LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cè linchiesta su Tap. Salvate la bellezza
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 10/1/2018

Lecce. Cè il via libera del gip di Lecce alla riapertura dellindagine sulla compatibilità del gasdotto Tap con ambiente e salute pubblica. Tema controverso sul quale larcivescovo di Lecce, Michele Seccia, torna ad esprimersi, dopo averlo fatto nelle scorse settimane mettendo al centro il concetto per lui irrinunciabile del rispetto della bellezza del territorio. Accolta la richiesta della Procura di Lecce, si torna, dunque, a indagare sulle presunte false dichiarazioni connesse allavvio dei lavori per la costruzione del metanodotto destinato a trasportare fino in Italia il gas naturale estratto nelle regioni del Caspio, passando per il terminale italiano di San Foca, sul litorale di Melendugno, contro il quale non si placa la protesta dei No Tap.

Arcivescovo Seccia, lei è a Lecce dallo scorso dicembre, ma dellapprodo Tap a San foca sembra essersi già fatto unidea abbastanza precisa.

Prima bisogna vedere la correttezza di tutte le informazioni che ci hanno dato. Perché quando si dicono cose che non corrispondono alla realtà, come quando i responsabili del progetto sono venuti a trovarmi e mi hanno detto altre cose.

Cosa le hanno detto monsignore?

Mi hanno parlato del metano, ma io mi chiedo se serve proprio tutto questo metano qui. È proprio vero che deve per forza arrivare anche dallacqua, come mi hanno fatto credere o capire? Io con tutta umiltà dico che poi uno si sente messo in mezzo a una discussione dove ognuno esprime le sue verità. Vedo che quelli che vogliono arrivare, pur di arrivare, non si limitano nel dire cose che magari non stanno né in cielo né in terra.

A chi si riferisce arcivescovo?

Vennero da me delle persone, penso coloro i quali stanno progettando lopera. Io ascolto quello che mi dicono, ma rimane per me fermo il principio della salvaguardia del territorio che sta subendo troppo scempio. E ci sono persone che non dovrebbero cavalcare oggi tutti questi discorsi, perché mi chiedo doverano quanto i progetti sono stati fatti e approvati.

Si riferisce alla politica?

Se io imprenditore decido di fare una cosa, devo farla o no con una progettazione? Ci sono degli incontri o degli accordi nazionali e internazionali? Ci sono delle valutazioni di natura industriale ed economica che sono state fatte? Non è che le cose sono iniziate da un giorno allaltro. I vari amministratori che nel corso degli anni si sono interessati della vicenda, ora dove sono? Io sono lultimo arrivato e posso dire solo che il territorio e la sua bellezza devono essere difesi.

I parroci salentini hanno solidarizzato con i manifestanti durante lo sciopero contro Tap organizzato il mese scorso, mettendo in pratica il richiamo alla tutela dellambiente lanciato da papa Francesco con lenciclica Laudato si.

Il Papa lo ha detto e lo diciamo anche noi vedendo quello che sta succedendo sul territorio, dalla Xylella ad altre situazioni. Cerchiamo di difendere il territorio.

Sono, quindi, legittime le proteste contro Tap?

Io dico che se si è deciso di guardare con maggiore attenzione la realizzazione di progetti e cantieri, vuol dire che, forse, un po di senso critico, o meglio, di sensibilità ecologica cè ancora. Ho visto che lenciclica è diventata oggetto di una attenzione così bella e particolare da parte dei ragazzi, quando ero nel teramano. Unattenzione rinnovata al territorio e alla natura in genere è di fondamentale importanza. Per cui, arrivare qui e vedere che ci sono questi mega progetti mi fa pensare. Veramente cè bisogno di aspettare che sia la popolazione a ribellarsi? Bisogna salvaguardare la natura, perché una volta persa la bellezza come ce la riprendiamo? Resteranno i quadri e la nostalgia. Oggi ho anche incontrato i rappresentanti di unassociazione che mi hanno parlato del progetto e dei rischi per lambiente che esso comporta e mi hanno anche lasciato degli opuscoli. Io ho ascoltato anche loro. Comunque è significativo il fatto che vi sia una rinnovata attenzione da parte della magistratura sullopera. Staremo a vedere.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news