LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Reggia di Caserta Felicori: "Faremo più controlli sulla vigilanza"
Antonio Ferrara
09 gennaio 2018 LA REPUBBLICA


I locali utilizzati per il matrimonio del 5 sono stati riconsegnati "Non nego i problemi ma nessun danno"

Dal nostro inviato

caserta

Non nego che quel fioraio sul leone sia un problema, ma sì è parlato a sproposito di danni che infatti non ci sono stati. Mauro Felicori è appena rientrato nella Reggia e ha già chiesto una relazione per capire cosa sia accaduto. Io dico sempre che quanto accade a Caserta è il risultato del lavoro di 230 persone che ci lavorano: se tutti miglioriamo, bene, ma da solo non si può far nulla.

Reggia di Caserta ieri mattina. Lo scalone monumentale è tornato come sempre. Se non fosse per le foto del sontuoso matrimonio dell'ad della casa di moda campana Frankie Morello, niente fa pensare a 48 ore dall'evento che quei gradini erano invasi da fiori bianchi e che gli spazi erano illuminati da giochi di luci scenografici. Il leone dello " scandalo" è lì, come sempre, e se ti avvicini vedi che ci sono graffiti, come sulle balaustre in marmo della scalinata e del vestibolo: nomi di visitatori del passato, date come il 1826 o il 1943, ma anche il 1955 che raccontano di un'epoca e di storie. Ma che sono anche da monito: basta un niente per danneggiare un'opera d'arte. Al primo piano del vestibolo, ecco il portone che fu di accesso alla Scuola superiore della pubblica amministrazione. Entrando, si viene investiti da un profumo di pulito. Da poco sono andati via gli addetti incaricati dall'agenzia milanese Urban production di allestire il mega ricevimento di nozze per 250 persone. Pavimenti tirati a lucido, vetri a finestre e balconi senza più polvere. Spazi che potranno presto - si augura Felicori - tornare a ospitare feste o convegni. Anche facendo tesoro dell'esperienza del matrimonio del 5 gennaio. Ho chiesto proprio all'agenzia Urban - spiega il direttore - un incontro perché ci tenevo, al di là della questione fioraio, ad avere un elenco delle debolezze riscontrate nell'organizzazione di un evento così complesso. Faremo tesoro di quella esperienza per andare avanti. Voglio capire - aggiunge Felicori dove la nostra organizzazione ha funzionato e dove no e cercherò di capire dove migliorare. Come metodo di lavoro cerco sempre un controllo di ritorno . Cosa non ha funzionato nella vigilanza, se l'architetta Ferrè denuncia di persone che salivano sui leoni in questi giorni? Ripeto, farò una verifica su dove la nostra vigilanza ha funzionato o no. Non nego che il fioraio su quella statua sia un problema, ripeto, ma rispetto alla complessità dell'evento non mi pare la questione principale.

Intanto, la deputata Pd Camilla Sgambato, che aveva rilanciato sui social la foto del fioraio, precisa: Stima per Felicori, ma i beni culturali vanno tutelati.

Una dei problemi da affrontare è per esempio il potenziamento della videosorveglianza. Ma nel frattempo gli effetti dell'evento matrimonio si percepiscono dentro e fuori il palazzo vanvitelliano.

Dentro, secondo le prime stime fatte dagli uffici, ammonta a 20mila euro il conto terzi, la somma cioè che gli sposi hanno dovuto pagare, oltre al canone di 30mila euro, per pagare i custodi che sono stati in servizio nei giorni precedenti la festa e durante la cerimonia. Si tratta di 50 custodi: in media incasseranno 120-130 euro ciascuno. Nei giorni 2, 3 e 4 c'erano in servizio extra 2 custodi sui tre turni, mentre nella giornata del matrimonio, il 5, hanno lavorato in più 10 persone. E mentre negli uffici della direzione c'è chi ritorna con la mente al G7 del 9 luglio 1994 che fece scoprire le meraviglie della Reggia e lanciò il monumento come sede di grandi eventi, e smentisce che il palazzo sia stato negato a Carlo e Camilla di Borbone per il loro matrimonio (non si trovò accordo sulla data, volevano sposarsi a porte chiuse ma non era possibile ricorda Enzo Zuccaro), fuori, in strada, bar e ristoranti attorno alla Reggia festeggiano un inizio d'anno con migliaia di turisti, a partire dai 7.837 ingressi registrati nella Domenica gratis, secondo posto il Italia, prima della stessa Pompei questa volta. Come Giacomo Serao che gestisce un bar con punto ristoro. Questo matrimonio è stato una benedizione - dice Serao, che vanta tra gli antenati Francesco Serao, medico dei Borbone avevamo continuamente addetti qui da noi. Domenica, lo confesso, abbiamo finito tutto, non avevo più consumazioni da servire . Serao è uno dei " tifosi" di Felicori in città. Ma lo sapete che da quando c'è lui, mi dicono i miei colleghi, che anche a Caserta Vecchia ristoranti e bar restano aperti perché sono aumentati i gruppi in bus che dopo la visita vanno a pranzo? Se non è un cambiamento questo... .



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news