LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Cultura è Lavoro, fagliela pagare!
https://emergenzacultura.org/2018/01/11/la-cultura-e-lavoro-fagliela-pagare/

Legge per la regolamentazione del volontariato culturale: Proposte di modifica di legge elaborate da Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali

Bozza semi-definitiva per circolazione

[N.B. (tra parentesi le parti che si propone di eliminare) , in neretto le proposte di integrazione]


Legge 14 gennaio 1993 n. 4 (legge Ronchey)

Art. 3

1. (Per assicurare lapertura quotidiana, con orari prolungati) Per coadiuvare il personale dellamministrazione dei beni culturali e ambientali operante in (, di) musei, biblioteche e archivi di Stato, il Ministero per i beni culturali e ambientali può stipulare, sentite le organizzazioni sindacali, con le organizzazioni di volontariato aventi finalità culturali, le convenzioni di cui allart. 7 della legge 11 agosto 1991, n. 266.

(1 bis. Il personale delle organizzazioni di volontariato è utilizzato ad integrazione del personale dellamministrazione dei beni culturali e ambientali)

1 ter. Il personale volontario operante in un determinato istituto pubblico ai sensi delle convenzioni di cui al comma 1 non può mai superare in numero il personale operante nel medesimo istituto con regolare contratto di lavoro.

2. Lo svolgimento delle mansioni di addetto ai servizi di vigilanza e custodia non comporta il riconoscimento della qualifica di agente di pubblica sicurezza.

3. Stando quanto riportato al comma 1 del presente articolo, il personale volontario non può in nessun caso occuparsi di attività riguardanti la conservazione, la promozione, la valorizzazione, la catalogazione, lo studio e linventariazione del patrimonio culturale, archivistico e librario, e qualsiasi tipo di attività educativa.

Codice dei beni culturali e del paesaggio. Decreto legislativo,
testo coordinato 22/01/2004 n 42, G.U. 24/02/2004

Art. 112 Valorizzazione dei beni culturali di appartenenza pubblica

9. Anche indipendentemente dagli accordi di cui al comma 4, possono essere stipulati accordi tra lo Stato, per il tramite del Ministero e delle altre amministrazioni statali eventualmente competenti, le regioni, gli altri enti pubblici territoriali e i privati interessati, per regolare servizi strumentali comuni destinati alla fruizione e alla valorizzazione di beni culturali. Con gli accordi medesimi possono essere anche istituite forme consortili non imprenditoriali per la gestione di uffici comuni. Per le stesse finalità di cui al primo periodo, ulteriori accordi possono essere stipulati dal Ministero, dalle regioni, dagli altri enti pubblici territoriali, da ogni altro ente pubblico nonché dai soggetti costituiti ai sensi del comma 5, con le associazioni culturali (o di volontariato), dotate di adeguati requisiti, che abbiano per statuto finalità di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali. Allattuazione del presente comma si provvede nellambito della sostenibilità economica (delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica).

D.P.R. 10 novembre 1966 n. 1356, Regolamento delle attribuzioni
e delle carriere del personale delle biblioteche pubbliche statali

6. Volontari. Possono essere ammessi a prestare servizio volontario e gratuito nelle biblioteche pubbliche statali e nelle soprintendenze bibliografiche volontari individuati ai sensi della legge 4/1993 (coloro che intendono partecipare ai concorsi per posti delle carriere direttiva, di concetto ed esecutiva). Le ammissioni sono autorizzate dal Ministero su domanda degli interessati, redatta ai sensi dellart. 2 del decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957, n. 686, sentito il parere del capo dellistituto bibliografico presso il quale laspirante desidera prestare servizio. Il lodevole servizio prestato per un periodo non minore di sei mesi, in modo regolare e continuativo, non è in nessun modo equiparato a un servizio lavorativo (è valutato, nei concorsi per le carriere suddette, in conformità delle disposizioni contenute nei successivi articoli 7 e 11).

7. Concorso per la carriera direttiva. Per la ammissione al concorso a posti nella qualifica iniziale della carriera direttiva è richiesta una laurea rilasciata da una Università o da un Istituto distruzione universitaria della Repubblica, cui il candidato siasi iscritto dopo il conseguimento della maturità classica o scientifica o dellabilitazione magistrale. Lesame di concorso consta delle seguenti prove: Prove scritte: a) svolgimento di un tema di storia della cultura italiana; b) traduzione, con laiuto del dizionario, dal latino o dal greco, a scelta del candidato; c) traduzione, con laiuto del dizionario, dal francese dallinglese o dal tedesco, a scelta del candidato. Prova orale: a) nozioni di storia del libro, di bibliografia generale e biblioteconomia; b) elementi di diritto civile (limitatamente a: la norma giuridica; diritto oggettivo e diritto soggettivo; negozio giuridico; persone fisiche e persone giuridiche); elementi di diritto costituzionale, amministrativo e di statistica; legislazione concernente lordinamento e il funzionamento delle biblioteche pubbliche statali e delle soprintendenze bibliografiche, lamministrazione del patrimonio e la contabilità generale dello Stato; c) elementi di paleografia latina, la cui conoscenza sarà dimostrata dai candidati anche attraverso la lettura di tavole scelte dalla Commissione; Prova orale facoltativa: d) lettura e interpretazione senza alcun sussidio, di un testo in lingua moderna, a scelta del candidato, diversa da quella in cui il candidato ha sostenuto la prova obbligatoria. Entro il limite dei cinque decimi previsto dallart. 10 del decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957, n. 686, sono valutabili, per non oltre due decimi ciascuna, le seguenti categorie di titoli: a) diplomi rilasciati dalla Scuola speciale per archivisti e bibliotecari della Università di Roma, diplomi universitari attestanti il compimento di corsi di specializzazione nel campo della bibliografia e della biblioteconomia e della paleografia latina e greca nonché della paleografia musicale e della papirologia, e diplomi rilasciati da scuole di archivistiche statali, dalla Scuola Vaticana di biblioteconomia, dalla Pontificia Scuola di paleografia diplomatica e archivistica; b) effettivi servizi lavorativi lodevolmente prestati nelle biblioteche statali e non statali per un periodo non minore di sei mesi e idoneità riportata in precedenti concorsi per la carriera direttiva delle biblioteche pubbliche statali; c) pubblicazioni nel campo delle discipline paleografiche, bibliografiche e biblioteconomiche; valutazione della prova facoltativa orale di lingua.

11. Votazioni aggiuntive per i concorsi delle carriere di concetto ed esecutiva. In aggiunta alla votazione complessiva di cui allart. 9 del decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957, n. 686, la Commissione esaminatrice dispone, nei concorsi per lammissione a posti nella qualifica iniziale delle carriere di concetto ed esecutiva, di un massimo di tre decimi per effettivi servizi lavorativi lodevolmente prestati nelle biblioteche per un periodo non minore di 6 mesi.

I prossimi eventi di presentazione:

Roma, 24 gennaio
Venezia, 29 gennaio
Vuoi aiutarci ad organizzare un incontro di presentazione nella tua città?

Scrivici allindirizzo: miriconosci.beniculturali@gmail.com
Contattaci sulla nostra pagina Facebook: https://miriconosci.wordpress.com/la-cultura-e-lavoro-fagliela-pagare/



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news