LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Modigliani, beffa globale è scontro sulle perizie
Marco Lignana
11 gennaio 2018 LA REPUBBLICA


Panico, richieste di chiarimenti e tensione dopo la mossa della Procura: tutti vogliono leggere la consulenza

È il momento del panico, delle frenetiche richieste di chiarimenti, dei telefoni degli avvocati che squillano in continuazione. La consulenza che la Procura di Genova ha commissionato alla professoressa Isabella Quattrocchi, le 20 opere di Modigliani sulle 21 sequestrate dalla mostra della scorsa primavera a Palazzo Ducale giudicate grossolanamente false , sta producendo le prime, fragorose conseguenze.

Innanzitutto tutte le parti in causa hanno presentato un'istanza al pubblico ministero Michele Stagno e al procuratore aggiunto Paolo D'Ovidio per poter leggere finalmente la consulenza.

Si sono mossi in primis i legali delle tre persone finora indagate con l'ipotesi di reato di truffa aggravata, messa in circolazione di false opere d'arte e riciclaggio: quindi gli avvocati Massimo Boggio e Massimo Sterpi per il collezionista e mercante d'arte Joseph Guttmann, proprietario di 11 delle opere sequestrate; Stefano Savi per Massimo Vitta Zelmann, presidente di MondoMostre Skira, la società che ha organizzato la mostra a Palazzo Ducale; Alberto Venco, legale di Rudy Chiappini, il curatore della mostra finita nella bufera; ma anche Cesare Manzitti, legale di Palazzo Ducale che finora è sempre stato considerato parte lesa dalla Procura.

Oggi pm e sostituto procuratore dovrebbero consegnare la copia della consulenza ai legali, che davanti hanno due strade.

La prima è una possibile contestazione della consulenza stessa, dei metodi con cui è stata eseguita, dei possibili danni agli stessi dipinti o disegni con il prelievo del pigmento.

La seconda strada, che al momento appare scontata, è quella di commissionare una propria consulenza. Perché una volta che le opere sono state sequestrate (oggi sono ancora sotto custodia nel caveau romano del Nucleo Tutela patrimonio artistico dei Carabinieri, che stanno compiendo le indagini), nemmeno i proprietari hanno potuto vederle. Finora, dunque, la Procura ha potuto compiere le proprie indagini e coinvolgere stimati studiosi senza contradditorio.

Ma con le consulenze di parte si apre un mondo. E si va al cuore del problema. Perché gli studiosi di Modigliani sono divisi, e anzi nel mondo artistico il fortissimo sospetto è che dietro a tutta questa vicenda ci sia una lotta ad accreditarsi come il critico di Modì per eccellenza. Carlo Pepi, l'appassionato che ha denunciato ai carabinieri di Roma i possibili falsi, ha trovato sponda in Marc Restellini, collaboratore per molti anni dell'Istituto Weldenstein di Parigi e direttore della Pinacoteca della capitale francese. Dall'altra parte c'è Christian Parisot, primo presidente dell'Archivio Modigliani creato in Francia dalla figlia dell'artista Jeanne, e autore di uno dei cataloghi a cui si è rifatto Rudy Chiappini. Sullo sfondo, l'anno 2020; centenario dalla morte di Modì, occasione irripetibile per sfornare iniziative delle più disparate e muovere interessi quasi inimmaginabili.

Del resto la battaglia delle perizie e già iniziata: un'esperta del ministero dei Beni Culturali, Mariastella Margozzi, aveva già realizzato una consulenza per la Procura che poi su quella base ha deciso il sequestro. Rudy Chiappini aveva risposto con un dossier di 90 pagine consegnato ai magistrati, con il "curriculum" delle opere già in mostra altrove, e senza contestazioni.

Se dunque i massimi esperti di Modigliani sono divisi e non riescono a superare il catalogo ragionato di Ambrogio Ceroni, pubblicato per la prima volta nel 1958 e aggiornato soltanto nel 1970, è davvero difficile pensare che si possa arrivare a un punto di sintesi sulle tante opere dell'artista livornese. E che dunque non si finisca a colpi di consulenze e perizie dove sarà sempre la parola di uno stimato studioso contro quella di un illustre collega. Con i magistrati, in mezzo, a decidere su interessi immensi. Ieri il telefono di Palazzo Ducale ha suonato i continuo, chiamate da tutto il mondo perché ci sono opere che da decine di milioni potrebbero valere all'improvviso zero. Un danno enorme. Per capirsi: nel 2015 è stato comprato all'asta il dipinto " Nu couché" alla cifra record di 152 milioni di dollari, 170 con le commissioni. Se lo è assicurato il magnate cinese Liu Yiqian dopo nove minuti e mezzo di una folle gara a colpi di rilanci milionari.

Tornando invece alla mostra di Palazzo Ducale. per l'opera " Nudo disteso ( Ritratto di Celine Howard)", è bastato essere stata inserita nel catalogo della mostra di Palazzo Ducale perché dalla vendita a 28 milioni di euro fosse proposta a vari mercanti d'arte a 32 milioni di euro . A sostenerlo al giornale francese Le Monde è stato Restellini. Ora, da 32 milioni si potrebbe passare a poche centinaia di euro.



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news