LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'autodifesa di Malnati "Il nostro compito è tutelare il patrimonio A volte tocca scegliere"
Caterina Giusberti
11 gennaio 2018 LA REPUBBLICA


Il Soprintendente si dice ottimista: "Troveremo una soluzione per la piazza" Ma avverte: "Non si possono abbattere strutture storiche"

Alla fine, il Soprintendente Luigi Malnati lo dice chiaro e tondo: Qui ci sono due principi in contrapposizione, da una parte il diritto alla libera fruizione, da parte di tutti i cittadini, del nostro patrimonio culturale, dall'altro la tutela dei beni storici e artistici. Noi come Soprintendenza dobbiamo tutelare prima di tutto questi ultimi, anche se sono certo che, in questo caso, una soluzione si troverà.

D'altra parte Malnati di formazione è archeologo e sa bene che non tutti possono vedere Pompei, e molti altri siti archeologici non sono accessibili ai disabili perché sono spesso molto profondi, sono fatti di grotte, cunicoli e cavità . Semmai, ragiona, si possono fare percorsi ad hoc, fatti apposta, per raccontare il sito a chi non può percorrerlo. Così come si possono realizzare " esperienze museali" per non vedenti, tattili, ma non si può sostiene - intaccare un patrimonio artistico a beneficio della sua fruibilità. Neanche se si tratta di un gradino.

Da quello che ne so io - spiega Malnati - noi come Soprintendenza abbiamo solo chiesto che fosse mantenuta la composizione architettonica del Crescentone, che ne fossero rispettati i materiali. La proposta del Comune è stata respinta perché non era conforme al tessuto originario. Più nel dettaglio non posso entrare, non ho neanche visto il progetto, mi è stato descritto al telefono dall'architetto che segue la pratica . Ma la domanda resta aperta: a Bologna esiste un problema di accessibilità ai beni pubblici? In generale probabilmente sì - ragiona Malnati -. I portici per esempio hanno una struttura architettonica molto particolare, ma se facciamo scivoli dappertutto li distruggiamo. La Soprintendenza deve prima di tutto garantire l'integrità del contesto culturale, non è che possiamo abbattere una struttura storica per creare un passaggio per i disabili. Capita di dover fare delle scelte.

Se lo ricorda bene Enrico Ercolani, inventore della Skarrozzata, la manifestazione che ogni anni porta decine di bolognesi a scorrazzare per la città in sedia a rotelle per rendersi conto delle barriere architettoniche. Per andare a prendere l'autobus di fronte a casa sua, sotto al portico di via Saragozza, bisognava scendere un gradino e per un disabile era molto faticoso, così come per una mamma con un passeggino. Visto che il Comune non risolveva il problema, Ercolani finì per costruirsi uno scivolo da solo: una colata di cemento nella notte e una firma da eroe dei western, "Toro Seduto". Era il 2013. Si dovrà arrivare a questo punto anche per il Crescentone? Certo che no, assicura il Soprintendente, un'alternativa per quel gradino in piazza Maggiore si troverà di sicuro. Ma in linea di massima delle soluzioni rimovibili sarebbero preferibili. Non è un'ipotesi inattuabile, semplicemente al Comune non piace . Anche se Malnati forse quella soluzione non la firmerà da Soprintendente, perché a fine marzo andrà in pensione.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news