LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Museo ibrido , il nuovo lusso di Gucci
Matteo Persivale
Corriere della Sera 10/1/2018

Boutique, galleria e osteria (firmata Bottura). Michele: Firenze potentissima, volevo sfatarne il mito

Firenze. Ci siamo trovati insieme, a Milano, intorno a un tavolo, Marco (Bizzarri, ad di Gucci, ndr ), Alessandro (Michele, direttore creativo di Gucci, ndr ) e io (Massimo Bottura, attualmente chef numero 1 del mondo e ex compagno di scuola di Bizzarri, ndr ) . E abbiamo cominciato a fare a gara a chi la sparava più grossa. Se di metodo Bizzarri si può parlare (il manager è stato invitato nelle università di management da Harvard alla Bocconi per spiegare come si moltiplicano fatturati esponenzialmente come fa lui, da Stella McCartney a Bottega Veneta a Gucci) è proprio lex compagno di banco ad aver trovato la formula più felice: fare le cose come gli altri non le fanno.

Ieri, a Firenze, ecco lultimo esempio di una cosa unica, strana, fatta da Gucci: il museo Gucci di piazza della Signoria, accanto a Palazzo Vecchio, è diventato una sorta di ibrido tra una galleria darte e uno showroom. La libreria è diventata una boutique che sembra la casa la cabina armadio e la biblioteca di un dandy che vive accanto a Palazzo Vecchio in un edificio del 1377. Il bar è diventato un ristorante da 22 coperti dello chef Bottura, Gucci Osteria, già in odore di stella Michelin a giudicare dalla serenità con cui Bottura spiegava che non si cucina per le stelle e dalla bellezza del menu nel quale i piatti rappresentano persone e non idee astratte di cucina.

È il mondo magico e vagamente inafferrabile di Gucci Garden, boutique di lusso diversa da tutte le altre perché è in un Palazzo diverso da tutti gli altri in una città così potente, per Gucci e per tutto il mondo, che mi ha quasi invitato a cercare di sfatarne affettuosamente il mito. Nel museo che cera prima si trovava il passato,la curatrice Maria Luisa Frisa mi ha aiutato a far trovare ai visitatori le cose del presente, che camminano nel mondo, spiegava Michele, riluttante rockstar della moda che anche ieri parlava a bassa voce, dietro gli occhiali scuri (è una di quelle persone che preferiscono ascoltare, dote preziosa, rara in generale e nella moda in particolare).

La festa, ieri sera, ha proiettato sulla facciata del palazzo un occhio digitale, avatar e riferimento centrale nellestetica di Michele. E impressionava come al di là della prevedibile curiosità per le installazioni ai piani superiori e il negozio a piano terra, tra fashion editor stranieri e buyer il successo più sorprendete sia stato quello della nutritissima cartoleria: carta da lettera, cartoline, bigliettini, sticker come quelli che si usavano da bambini con il bestiario di Michele. Tigri, api, leoni, gatti, serpenti, cigni: il mondo magico di Gucci che parla al nostro immaginario di bambini.



news

22-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news