopo il ritrovamento della testa di donna in marmo in corrispondenza del Ponte della Pietà, a pochi passi da piazza San Marco. Gli investigatori hanno sequestrato anche il trolley per analizzarlo e provare a identificare gli autori del presunto atto vandalico e del furto e, parallelamente, stanno verificando a chi appartenga il blocco di marmo. Si tratta della testa di una statua che raffigura il volto di una donna e che, secondo un primo esame degli esperti della Soprintendenza dei Beni Archeologici e Culturali risalirebbe ai primi del Novecento e non sarebbe di fattura pregiata.

Il ritrovamento risale a venerdì pomeriggio. Un cittadino ha chiesto ai carabinieri, che stavano pattugliando la zona di Riva degli Schiavoni, di verificare la presenza del manufatto che era stato nascosto sotto le passerelle per lacqua alta. Un blocco di marmo che, però, era già stato fotografato in mattinata da una donna che aveva diffuso le immagini in un gruppo Facebook, chiedendo agli utenti se sapevano di cosa si trattasse e perché fosse lì.

Qualcuno sostiene che fosse stata notata già un paio di giorni prima, ma è stata recuperata solo venerdì. I carabinieri, una volta raggiunto il luogo, hanno posto sotto sequestro la statua, che pesa circa mezzo quintale. Non hanno potuto fare a meno di notare che, nelle vicinanze, cera anche un trolley abbandonato. Una valigia che, per le sue dimensioni, secondo gli investigatori poteva benissimo contenere la statua. Il trolley si presentava rotto e questo ha portato i carabinieri a pensare che sia stato usato per trasportare il manufatto, altrimenti difficile da spostare per il suo peso. La valigia, insieme al blocco di marmo, è stata portata al comando di San Zaccaria dove è stata sottoposta a unanalisi. I carabinieri stanno cercando impronte, elementi e tracce che possano ricondurre a chi, presumibilmente, ha rubato la statua. Perché di questo si tratterebbe: un furto. Sarebbe escluso, allo stato, il semplice atto vandalico. Allaltezza del collo la statua presenta un pezzo di ferro. Il che fa ipotizzare che sia stata staccata da una base o un busto su cui era installata. Difficile, però, capire da dove provenga. Almeno per adesso. Per comprenderlo i carabinieri si stanno muovendo in diverse direzioni. Fin da subito hanno chiesto ai colleghi del nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia di fare una verifica nella banca dati delle opere darte rubate e agli esperti della Soprintendenza di analizzare il manufatto. Si tratterebbe, stando agli elementi raccolti finora, di una statua che non avrebbe un grande valore, ma serviranno altri approfondimenti. Un altro filone dindagine si sta concentrando, invece, sul controllo dei musei, dei luoghi di culto e degli edifici pubblici del centro storico. I militari escludono la terraferma e hanno sentito i responsabili dellistituto Santa Maria della Pietà, della chiesa di San Zaccaria e della Curia. Nessuno, però, ha scoperto furti. Non si esclude che possa appartenere a qualche privato. Nessun fino a ieri ha denunciato la scomparsa.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news