LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Museo Egizio di Torino: un museo per tutti
La Stampa 23/1/2018

Le polemiche che hanno investito in questi giorni il Museo Egizio di Torino lasciano davvero senza parole, e con molto amaro in bocca. Alla radice di quanto sta accadendo cè prima di tutto una buona dose di disinformazione, unita ad un tentativo di generare un pessimo clima di caccia alle streghe ai danni di unistituzione di altissimo livello culturale e scientifico.
Perciò sentiamo il bisogno di intervenire, sperando di aiutare i lettori a orientarsi meglio in questa situazione davvero imbarazzante.

1. Innanzitutto chiariamo il problema dei finanziamenti: dal 2015 il Museo Egizio è completamente autofinanziato. Come? Con gli incassi dei biglietti, delle mostre (in sede e itineranti) e con i progetti europei a cui partecipa. E con quegli stessi incassi il Museo tutela, restaura la sua collezione ed assume giovani ricercatori che hanno già dato un sensibile impulso alla ricerca. Perciò, è evidentemente basato sul nulla uno degli argomenti più usati nelle polemiche degli scorsi giorni: Il Museo è pagato con soldi pubblici, allora perché gli Arabi entrano gratis e gli Italiani no?.

2. Il Museo Egizio di Torino è il secondo museo di questo genere dopo quello del Cairo, ma invece di essere in Egitto si trova nel cuore di un altro continente. In poche parole, si tratta di un caso estremo di contesto dislocato. Ebbene: gli oggetti, le opere darte lontane da casa loro suscitano da sempre polemiche, lamentele e a volta atti politici: le richieste di rimpatrio. Basti pensare alla perenne disputa sui marmi del Partenone, conservati al British Museum e ciclicamente richiesti dal governo greco. Tutto questo non è mai avvenuto relativamente al Museo Egizio, ma Non dovremmo mai dimenticare che se il Museo esiste è grazie al patrimonio culturale di unaltra nazione. Così come, del resto, esistono le gallerie di antichità o di opere darte italiane nei più grandi musei internazionali.

3. Proprio considerata questa sua condizione di luogo molto particolare, è evidente che una delle necessità principali per il Museo è quella di dialogare con tutto il pubblico possibile. Di qui, lidea di aprire le porte agli arabofoni, una delle più consistenti comunità dellarea metropolitana di Torino (circa 200.000). La questione non si riduce allofferta promozionale sui biglietti, che tra laltro durerà solo fino alla fine di marzo: stiamo parlando anche di visite guidate in arabo, di didascalie in arabo Per alcuni (gli Egiziani di oggi) tutto questo aiuta a ristabilire un contatto con il proprio passato; per altri stiamo parlando semplicemente della possibilità di ampliare gli orizzonti della propria conoscenza grazie alla visita di uno dei più ricchi e ben fatti musei del mondo. E infatti: oggi lofferta è dedicata alla comunità degli arabofoni, in passato ha favorito altre categorie di pubblico e in seguito toccherà ad altre ancora (ed è opportuno dire che già ci sono state, e ci saranno ancora molte iniziative per gli Italiani!). Un museo moderno ha tra le sue missioni quella di ampliare il suo pubblico: anche questa offerta rientra in tale ambito. I membri delle varie comunità potranno sentirsi in questo modo più accolti, più considerati e più inclusi nella città e nel paese in cui sono venuti ad abitare. E, al tempo stesso, si sentiranno cittadini del mondo, ed eredi della sua storia.

Perché in fondo, come ha scritto Neil MacGregor che è stato un grande direttore del British Museum Ora più che mai è sicuramente molto importante insistere sul fatto che il mondo è uno, e che coloro che lavorano nei musei fanno qualcosa che è utile a formare i cittadini di una sola, grande città: il mondo. Ciascuno con la propria identità culturale e il proprio bagaglio di storia.
Per tutte queste ragioni siamo molto vicini al Museo Egizio, alla Presidente della Fondazione Evelina Christillin e al Direttore, Christian Greco, che fin dal suo insediamento si è adoperato con intelligenza e con successo perché questo sia un museo bello, intelligente ed inclusivo: il museo di tutti.

Andrea Augenti
Università di Bologna

Mariarosaria Barbera
Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico per lArcheologia

Marilina Betrò
Università di Pisa

Daniele Manacorda
Universita di Roma Tre

Valentino Nizzo
Direttore del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Carlo Tosco
Politecnico di Torino

Giuliano Volpe
Università di Foggia
Presidente del Consiglio Superiore Beni Culturali e Paesaggistici del MiBACT



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news