LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cosenza. Beni culturali o luna park? Anche piazzetta Toscano diventa movida
Francesca Canino
http://www.iacchite.com/cosenza-beni-culturali-luna-park-anche-piazzetta-toscano-diventa-movida-fran

Panche e tavolini apparecchiati sulle antiche vestigia romane. È accaduto a Cosenza nel pomeriggio del 6 gennaio scorso, al termine della programmazione comunale per le festività natalizie che ha trasformato lantica Atene della Calabria in una vera e propria città dei balocchi.

Il culmine di tanto degrado è stato raggiunto il giorno della Befana, quando tutta la città vecchia, custode della storia cosentina, è stata interessata da una serie di manifestazioni di piazza circensi. Ghiotta occasione per i commercianti della zona, i quali hanno potuto giustamente incrementare i propri profitti, alcuni, però, in maniera poco consona alla storicità dei luoghi. In particolare, il gestore di una attività di ristorazione sita in piazzetta Toscano, per loccasione che ha richiamato tanta gente, ha pensato di sistemare tavolini e panche sui vetri che ricoprono gli scavi archeologici su un sito di epoca romana. Intollerabile e pericoloso.

Chi ha rilasciato lautorizzazione sempre che il gestore labbia chiesta e non abbia invece agito abusivamente non ha tenuto conto del patrimonio culturale posto sotto i vetri adibiti a pavimento per i tavolini della movida e non ha considerato la pericolosità per gli avventori costituita dagli stessi vetri, scheggiati e rotti in varie parti. Grave se detta autorizzazione non è stata mai richiesta e se il gestore ha utilizzato il sito come se fosse casa sua. Daltra parte, i controlli sono stati nulli, sebbene la manifestazione, piuttosto affollata, li richiedesse. Purtroppo, il centro storico di Cosenza è ormai una terra di nessuno, dove chiunque può fare quel che vuole indisturbatamente. Anche sui siti archeologici come piazzetta Toscano.

Poco più di un mese fa, su Emergenza Cultura avevo scritto della sorte del luogo in questione, soffermandomi sullabbandono dei resti romani, nonostante i sequestri e le lettere giunte persino dal Mibact: Novembre 2016, in seguito a numerose segnalazioni sullo stato di degrado dellarea denominata piazzetta Toscano pervenute ai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale (NTPC), la Procura della Repubblica di Cosenza dispose il sequestro probatorio del sito bene culturale sottoposto a vincolo tutorio scrivevano i carabinieri del Nucleo in un comunicato ubicata nel centro storico di Cosenza, di proprietà comunale, unarea di 1500 mq dove insistono i resti di strutture murarie di abitazioni di epoca brettia del IV III sec. a.C. nonché i resti di una domus romana di età imperiale del II III sec. d.C., decorata con pavimenti a mosaico e intonaci policromi.

Non si fecero attendere le rituali reazioni dellamministrazione comunale, chiamata in causa perché proprietaria del bene, che promise interventi sullinstallazione se avesse trovato finanziamenti adeguati e assicurò alla Soprintendenza e al Nucleo TPC la sua collaborazione. Spenti i riflettori, larea è stata come al solito dimenticata, nonostante linteresse mostrato finanche dalla direzione generale del Mibact, che nei mesi antecedenti al sequestro scrisse alla Soprintendenza cosentina sottolineando la difficile situazione in cui versa il patrimonio archeologico di Consentia, quale ad esempio larea della domus romana di piazzetta Toscano, che è stata sequestrata dalla Procura in quanto il sito versa, già da diverso tempo, in uno stato di gravissimo degrado, con rifiuti di vario genere ed erbe infestanti che hanno invaso le strutture murarie.

Oggi, a distanza di un anno dal sequestro, le emergenze archeologiche sono completamente offuscate dai vetri appannati, i nastri di delimitazione apposti dai carabinieri del Nucleo si vedono appena e loblio è di nuovo calato sulle vestigia romane. Sono le contraddizioni di una città ad alto interesse storico-artistico, in cui si investe molto per le leggende e nulla per la storia, anzi si lascia nei rifiuti e nellabbandono totale un luogo di alto valore archeologico. Stessa sorte è riservata a tutto il cadente centro storico, tra i più estesi e belli dItalia. (Emergenza Cultura, 20 novembre 2017).

Non passa giorno che su questo sito non si scriva della tendenza a rendere i beni culturali italiani simili alle giostre di un grande luna park, molti di noi stanno protestando perché si tuteli il vasto patrimonio, caduto nelle mani di barbari alla ricerca del profitto che, in questo modo, annienteranno in tempi brevissimi la nostra storia. Noi non ci stiamo.



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news