LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PAESAGGIO - CAMPANIA, È ASSALTO AI SUOLI LIBERI
Giuseppe Guida
03 gennaio 2018 La Repubblica


È forse necessario avvisare, chiusosi un anno di stasi e all'inizio del nuovo, quanti credono che sia in corso o almeno siano state poste le basi per la tutela e la pianificazione virtuosa dei tanti paesaggi della Campania, che attualmente il territorio è ancora privo delle necessarie tutele ed esposto a chiunque voglia metterci mano.

Nessuna azione è in corso da parte della Regione, costituzionalmente (e, si potrebbe aggiungere, sfortunatamente) delegata al governo del proprio territorio. Anzi. Allo stato le uniche regole certe e cogenti sono quelle che derogano a tutte le norme urbanistiche e consentono, senza far perdere troppo tempo con piani urbanistici, di manomettere il territorio ovunque, anche ( e soprattutto, vista la rendita posizionale) nelle aree a vincolo paesaggistico. A suggellare questo andazzo, che non lascia margine a nessuna prospettiva di recupero o rilancio programmatico dei territori campani, è la proroga fatta alla vigilia di Natale del Piano Casa, per tutto il 2018, da parte del Consiglio regionale. Una norma, è forse utile ricordarlo, che consente ampliamenti, cambi di destinazione d'uso e operazioni di demolizione e ricostruzione dovunque e in deroga a tutti gli strumenti di pianificazione del territorio e del paesaggio.

Il risultato di questo accrocco di norme in deroga è un'azione diffusa e continuativa, che erode suolo, paesaggi, identità storiche e agricole, mentre l'attenzione e l'opinione pubblica si concentrano su pochi episodi paradigmatici, ma comunque marginali se guardati nella prospettiva dell'intero territorio regionale.

Mentre continuiamo a discutere, ad esempio, di un metro cubo in più o in meno sul lungomare di Salerno, o di Bagnoli, del dimenticato progetto "Agorà6" di completamento del Centro direzionale in un'area oggi incredibilmente degradata, o della demolizione " esemplare" dell'ecomostro nella spiaggia di Alimuri già completamente cementificata fino alla battigia da tante altre costruzioni, nel resto della Campania imperversa l'edilizia " libera" e le norme che la Regione ha cucito addosso a chi ha voglia di costruire e immobilizzare i propri flussi di cassa, anche quelli di cui sarebbe necessario verificare meglio la provenienza Il risultato è che, lungi dal riqualificare l'esistente, in Campania prosegue l'erosione di suoli liberi. Secondo l'ultimo Rapporto Ispra sul consumo di suolo, tanto per citare uno studio autorevole, nella fascia tra 1 e 10 chilometri dalla costa, al primo posto c'è proprio la Campania con circa il 18 per cento di suolo consumato, persino sui territori in forte pendenza ( 5,4 per cento) e anche nella aree ad elevata pericolosità idraulica e sismica (rispettivamente 8,5 per cento e 10,4 per cento), con i trend tutti in crescita. Una tendenza negativa da sommare all'abusivismo edilizio puro che anche quest'anno ha rappresentato circa il 20 per cento del costruito.

Il tutto con effetti diretti e indiretti sul paesaggio, ma anche sugli ecosistemi, sulla biodiversità e su fondamentali fattori di regolazione climatica e idrologica.

È certo necessario, come va annunciando ai convegni l'assessore regionale Fulvio Bonavitacola, redigere un nuovo piano paesaggistico, ma è contestualmente necessario rivedere e, innanzitutto, abolire le leggi regionali in deroga, e che saranno leggi in deroga anche dopo l'approvazione (comunque improbabile) di un nuovo strumento paesaggistico, prevedendo da subito metodologie di controllo satellitare dei territori, sovrapponendo carte georeferite, oggi gestibili con semplicità ed economia anche da uno studente dei primi anni dell'università.

Inoltre, uno degli effetti più immediati del nuovo corso regionale, cominciato con Bassolino, passando per Caldoro e per approdare infine a De Luca, è il fermo totale nella redazione degli strumenti urbanistici da parte dei Comuni. Le amministrazioni, infatti, non trovano più politicamente remunerativo approvare regole, fare scelte strategiche, sancire vincoli in un territorio dove tutti gli elettori possono comunque realizzare qualcosa. Persino il Piano territoriale di recente adottato dalla nuova Città metropolitana rischia di diventare uno strumento velleitario e fatto di sole buone intenzioni e che contiene previsioni che possono essere facilmente trascurate o modificate in qualsiasi momento.

E così, la conclamata concretezza di De Luca rischia di trasformarsi nel suo contrario, e cioè in mera apparenza, nel campo urbanistico e della tutela del paesaggio. Salvo poi occuparsi, attraverso alcune leggi, una delle quali impugnata presso la Corte Costituzionale da parte del Governo, del come non demolire quanto di abusivo realizzato negli ultimi decenni di fronte all'impossibilità di definire pratiche di condono e ordinanze di demolizione.

Una contraddizione solo apparente, perché perfettamente in linea con il laissez- faire deluchiano, che vede nelle norme paesaggistiche solide, nelle sovrintendenze, persino nei vincoli legati ai rischi naturali e antropici, dei nemici cui dedicare attenzione e da prendere con sufficienza o, nel caso, a maleparole.

Come scrive Vittorio Meloni nel suo libro " Il crepuscolo dei fatti", citando Arron Banks, uno degli ideatori della campagna pro- Brexit: C'è una tendenza a trasferire sul piano delle emozioni il racconto un tempo affidato ai fatti . I fatti, cioè, non funzionano più bisogna essere connessi con le persone emozionalmente. Soprattutto se le emozioni vengono prodotte dalla rendita urbana e dalla possibilità di poter costruire in libertà, in cambio di pericoloso consenso elettorale. Buon Anno.



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news