LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caserta. Dopo la lettera anti-Felicori i sindacalisti una volta ostili preferiscono lanonimato:Relazioni compromesse
Angelo Agrippa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 9/1/2018

NAPOLI. Dove sono finiti i sindacati che con una lettera, due anni fa, attaccarono il direttore generale della Reggia di Caserta, Mauro Felicori, perché costringeva i dipendenti ad un surplus di lavoro? Ed ora che uno degli allestitori della festa nuziale del 5 gennaio scorso è salito a cavalcioni sul leone di marmo dello scalone reale per sistemare un bouquet di fiori puntualmente immortalato in una foto scattata probabilmente da qualcuno che conosce molto bene il Palazzo Reale casertano nessuno che urli allo scandalo? Uno dei sindacalisti più critici nei confronti di Felicori, ma pronto a trincerarsi dietro lanonimato perché lei non sa sussurra che qui cè un clima di tensione tale che qualsiasi piccola infrazione viene sanzionata con pesanti punizioni, del tipo che ci viene impedito, per esempio, di rientrare nei turni festivi e domenicali, allarga le braccia e si sfoga: Non so se qualcuno dei miei colleghi afferma sia stato assegnato a quellarea specifica durante la cerimonia. Una volta ricorda esisteva un disciplinare che prevedeva di impegnare un numero di addetti alla vigilanza per ogni spazio museale. Ora, invece, non sappiamo più nulla, poiché non cè condivisione organizzativa e soprattutto apprendiamo degli eventi dal profilo Facebook del direttore.

Felicori è appena arrivato nei suoi uffici. Si prepara alla diretta di stamane con la trasmissione Agorà di Raitre. Lo ribadisco sbotta : ora occorrerà svolgere i dovuti accertamenti per capire di chi è la responsabilità della mancata vigilanza sullo scalone che ha consentito al fiorista di salire sul leone di marmo per accomodare i fiori. Di sicuro, chi era di turno ha avuto assegnata anche una postazione. E se non era sul posto, dovrà in qualche modo spiegare il perché. Un altro dipendente Mibact della Reggia, espressione di una diversa sigla sindacale, preferisce non fornire le sue generalità: Preparo una causa per mobbing e demansionamento, non mi pare corretto sovrapporre la mia vicenda a quella del sindacato. Dunque, più che bocche cucite, sono i dati anagrafici a rimanere riservati, a dimostrazione del fatto che le relazioni sindacali sono ormai compromesse, ma soprattutto che i più ostili alla nuova gestione del complesso vanvitelliano preferiscono sussurrare più che denunciare.

Il personale è stato mortificato sostiene un altro dipendente poiché sono stati impegnati appena due addetti per turno in conto terzi, vale a dire retribuiti dalla società organizzatrice dellevento, e se devono controllare la sala Romanelli, non possono di certo sorvegliare il vestibolo inferiore. Soltanto di sera, in occasione della festa nuziale, è stato previsto un numero congruo di personale al lavoro. Ma possibile che neppure la condizione ibrida di addetto alla vigilanza e dipendente pubblico retribuito dalla società organizzatrice dellevento (benché previsto da un apposito regolamento ministeriale) susciti un minimo di imbarazzo? Dovrebbe essere lamministrazione pubblica risponde Felicori ad assicurare il servizio e a sostenere le spese per lo straordinario. Ma non riusciremmo mai ad offrire un compenso allaltezza di quello che può offrire una società privata. Italia Nostra, sezione Antonella Franzese di Caserta, attacca: È inconcepibile quanto accade in un bene monumentale con un tariffario che rende la Reggia più conveniente anche dellultimo agriturismo della provincia commenta Giancarlo Pignataro . La questione però ancora una volta non è dei numeri ma della qualità del servizio educativo-culturale.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news