LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UNO SPAZIO SENZA IDENTITÀ COSÌ IL FUTURO FA PIÙ PAURA
Fabrizio Bellomo
12 gennaio 2018 LA REPUBBLICA


L'utilizzo delle automobili all'interno degli spazi riservati alle esposizioni d'arte contemporanea non è cosa nuova. Ecco i primi esempi italici che mi vengono in mente: nel 2002 l'artista inglese Simon Starling appende letteralmente al muro una vecchia Fiat 126 nella Galleria Franco Noero di Torino. Nel 2012, sempre a Torino, anche il designer Ron Arad fa pressare una serie di vecchie 500 e le appende sui muri della Pinacoteca Agnelli; nel 2013 Elisabetta Benassi realizza una grande installazione (per gli spazi della Fondazione Merz) in cui un peschereccio abbraccia nelle sue reti una grande Audi.

E questi appunto sono solo i primi esempi che mi sono venuti in mente; quelli relativi esclusivamente all'automobile come parte integrante dell'opera d'arte.

In questi giorni girovagando per Bari è possibile notare dei manifesti 6 X 3 pubblicizzare l'apertura di un negozio temporaneo di automobili nientepopodimeno che all'interno della Sala Murat. Futura principale sede del tanto atteso Polo del contemporaneo barese.

Trattasi di un (potenzialmente discutibile) progetto di qualche artista? No. Trattasi di un marchio tedesco che occuperà la sala per promuovere l'ultimo modello di suv. Vero è che nella Sala Murat è sempre stato ospitato di tutto: dal palco per Michele Cucuzza e i suoi ospiti alle esposizioni natalizie del miglior presepe (e con questo non voglio sminuire tali esposizioni); dai concessionari di automobili alle mostre d'arte contemporanea. Per fare cassa, le istituzioni a cui fa capo lo affittano maldestramente a chiunque. È proprio per tali motivazioni questo spazio è finito per diventare un luogo senza alcuna identità. Fa paura osservare tale gestione, di uno spazio decisamente piccolo, in relazione (a questo punto) alla possibile futura gestione dei due spazi ben più ampi e costosi , che andranno ad affiancare la Sala Murat, nella formazione del futuro Polo, ovvero Margherita ed ex mercato.

Eppure gli esempi virtuosi per fare cassa esistono anche nella stessa Puglia: impossibile non citare la recente notizia relativa all'installazione realizzata a Siponto da un giovane artista (Edoardo Tresoldi), che in pochi anni ha fatto incrementare le visite di un sito archeologico fino a renderlo il secondo museo più visitato della Puglia.

Ma anche senza essere così virtuosi; le aziende automobilistiche hanno spesso finanziato l'arte contemporanea attraverso diverse tipologie di sponsorizzazioni. Ad esempio Bmw ha supportato la Quadriennale del 2016 e "in cambio" ha piazzato una macchina del marchio, dipinta dall'artista Sandro Chia, nei sotterranei (vicino ai bagni) del luogo dove si è svolta la manifestazione, il Palazzo delle Esposizioni di Roma. La dinamica relativa alla gestione della Sala Murat sembra essere agli antipodi di tutto ciò: qui le grandi aziende automobilistiche non supportano i progetti artistici, ma occupano direttamente gli spazi a essi deputati.

(artista e regista, indaga il rapporto tra uomo e ambiente)



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news