LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Il Traversi 15 anni dopo. Da garage a polo del lusso. Lok della Soprintendenza
Corriere della Sera - Milano 9/1/2018

Lavori per 30 milioni di euro. Inaugurazione prevista nel 2021

Rinasce lex garage Traversi. A 15 anni dalla chiusura, a sette dal concorso di idee per la sua rifunzionalizzazione, il progetto di recupero delledificio di via Bagutta ha avuto il benestare della Soprintendenza alle Belle Arti, Paesaggio e Beni archeologici. Limponente restyling ledificio svetta per 24,70 metri in altezza, e ha cinque mila metri quadrati in tutto avrà un costo di oltre 30 milioni di euro e richiederà tre anni di lavoro. La prima autorimessa multipiano nella storia della città, realizzato negli anni 30 in pieno stile razionalista, sarà convertito in polo del lusso. Ospiterà i marchi dellabbigliamento, uno showroom , un ristorante e, forse, anche una spa con terrazza e vista sui tetti di Milano. La location , daltronde, ha sempre fatto gola alle grandi firme. Quando chiuse i battenti, si era parlato di un interesse di Armani, poi di Ralp Laurent e infine dello sceicco del Kuwait Majed Al Sabah, fondatore degli store Villa Moda, mirabili templi dello shopping di lusso in Medio Oriente. Erano i tempi in cui si ipotizzava il possibile sbarco in piazza San Babila della sede italiana di Harrods.

La storia del Traversi affonda le radici nella ricostruzione del centro iniziata tra le due guerre. Gli anni Trenta videro, infatti, lavvio di un ampio programma di sventramenti della zona interna, impostato non sullapertura di grandi assi viari ma sulla demolizione estesa di interi tessuti urbani. Accadde così che nel piano di ricostruzione dellarea compresa tra corso Matteotti e piazza San Babila, rimanesse libero un lotto di terreno troppo piccolo e irregolare per collocarvi un edificio destinato ad abitazioni e senza fronti libere ad eccezione di quella principale su via Bagutta. Ed ecco lidea di costruire un edificio dedicato alle autovetture, il nuovo mezzo di trasporto che allepoca cominciava a diffondersi. Il progetto fu affidato allarchitetto Giuseppe De Min, che aveva già firmato il palazzo allangolo tra piazza San Babila e corso Vittorio Emanuele.

Il Traversi vide la luce nel 1938. Il lotto irregolare non impedì a De Min di realizzare un edificio di grande rilievo architettonico, con la pianta riconducibile alla forma di un ventaglio e il prospetto distinto tra i due piani inferiori e quelli superiori a parcheggio, dove dominano le linee curve e le superfici a vetro. Nel corso della sua storia ha subito molte trasformazioni e amputazioni. Ma quando si ventilò lipotesi di demolirlo, a salvare questo pezzo di storia meneghina ci pensò il vincolo di salvaguardia monumentale deciso nel 2007 dallallora direttore regionale per i Beni culturali Carla Di Francesco. La Soprintendente Antonella Ranaldi conferma il via libera alla ristrutturazione, che include una sopraelevazione.

Aveva una statura il Garage Travesi, uno dei primi edifici in cemento armato. Per decenni è stato il ricovero di auto vip più noto della città. Da troppo tempo è però desolatamente vuoto, se non fosse per il chiassoso temporary shop, che ha provocato in passato la protesta dei residenti. E alle spalle ha anche una storia tormentata, passato comè più volte di mano in mano. Limmobiliare Aedes, tre anni dopo averlo dismesso, lo aveva ceduto a Zunino e alla società Risanamento per 89 milioni di euro, in un complesso scambio finanziario. Nel 2010 fu lanciato il concorso di idee per il Nuovo Traversi ma, intanto, ledificio era diventato di proprietà del Banco Popolare, a causa di uno dei tanti contratti andati in default nelle vicende che hanno visto come protagonista Banca Italease. La svolta nel giugno di due anni fa, con lacquisto di Bnp Paribas Reim per conto del fondo inglese di private equity Hayrish. E con il permesso a costruire del Comune, arriverà anche la realizzazione della piscina in via Fatebenesorelle, contropartita per gli oneri di urbanizzazione.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news