LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Partenariato pubblico-privato e valorizzazione economica dei beni culturali
Paolo Rossi
http://www.federalismi.it/ApplOpenFilePDF.cfm?artid=35597&dpath=document&dfile=17012018120744.pdf&co

Sommario:
1.Il parametro costituzionale del rapporto di sponsorship pubblico-privatanella valorizzazione del patrimonio culturale.
2.Le sponsorizzazioni dei beni culturali nel Codice Urbani.
3.Leccesso di procedimentalizzazione nellevoluzione del quadro normativo.Criticità applicative.
4.La non-soluzione dello strumento agevolativo delc.d. art bonus.
5.La nuova regolazione della sponsorship pubblico-privata dei beni culturali nel D.lgs. 50/2016, tra semplificazione, specialità e innovazione.
6.Le ulteriori forme di partnership pubblico-privata: verso uneffettiva sussidiarietà orizzontale nella valorizzazione dei beni culturali?

1. Il parametro costituzionale del rapporto di sponsorship pubblico-privata nella valorizzazione del patrimonio culturale.
E ormai convincimento prevalente che il rapporto di sponsorship tra pubblico e privato finalizzato alla valorizzazione dei beni culturali non sia incompatibile con il disegno del Costituente, anzi possa vantare in esso un significativo ancoraggio, costituendo uno dei modi attraverso i quali il privato concorre alla finalità, costituzionalmente garantita dallart. 9 Cost., della promozione della cultura.
In effetti, se per lungo tempo è apparsa prevalente lidea per così dire purista, secondo cui lunica lettura ammissibile dellart. 9 Cost. dovesse essere quella di una tutela conservativa del patrimonio culturale in funzione della più ampia fruizione pubblica possibile dei valori culturali, senza linquinamento di qualsivoglia utilizzazione economica, progressivamente si è andato affermando, in una prospettiva antitetica, un approccio per così dire aziendalistico, secondo il quale la primazia assegnata dal Costituente nellart. 9 alla tutela del patrimonio culturale (comma 1) è tale in quanto funzionale al fine di promuovere la cultura (comma 2); con la conseguenza che una politica di valorizzazione anche delle potenzialità economiche di siffatto patrimonio non solo non potrebbe ritenersi incompatibile con la richiamata ratio teleologica della previsione costituzionale, ma addirittura ne agevolerebbe il suo concretarsi, ponendosi in un rapporto di mezzo a fine.

Peraltro, lapproccio aziendalistico avrebbe il pregio di salvaguardare siffatta ratio ispiratrice del disegno costituzionale, essendo un neutrale fattore-guida delle scelte organizzative volte ad ottimizzare il rapporto tra obiettivo e risultato (efficacia), tra risorse disponibili e quelle impiegate (economicità) e, infine, tra risorse utilizzate e risultati conseguiti (efficienza).
Del resto, la compatibilità tra una logica aziendale e valori culturali appare ben desumibile da una lettura sistematica dellart. 9 Cost. in correlazione sia con lart. 97 Cost., sia con lart. 41 e 119 Cost. In effetti, nel silenzio dellart.9 Cost. sul modus attraverso il quale il legislatore ordinario deve perseguire il fine indicato dal Costituente della promozione della cultura, non potrebbe escludersi in via aprioristica un approccio privatistico- aziendale, informato a criteri di economicità, efficacia ed efficienza del patrimonio culturale, quale mezzo per la sua miglior fruizione pubblica e valorizzazione, in quanto, per tal via, si perseguirebbe, anche nel settore culturale, il valore costituzionale del buon andamento, di cui allart. 97 , comma 2 Cost., unitamente al necessario equilibrio del bilancio pubblico (art 97 comma 1).
Né, sotto connesso profilo, avrebbe pregio tutelare il patrimonio culturale assumendo che il citato art. 9 Cost. imponga, in qualche modo, una sorta di riserva a favore di una esclusiva gestione pubblica del patrimonio culturale, atteso che verrebbero pretermessi altri beni costituzionalmente protetti, come liniziativa economica privata di cui allart. 41 Cost., ovvero lautonoma iniziativa dei cittadini, singoli o associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale sulla scorta del principio di sussidiarietà orizzontale di cui allart. 118 comma 4 Cost.: per tal via, si determinerebbe un ingiustificato favor per il pubblico, del tutto in contrasto con siffatti valori di pari dignità costituzionale, tanto più grave ove si consideri che tale opzione sarebbe sempre meno sostenibile dal fragilissimo equilibrio della finanza pubblica. Peraltro, il principio di sussidiarietà sancito al comma 4 dellart. 118 Cost. impone che le funzioni di interesse generale non siano necessariamente pubbliche in senso soggettivo e non debbano essere necessariamente guidate da processi decisionali politici; anzi, la novità della suddetta previsione parrebbe individuarsi proprio nella inversione delle polarità pubblico-privato che ha caratterizzato lintervento degli apparati pubblici, nel senso che nella dimensione della sussidiarietà orizzontale, la regola è rappresentata dal privato, mentre il pubblico costituirebbe leccezione.
Come dire, in definitiva, che in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale il parametro costituzionale desumibile dal combinato disposto degli artt. 9, 41 e 118 Cost., è destinato a legittimare il legislatore ordinario, in relazione alla scelta dei mezzi idonei a conseguire la finalità indicata dal Costituente della promozione della cultura, non solo a ricorrere indifferentemente allintervento gestionale degli apparati pubblici, ovvero alliniziativa economica privata, ovvero ancora a forme di integrazione pubblico-privata, ma anche a favorire, giusta il principio di sussidiarietà orizzontale, i privati ove decidano, come nel caso di una sponsorship, di investire sui beni culturali realizzando, per tal via, un interesse collettivo senza impiego di risorse pubbliche.

Link al documento completo: http://www.federalismi.it/ApplOpenFilePDF.cfm?artid=35597&dpath=document&dfile=17012018120744.pdf&content=Partenariato+pubblico-privato+e+valorizzazione+economica+dei+beni+culturali+-+stato+-+dottrina+-+



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news