LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Recuperati quadri del '600 rubati. Parroco di Montevarchi denunciato per ricettazione
10 gennaio 2018 LA NAZIONE


Un arresto e tre denunce. Deferito anche Don Claudio Brandi, parroco della Collegiata di San Lorenzo. I quadri avevano un valore di 90.000 euro.

Arezzo, 10 gennaio 2018 - E' stata una operazione molto importante quella portata a termine dai Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno, in particolare dai militari di Levane, che ha consentito di scoprire un traffico di opere d'arte in provincia di Arezzo. L'attività di indagine è iniziata nel secondo semestre del 2017 e ha portato ad un arresto e a tre denunce. Tra i denunciati Don Claudio Brandi, parroco della Collegiata di San Lorenzo di Montevarchi, che dovrà rispondere di ricettazione. L'operazione delle forze dell'ordine, per giunta, ha consentito di recuperare materiale di interesse artistico di ingente valore economico che altrimenti sarebbe andato irrimediabilmente perduto nel cosiddetto mercato nero delle opere darte rubate, particolarmente attivo anche nell'aretino. Tra i denunciati, anche un sacerdote, accusato di ricettazione.

I militari levanesi hanno iniziato ad agire nel luglio dello scorso anno, a seguito di una denuncia contro ignoti presentata presso i Carabinieri di Città di Castello da parte di un noto avvocato del posto che aveva visto trafugati dal proprio studio tre quadri di ingente valore, tutti risalenti al 1600, più un quarto quadro, sempre del 1600, denunciato scomparso a seguito di appropriazione indebita. Le attenzioni dei Carabinieri si sono orientate inizialmente verso un noto antiquario di Montevarchi al quale lavvocato umbro si era rivolto per la vendita del quarto quadro. In base alla ricostruzione delle forze dell'ordine, è emerso che lo stesso antiquario, oltre a trattenere indebitamente il quadro, aveva preso parte direttamente anche al furto presso lo studio del legale.

I militari della Stazione, approfondendo gli accertamenti, hanno poi rintracciato ulteriori due correi dellantiquario, scoprendo che il destinatario finale dei quadri di valore era il parroco della Collegiata di Montevarchi, la chiesa più importante della città, verso il quale erano stati ricettati tutti e quattro i quadri, del valore complessivo di circa 90.000 euro, pagati dal sacerdote, questo quanto ricostruito, solo poche migliaia di euro.

La perquisizione presso labitazione del prete, a cui ha partecipato anche personale specializzato del Nucleo Tutela Patrimonio Artistico dellArma, ha consentito di rinvenire uno solo dei dipinti, quello dellappropriazione indebita. Solo successivamente sono stati consegnati anche i tre quadri trafugati, dei quali era stata negato inizialmente il possesso. I militari levanesi, su disposizione dellautorità giudiziaria perugina, hanno quindi eseguito nelle ultime ore tre misure cautelari, sottoponendo agli arresti domiciliari lantiquario, attualmente domiciliato in Umbria, mentre per i due correi, indagati in stato di libertà anche per numerosi furti in esercizi commerciali, è stato disposto ed eseguito lobbligo di dimora nel comune di Montevarchi, unitamente allobbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Il prelato, invece, è stato deferito in stato di libertà alla Procura aretina per il reato di ricettazione. I quattro quadri del 600, raffiguranti un ragazzo in abiti depoca e dei parrucconi , raffiguranti uomini di legge, uno di dimensioni 2.20 x 1.50 metri, gli altri di dimensioni leggermente più ridotte (m. 1.20 x 0.80 e 1.30 x 1.00), saranno presto restituiti al legittimo proprietario che ha espresso particolare soddisfazione per loperato dei militari valdarnesi.

Ma il lavoro delle forze dell'ordine non si è esaurito qui. In una seconda operazione di servizio i Carabinieri sono infatti riusciti a rintracciare tutti i libri trafugati in un furto messo a segno nel mese di febbraio 2017 in una villa di una signora montevarchina. Una iniziale perquisizione, compiuta dai militari nel mese di giugno 2017 a Casagiove, in provincia di Caserta, aveva portato al rinvenimento della maggior parte dei libri antichi, detenuti da un pregiudicato italiano che era stato denunciato per ricettazione. Lesame dellaccount e- bay del soggetto, ha permesso ai militari di risalire a moltissimi libri venduti in varie parti dItalia, rintracciandoli quasi tutti presso gli ignari acquirenti che, opportunamente sentiti quali persone informate sui fatti, li hanno riconsegnati presso i vari Comandi Stazione dellArma sparsi sul territorio: nello specifico i libri sono stati rinvenuti ad Olbia, Fontanellato, Rieti, Bagnacavallo, Milano, Sacile, Roma, Castiadas, Valdobbiadene, Peschiera del Garda, Lecco, Casatenovo, Torre Pellice, Montignoso, Castellanza e Thiene. I numerosi manoscritti antichi, dal 500 in poi, di ingente valore, saranno a breve restituiti alla legittima proprietaria.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news