LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il mercato non aiuta i musei
Amedeo Di Maio

È proprio uno strano paese il nostro. Prevale, infatti, la retorica del bene comune ma poi si gestisce il patrimonio culturale pubblico come fosse un bene privato.
Strano paese nel quale spesso ci si richiama allarticolo 9 della Costituzione dove è evidente il nesso tra la tutela di detto patrimonio e lo sviluppo della cultura, ma lindicatore prevalente di buona gestione finisce con il misurarsi con il numero di visitatori.
Chi pensa che fittare i saloni della nostra Versailles per un banchetto matrimoniale, corrisponda a creare un simulacro classista delle antiche feste di corte, dove la barriera allentrata non è data dal tasso di sangue blu, ma dalla disponibilità a pagare del richiedente, è considerato un elitario, significando ciò, soprattutto, chi sente antipatia per un popolo considerato non adatto a fruire come si deve del nostro importante patrimonio culturale. Dello stesso atteggiamento elitario viene anche accusato chi non comprende cosa abbia a che fare una mostra sulla storia del calcio Napoli, allestita in uno dei più importanti musei archeologici dItalia e quindi del mondo. Si viene accusati di non comprensione della valenza artistica e culturale della commistione, ad esempio, tra lErcole farnese e il Maradona argentino. In difesa di queste scelte, non manca chi osserva, sbagliando, che così fan tutti nel resto del mondo e che occorre uscire dal nostro provincialismo. A sentire i responsabili della gestione di questi patrimoni, non vè nulla di male, sia nellutilizzarli a fini privati, garantendo comunque lordinaria fruizione, sia richiamare visitatori attraverso mostre su argomenti certamente più attrattivi come il calcio. La ragione è nellottenere finanziamenti aggiuntivi a quelli ordinari sempre più esigui. La ragione è quindi economica, altrimenti, mi sembra di capire, si eviterebbe un uso improprio. È per questo che come economista mi sento legittimato a fare alcune osservazioni. La prima è che una gestione volta alla massimizzazione dei visitatori non ha prevalente ragione culturale, potendosi senza dubbio ammettere che la densità di visitatori è inversamente correlata con la qualità della visita, ma rappresenta un obiettivo di natura esclusivamente economica. La seconda è che, ancora una volta, è solo la necessità economica che forza il gestore a ponderare di più il numeratore nel rapporto tra il gusto del privato e le caratteristiche di bene pubblico. La domanda razionale delleconomista è: ma ne vale la pena? Auspicando una maggiore visibilità dei conti pubblici del ministero, che possa consentire analisi approfondite delle caratteristiche economiche del patrimonio culturale, con riferimento allultimo anno disponibile come dati consolidati (2015), osserviamo che i proventi da visitatori ammontano solo al 7,84% della spesa complessiva per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale nazionale e che, ad esempio, gli introiti della Reggia di Caserta vi incidono per l1,6%. Inoltre, il fitto delle sale per il matrimonio ha inciso per lo 0,97% degli introiti da visitatori. Si tratta di tariffe decise dal ministero, ma lascia perplessi la sua entità (20000 euro) che ci sembra del tutto fuori mercato, tenuto conto della particolare location, della visibilità che gli sposi ottengono e che riteniamo apprezzino e che può valere, se almeno uno degli sposi è un imprenditore, più di una meno modesta sponsorizzazione. Insomma, si invoca il mercato e poi neanche ci si adegua. La ragione della piccolissima incidenza dei proventi da visitatori risiede nel fatto che il patrimonio culturale il più delle volte si trova a operare in condizioni definite di fallimento del mercato. In altre parole, per quanti sforzi si possano fare e indipendentemente dalla bravura del manager di turno, la gestione secondo regole di mercato non è possibile. Se ne facciano una ragione politici e amministratori. Utilizzassero i manager quindi i loro talenti per migliorare la qualità della fruizione, ad esempio riducendo, lì dove necessario, la densità dei visitatori e i politici incentivassero la conoscenza del patrimonio culturale non riducendo gli anni di scuola e le ore di storia dellarte.



https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2018/01/10/il-mercato-non-aiuta-i-museiNapoli12.html?ref=search



news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news