LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Montanari VS Franceschini. A Otto e Mezzo scontro tra due modelli culturali
Helga Marsala
http://www.artribune.com/professioni-e-professionisti/politica-e-pubblica-amministrazione/2018/01/mo

Nello studio di Lilli Gruber, su La7, si discute di politiche culturali, di musei, di Sovrintendenze. Sul ring due personaggi lontanissimi, per visioni, per background, per militanza. Un Ministro e uno storico dellarte a confronto: spunti utilissimi per riflettere su temi cruciali. A due mesi dalle elezioni.

Scontro infuocato, lo scorso 15 gennaio, nel salotto di Otto e Mezzo. Si parla di beni culturali e in studio laria è tesa, fin da subito. Intorno al tavolo ci sono il Ministro Dario Franceschini, esponente di punta del Pd, e lo storico dellarte, docente ed editorialista Tomaso Montanari, che del Pd è invece nemico giurato: antirenziano doc, da sempre al fianco di illustri intellettuali come Salvatore Settis e Gustavo Zagrebelsky, vicino alla sinistra più radicale (da Possibile a Sinistra Italiana), tanto da essere scelto come consigliere per la cultura del sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, a giugno 2017 si era lanciato in unavventura politica nuova (insieme ad Alnna Falcone), il movimento civico Alleanza Popolare per la Democrazia e lUguaglianza, nato con un incontro al teatro Brancaccio di Roma. Esperienza che avrebbe dovuto unire i rappresentanti dei vari partiti della sinistra scissionista e antigovernativa (da Mdp agli stessi Civati e Fratoianni) e che invece naufragò nel giro di pochi mesi sulla scia dei primi attriti.
Insomma, come sottolinea subito Franceschini, nel rispondere alla prima raffica di attacchi, il duello non è tra un ministro e uno storico dellarte, ma tra due avversari. Basta mettere i puntini sulle i: le critiche di Montanari sarebbero tutto fuorché il frutto di una riflessione pacata e non faziosa. La prima mossa dialettica del Ministro dei Mali Culturali così lo chiama affettuosamente il professore punta dunque a indebolire ogni affermazione dellaltro, potenzialmente delegittimata dal fantasma dellideologia o della contesa politica.

MENO VISITATORI È MEGLIO. SNOBISMO O TUTELA?

Il piano della discussione è proprio quello delle politiche culturali messe in campo dai governi Renzi e Gentiloni: per Montanari un vero fallimento, al netto dei clamorosi aumenti di visitatori di musei e siti archeologici. Dato positivo, ammette, ascrivibile però ad alcune congiunture internazionali, prima tra tutte lo spostamento dei flussi turistici dalle zone a rischio terrorismo verso la più sicura Italia. Ma i grandi numeri, di per sé, sono davvero un fatto significativo e sempre positivo? Anche no, sostiene lui. Troppa folla fa male alle opere darte, penalizza lesperienza del visitatore e riduce il tutto a un fatto di incassi, di quantità. Insomma, bene se la gente va al Museo, ma senza esagerare. Che detta così suona come la più snob delle posizioni. Un eccesso di conservatorismo e di elitismo resta, nellappassionata crociata di Montanari, ma laccento sulla qualità della proposta culturale, sul primato della vocazione scientifica, sul valore della conoscenza e sul senso profondo della permanenza in uno spazio museale, ha il suo perché: i numeri, da soli, non bastano a definire il successo di una strategia.

Apriti cielo, poi, se i progetti di sviluppo passano anche da operazioni commerciali, utili a reperire fondi: lesempio della Reggia di Caserta, che recentemente (in unarea separata dalle sale espositive) ha ospitato un matrimonio a fronte di un lauto fee, diventa il caso studio perfetto. Montanari in polemica col Ministro boccia simili contaminazioni tra business e patrimonio, colpevoli di desacralizzare i luoghi e soprattutto di metterne a rischio i tesori. Passa il concetto che i ricchi possono fare qualsiasi cosa spiega, incurante del fatto che proprio grazie ai soldi dei ricchi si riescono a riqualificare beni pubblici che poi tutti, poveri inclusi, fruiscono.

COLPO DI GRAZIA ALLE SOVRINTENDENZE?

Altro punto dolente è quello delle Sovrintendenze, che Franceshcini avrebbe del tutto smantellato, a discapito del patrimonio. Falso, spiega il Ministro: si è trattato solo di alleggerire e sburocratizzare, affinché una sola soprintendenza di riferimento per ogni bene e non tre consentisse di dare risposte più veloci e organiche, non paralizzando progetti e azioni culturali con continui lacci, lacciuoli, divieti, contraddizioni e lungaggini varie. Che in effetti è, storicamente, un problema generale della mummificata e intricatissima burocrazia statale italiana. Unire semplificazione dei processi e cura, rapidità e responsabilità, autonomia e controllo, resta una sfida importante.

E a proposito di autonomia, anche su questo fronte Franceschini rivendica le sue scelte: trasformare i grandi siti e musei nazionali in macchine indipendenti, capaci di autogestirsi a livello di governance e di economie, è stata una grande rivoluzione. Un modello aggiungiamo noi che diventa spunto e anche per le amministrazioni locali.
A tutto questo si aggiungono il tentativo di aumentare le risorse (+58% rispetto al passato, ma il dato generale resta misero: solo lo 0,29% del bilancio dello Stato è investito in cultura), un costante lavoro di ricerca del pubblico (le prime domeniche del mese gratuite vanno in questa direzione, ma anche le buone pratiche di produzione e valorizzazione) e una politica di assunzioni da parte del Ministero, che ha interessato 1300 professionisti (archeologi, storici dellarte, bibliotecari, antropologi, etc.).

DUE MONDI A CONFRONTO

Il match moderato da Lilli Gruber ha insomma restituito limmagine di unItalia doppia, settata su due frequenze radialmente opposte: da un lato Tomaso Montanari, affezionato ai temi della conservazione (ottenuta non si sa con quali risorse), simbolo di un mondo accademico piuttosto ingessato, assai elitario, difensore di unimmagine tradizionale del museo (luogo di meditazione e di formazione), diffidente nei confronti di contaminazioni col mercato e col privato, del tutto disinteressato al concetto di cultura come generatore di economia. Dallaltro cè Dario Franceschini, che invece incarna unidea di cultura al passo coi tempi, sensibile allinnovazione, disposta a sodalizi virtuosi con sponsor e mecenati, particolarmente attenta alla valorizzazione e alla promozione, proiettata verso una dimensione popolare, dapertura e di coinvolgimento allargato.

E intanto, tra discorsi alti e valutazioni tecniche, la politica resta il cuore del discorso. Mai scissa da azioni e riflessioni culturali. Politica che poi è anche campagna elettorale. Inevitabilmente. E in chiusura Montanari ci tiene a commentare: il M5S, pur penalizzato da problemi di metodo e da alcune posizioni ambigue, resta lunica forza che si propone di ribaltare un sistema obiettivamente ingiusto, lunica capace di parlare a un pezzo di paese che la sinistra ha abbandonato. Endorsement a Grillo o un monito alla sinistra italiana, tutta da ricostruire? Entrambi, probabilmente. Ne sa qualcosa Piero Grasso, leader di Liberi e Uguali, che in queste ore in conflitto con Laura Boldrini non eslcude una possibile alleanza a urne chiuse coi Cinque Stelle. Ed è già un mondo nuovo che si apre. Mostruoso per alcuni, strategico per altri. Certo il match su La7 qualche indizio lo ha offerto, rispetto a ciò che potrebbe cambiare dopo il voto del 4 marzo: in fatto di cultura e non solo.



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news