LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ARTE E POTERE QUANDO I GENOVESI GOVERNAVANO IL MONDO
Armando Besio
18 gennaio 2018 - LA REPUBBLICA


El siglo de los Genoveses. Così lo chiamano gli storici spagnoli. Un secolo abbondante, tra Cinque e Seicento. Durante il quale le famiglie genovesi, grazie agli affari con la Spagna, diventano tra le più ricche d'Europa. Nel solo decennio 1598- 1608 prestano alla Corona 33 milioni di ducati. È genovese Tommaso Marino, banchiere in trasferta a Milano, dove si fa costruire dall'archistar dell'epoca Galeazzo Alessi uno dei più bei palazzi della città (dal 1861 sede del Comune). È genovese Marco Antonio Doria, il committente, a Napoli, dell'ultimo Caravaggio. È genovese Ottavio Costa, collezionista di Caravaggio a Roma, dov'è titolare, col socio spagnolo Herrera, di una delle più potenti banche del tempo. In pochi luoghi d'Italia si potrebbe mostrare usuale magnificenza osserva nel 1601 il diplomatico pontificio G.B. Asucchi in visita a Genova. Sorpreso soprattutto per l'abbondanza di denaro contante, ammira palazzi che non hanno pari altrove . Quei Palazzi di Genova che Rubens, passato due volte in città, pubblicherà in volume ad Anversa. E che l'Unesco inserirà nel Patrimonio dell'Umanità. Tra le famiglie genovesi più facoltose spiccano i Lomellini. Nel 1543 ottengono da Filippo II l'esclusiva dell'estrazione del prezioso corallo nel mare di Tabarca, un'isola di fronte alla costa tunisina. Dove fondano una colonia di pescatori trasferiti da Pegli. Ci resteranno fino al 1741, quando verranno sfrattati dal bey di Tunisi. Grazie ai Savoia troveranno una nuova casa sull'isola di Carloforte, in Sardegna, dove ancora oggi si parla uno slang dialettale genovese, il " tabarchino". Vetrina della ricchezza dei Lomellini è la basilica genovese della Santissima Annunziata. Che la famiglia, spendendo una fortuna, trasforma da sobrio edificio francescano in scintillante tempio barocco, carico di ori, marmi, stucchi, quadri, affreschi. È per l'Annunziata che Giulio Cesare Procaccini dipinse, nel 1618, la monumentale Ultima Cena, il più spettacolare ed eccezionale tra i quadri esporti nella mostra milanese " L'ultimo Caravaggio" e alla quale Repubblica ha dedicato uno speciale sulle pagine nazionali. Spettacolare per le dimensioni, il quadro di Procaccini esposto: 40 metri quadrati di bellezza. Eccezionale l'opportunità di vederlo così da vicino. Dipinto per il refettorio dei frati, nel 1686 su ordine dei Lomellini, padri e patroni della chiesa, il quadro venne spostato sulla contro facciata, a venti metri d'altezza. Da dove è sceso in occasione del recente restauro, eseguito nel laboratorio della Venaria Reale, diretto dalla Soprintendenza ligure, finanziato dalla Compagnia San Paolo. Bolognese di nascita, Procaccini cresce respirando l'aria dolce dei maestri emiliani: la grazia di Correggio, il virtuosismo del Parmigianino. Da ragazzo approda a Milano col fratello Camillo, ingaggiato da Pirro Visconti Borromeo per decorare il ninfeo della villa di Lainate. Esordisce come scultore, qui e nel cantiere del Duomo. Poi sceglie la pittura, come dichiarano i pennelli e la tavolozza esibiti nell'Autoritratto della collezione Koelliker (in mostra). A Milano si impone tra i protagonisti della nuova stagione barocca. La sua fama raggiunge a Genova Giovan Carlo Doria, titolare di una delle più vaste quadrerie d'Europa: possiede settemila opere dei più " eccellenti maestri del mondo", ben 90 delle quali sono di Procaccini. L'Ultima Cena, di cui la mostra presenta anche il delizioso bozzetto preparatorio ( 36 x 101 cm) è un capolavoro di teatralità e colorismo (i rossi, i gialli, i blu di lapislazzuli). Evoca il Cenacolo di Leonardo, che Procaccini ha visto a Milano, e qui ricorda nelle dimensioni, nella disposizione dei discepoli in gruppi, nella sensibilità per i "moti e gli affetti dell'anima", nella nitidezza fisiosnomica di certi volti. Un Leonardo, però, riletto e aggiornato alla luce della lezione barocca di Rubens. L'esposizione a Milano resterà aperta fino all'8 aprile.



news

22-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 luglio 2018

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

Archivio news