LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - La Regione non cerca turisti così i tesori restano nascosti
Antonio Fraschilla
09 gennaio 2018 LA REPUBBLICA


Dai fasti e dagli sprechi degli anni d'oro al nulla. Dalla Regione che all'epoca dei governi Cuffaro e Lombardo arrivava a spendere quasi 80 milioni di euro per campagne pubblicitarie costosissime e grandi eventi di dubbio valore, al vuoto degli ultimi cinque anni nei quali, eccetto qualche sagra e qualche iniziativa come la mostra organizzata al British Museum, per pubblicizzare oltre Stretto i beni culturali e archeologici dell'Isola non si è fatto nulla. Perché alla domanda su quanto hanno speso gli assessorati al Turismo e ai Beni culturali per la promozione dei nostri gioielli, spesso sconosciuti fuori dalla Sicilia, la risposta da parte di tutti gli assessori che si sono succeduti su queste poltrone è la stessa: Zero, perché non avevamo fondi a disposizione. Così da quasi dieci anni la Regione non fa una campagna pubblicitaria degna di questo nome, mentre una miriade di fondi vanno sprecati in mille rivoli: dai 24 milioni di euro per i distretti turistici ai fondi riservati agli assessori, fra Turismo e Beni culturali circa tre milioni di euro l'anno.

I siti senza voce

La Regione non finanzia da tempo una vera campagna pubblicitaria che faccia conoscere oltre Stretto l'esistenza di un museo come quello di Aidone, che fa 25 paganti al giorno nonostante ospiti la Dea di Morgantina, o di un museo come l'Abatellis a Palermo, dove a vedere l'Annunciata di Antonello da Messina sono non più di 40 visitatori con biglietto al giorno.

Il primo problema è che ci sono troppe competenze divise tra due assessorati che andrebbero subito accorpati, Turismo e Beni culturali dice l'ex assessore Anthony Barbagallo e poi c'è un problema economico. Io ho deciso di promuovere l'Isola solo dal punto di vista culturale, e abbiamo promosso i nostri siti nelle principali borse turistiche del mondo, da New York a Tokyo. Abbiamo stampato brochure e manifesti e affittato gli spazi per gli operatori privati. Di più non potevamo fare. Per la promozione dell'Isola l'assessorato al Turismo ha avuto circa 1,7 milioni di euro l'anno. Ai quali, a onor del vero, vanno aggiunti circa 1,5 milioni per le iniziative direttamente promosse dagli assessori di turno: in gran parte sagre e piccoli eventi. Stesso discorso all'assessorato Beni culturali, dove sono stati spesi 1,5 milioni di euro l'anno per finanziare piccoli eventi, di scarso o nessun rilievo, e per la comunicazione dei musei e dei siti invece non si è speso praticamente un euro: l'unica iniziativa portata avanti negli ultimi anni è stata la mostra al British Museum, che per lo meno ha riempito per qualche giorno le facciate degli autobus londinesi con le immagini dei beni archeologici dell'Isola.

I musei muti, il portale inutile

Le competenze sulla comunicazione culturale e turistica, mai coordinata dagli assessorati al ramo, è suddivisa tra una miriade di enti: dai distretti turistici, ben 27 carrozzoni che hanno bruciato 24 milioni di euro di fondi europei per far poco o nulla, ai 13 poli museali e archeologici appena istituiti. Ma senza denaro nessuno può permettersi campagne informative degne di questo nome. Non abbiamo i fondi, e nemmeno il personale specializzato dice il responsabile del Parco di Selinunte, Enrico Caruso ho solo due funzionari a disposizione e io sono un archeologo. Volevo assumere un social media manager, ma ho ritirato il bando perché qualcuno aveva sollevato polemiche. Nessun sito ha fondi a disposizione per lanciare grandi campagne di comunicazione. Il Centro per il catalogo, che ha tutto il materiale documentario e le immagini per avviare anche campagne informative, ha per tutto l'anno un budget di appena diecimila euro.

L'assessorato al Turismo ha poi aperto, a costo zero e con personale interno, un portale internet, visit.sicily.info. Ma è tradotto solo in inglese (quello delle Marche è in dieci lingue) e non è aggiornato con regolarità.

C'è di più: anche il sito dei Beni culturali non è aggiornato, tanto che i visitatori se ne lamentano sui social network: fino a ieri riportava i numeri di telefono dei vecchi dirigenti e gli orari di apertura dei musei non erano del tutto corretti. Insomma, un disastro nell'epoca di internet.

La zavorra dei grandi sprechi

A pesare sulla mancanza di fondi per la comunicazione culturale e turistica è anche il fardello degli sprechi passati.

Quando mi sono insediata al Turismo dice l'ex assessora Michela Stancheris mi sono trovata a dover far fronte a richieste di pagamento per mega-campagne di comunicazione e "grandi eventi" per circa 65 milioni di euro: dovevano essere utilizzati i fondi Ue, ma visti i pasticci fatti era impossibile consegnare una rendicontazione coerente con le regole europee a Bruxelles.

Quindi altro che fondi per nuova comunicazione, noi dovevamo pagare ancora vecchi fornitori.

Io poi avevo appena 1,5 milioni a disposizione per tutto. La Regione, inoltre, non ha mai varato campagne coerenti e continuative sui propri beni: Ad esempio, la Puglia per dieci anni ha concordato in conferenza Stato-Regioni l'utilizzo di alcuni fondi solo per la comunicazione turistica e culturale continua Stancheris ma d'altronde lì c'era un assessore che ha lavorato per molti anni di seguito. In Sicilia Crocetta ha cambiato assessore al Turismo ogni dieci mesi. Per i distretti turistici, poi, con la vecchia programmazione Ue sono stati spesi 24 milioni di euro. Per fare cosa? Non si sa.

Infatti nella nuova programmazione non abbiamo messo soldi per i distretti, nonostante qualche protesta di chi voleva gestire questi enti, dice Barbagallo. Pochi fondi, una miriade di competenze divise in mille rivoli e il risultato è uno: la Sicilia non ha voce, né immagine, oltre Stretto. E nessuno sa che ad Aidone c'è una Dea che meriterebbe di essere ammirata dal mondo intero.



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news