LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Per molti, ma non per tutti!
https://emergenzacultura.org/2018/01/11/per-molti-ma-non-per-tutti/#more-4670

La chiusa finale dello spot anni 80 di un noto spumante italiano riassume in modo ottimale quanto, lo scorso 9 gennaio, si è verificato allinterno della Galleria dellAccademia di Firenze.
Il secondo museo dItalia per numero di visitatori, che vanta tra le opere custodite il celeberrimo David di Michelangelo, è stato scelto come location di un evento artistico e piuttosto frizzanti.

A pochi giorni dalle dichiarazioni della direttrice Cecilie Hollberg che, nel corso di una trasmissione televisiva andata in onda su La7, decantava laver messo fine agli eventi mondani sotto il David, ebbene ecco che la Galleria dellAccademia diventa cornice di un aperitivo modaiolo: immaginate un intero museo a luci spente, qualche faro psichedelico puntato sui Prigioni di Michelangelo, un grande tavolo con prosecco e caviale e poi il David, vestito dalla proiezione di una videoinstallazione la cui finalità, nemmeno troppo velata, era quella di promuovere unazienda tessile di Prato che per pochi migliaia di euro (diecimila per lappunto) ha potuto affittare lintero museo per una festa esclusiva in orario di chiusura al pubblico.
Se la Reggia di Caserta è balzata agli onori della cronaca per essere diventata la location matrimoniale più ambita dItalia, adesso Firenze sembra puntare agli aperitivi esclusivi con ospite deccezione: il David.
A questo punto viene anche da domandarsi se lazienda in questione abbia pagato per poter utilizzare limmagine del David visto che, come la dottoressa Hollberg ci aveva già informato, una sentenza del tribunale di Firenze aveva stabilito lo stop alluso commerciale della celebre opera di Michelangelo. Indubbiamente il vero successo di questa serata sta proprio nellazione di marketing concessa allazienda pratese nel poter affiancare i propri prodotti a un brand dalla potenza mondiale quale quello rappresentato proprio dal David.
Un altro triste episodio di svendita e banalizzazione del patrimonio culturale, ostaggio delle logiche privatistiche e delle scelte scriteriate di chi sarebbe preposto alla tutela e alla valorizzazione piuttosto che alla mercificazione dei nostri beni.
A onor del merito lunico aspetto positivo della serata è stata la scelta della scarsa illuminazione delle sale che , oltre a creare una giusta atmosfera, è riuscita a mascherare la stratificazione di unto e sporco che colora la pietra serena dei pilastri e delle colonne della tribuna del David.
Limmagine di questa serata si chiude con quello di una giovane partecipante agghindata a modo che, varcata la porta duscita dal museo e in preda alle eccessive bollicine del prosecco (o forse ad una strana forma della sindrome di Stendhal), come in una scena da reality show, urlava agli increduli custodi: chiamatemi un taxi!

Un semplice cittadino.



news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news