LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bagatti un museo da Nobel. Orhan Pamuk porta in via Gesù il suo Museo dell'innocenza.
19 gennaio 2018 la repubblica



E confida il suo legame speciale con Milano

La vita è fatta di coincidenze dice spesso Orhan Pamuk e le "coincidenze" negli ultimi decenni hanno creato un legame speciale tra lui, scrittore turco Premio Nobel per la letteratura, e Milano. La prima volta che sono venuto è stata nel 1959 con la mia famiglia, ricorda Pamuk, che all'epoca aveva sette anni. Mio padre, ingegnere, lavorava a Ginevra, all'Ibm.

Raggiungemmo Milano in macchina, con una Opel.

Ricordo la galleria Vittorio Emanuele II, dove i miei genitori mi comprarono una piccola macchina rossa di plastica. Nel tempo Pamuk non ha mai smesso di frequentare la città. Il suo primo editore italiano, Frassinelli, ha sede qui. Ci torna spesso per la promozione dei suoi romanzi e per una delle sue passioni: l'arte. Non a caso, i suoi luoghi milanesi del cuore sono il museo Bagatti Valsecchi e Brera.

Un anno fa all'Accademia ha ricevuto il diploma honoris causa durante un convegno sulla "poetica del museo" che ora è diventato il soggetto di un libro, Un sogno fatto a Milano. Dialoghi con Orhan Pamuk intorno alla poetica del museo (Johan & Levi), a cura di Laura Lombardi e Massimiliano Rossi. Al Bagatti Valsecchi arriva ora la mostra Amore musei ispirazione. Il Museo dell'innocenza di Orhan Pamuk a Milano, a cura di Lucia Pini e Laura Lombardi, da oggi al 24 giugno, finanziata da Regione Lombardia. Amo questa casa, l'idea e la fantasia che si celano dietro queste mura. Mi hanno influenzato molto per il romanzo che sto scrivendo. Scriveva così Pamuk nel 2007 nel libro degli ospiti della casa-museo di via Gesù, fondata nell'Ottocento dai due fratelli Fausto e Giuseppe Bagatti Valsecchi, quando la visitava per la terza volta. Nel 2008 sarebbe uscito uno dei suoi romanzi più amati, Il Museo dell'innocenza (Einaudi). Nel 2012 sarebbe stato aperto l'omonimo museo a Istanbul. Kemal, il protagonista maschile del libro, lo considera uno dei suoi cinque musei preferiti al mondo, affascinato da come al Bagatti Valsecchi oggetti di uso quotidiano raccontino storie.

Stessa filosofia del museo di Istanbul, che ricostruisce l'amore al centro anche del romanzo, quello tra Kemal e Füsun, attraverso gli oggetti che lo caratterizzano. Alcuni di essi sono stati riprodotti in ventinove vetrine colme di cose, racchiuse in una sola stanza del Bagatti Valsecchi, per l'esibizione milanese. Borse, scarpe, acqua di colonia, coni gelato, bevande illuminate dall'interno per renderle più brillanti, cartoline, video, fotografie e il manichino di un corpo umano, in una teca, perché la sofferenza sentimentale è anche dolore fisico. Un originalissimo museo nel museo, com'è stato definito da Salvatore Settis, che ne ha parlato in pubblico con il Nobel.

Una vicenda con echi manzoniani, scritta da un autore che aveva pubblicato una versione in turco de I promessi sposi, quando faceva l'editore di classici. Il futuro di questo cortocircuito tra arte letteratura e vita è, per Pamuk, mancato pittore, ancora più arte. Ha ricominciato a dipingere. Ha sistemato personalmente gli oggetti esposti al Bagatti Valsecchi fino all'ultimo secondo e ha altre idee "folli" in testa, che stanno mettendo in discussione il ruolo dei musei. Il Bagatti Valsecchi rappresenta il mio ideale. Non mausolei statali per raccontare la Storia di una nazione, ma luoghi intimi per narrare le vicende degli individui, dice Pamuk, che ha scritto anche un Manifesto sul tema, riprodotto sulla parete di un'altra stanza di via Gesù, dove c'è anche un suo video in cui spiega il senso dell'iniziativa. In prospettiva mi piacerebbe riprodurre l'edificio di Istanbul che ospita il Museo dell'innocenza, non solo le vetrine che contiene. Alla fine, l'unica cosa autentica sarò io che vado in giro a parlarne.



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news