LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il mercato non aiuta i musei
Amedeo Di Maio

È proprio uno strano paese il nostro. Prevale, infatti, la retorica del bene comune ma poi si gestisce il patrimonio culturale pubblico come fosse un bene privato.
Strano paese nel quale spesso ci si richiama allarticolo 9 della Costituzione dove è evidente il nesso tra la tutela di detto patrimonio e lo sviluppo della cultura, ma lindicatore prevalente di buona gestione finisce con il misurarsi con il numero di visitatori.
Chi pensa che fittare i saloni della nostra Versailles per un banchetto matrimoniale, corrisponda a creare un simulacro classista delle antiche feste di corte, dove la barriera allentrata non è data dal tasso di sangue blu, ma dalla disponibilità a pagare del richiedente, è considerato un elitario, significando ciò, soprattutto, chi sente antipatia per un popolo considerato non adatto a fruire come si deve del nostro importante patrimonio culturale. Dello stesso atteggiamento elitario viene anche accusato chi non comprende cosa abbia a che fare una mostra sulla storia del calcio Napoli, allestita in uno dei più importanti musei archeologici dItalia e quindi del mondo. Si viene accusati di non comprensione della valenza artistica e culturale della commistione, ad esempio, tra lErcole farnese e il Maradona argentino. In difesa di queste scelte, non manca chi osserva, sbagliando, che così fan tutti nel resto del mondo e che occorre uscire dal nostro provincialismo. A sentire i responsabili della gestione di questi patrimoni, non vè nulla di male, sia nellutilizzarli a fini privati, garantendo comunque lordinaria fruizione, sia richiamare visitatori attraverso mostre su argomenti certamente più attrattivi come il calcio. La ragione è nellottenere finanziamenti aggiuntivi a quelli ordinari sempre più esigui. La ragione è quindi economica, altrimenti, mi sembra di capire, si eviterebbe un uso improprio. È per questo che come economista mi sento legittimato a fare alcune osservazioni. La prima è che una gestione volta alla massimizzazione dei visitatori non ha prevalente ragione culturale, potendosi senza dubbio ammettere che la densità di visitatori è inversamente correlata con la qualità della visita, ma rappresenta un obiettivo di natura esclusivamente economica. La seconda è che, ancora una volta, è solo la necessità economica che forza il gestore a ponderare di più il numeratore nel rapporto tra il gusto del privato e le caratteristiche di bene pubblico. La domanda razionale delleconomista è: ma ne vale la pena? Auspicando una maggiore visibilità dei conti pubblici del ministero, che possa consentire analisi approfondite delle caratteristiche economiche del patrimonio culturale, con riferimento allultimo anno disponibile come dati consolidati (2015), osserviamo che i proventi da visitatori ammontano solo al 7,84% della spesa complessiva per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale nazionale e che, ad esempio, gli introiti della Reggia di Caserta vi incidono per l1,6%. Inoltre, il fitto delle sale per il matrimonio ha inciso per lo 0,97% degli introiti da visitatori. Si tratta di tariffe decise dal ministero, ma lascia perplessi la sua entità (20000 euro) che ci sembra del tutto fuori mercato, tenuto conto della particolare location, della visibilità che gli sposi ottengono e che riteniamo apprezzino e che può valere, se almeno uno degli sposi è un imprenditore, più di una meno modesta sponsorizzazione. Insomma, si invoca il mercato e poi neanche ci si adegua. La ragione della piccolissima incidenza dei proventi da visitatori risiede nel fatto che il patrimonio culturale il più delle volte si trova a operare in condizioni definite di fallimento del mercato. In altre parole, per quanti sforzi si possano fare e indipendentemente dalla bravura del manager di turno, la gestione secondo regole di mercato non è possibile. Se ne facciano una ragione politici e amministratori. Utilizzassero i manager quindi i loro talenti per migliorare la qualità della fruizione, ad esempio riducendo, lì dove necessario, la densità dei visitatori e i politici incentivassero la conoscenza del patrimonio culturale non riducendo gli anni di scuola e le ore di storia dellarte.



https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2018/01/10/il-mercato-non-aiuta-i-museiNapoli12.html?ref=search



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news