LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il "tesoro" dell'antiquario in casa reperti etruschi scoperti per la lite tra eredi
Carlotta Rocci
24 gennaio 2018 la repubblica


Fratelli coltelli, recita il detto. E forse, se parenti e conoscenti di Elio Pinottini non si fossero messi a litigare per l'eredità dell'antiquario, titolare con il fratello della galleria Narciso in piazza Carlo Felice, nessuno avrebbe mai scoperto l'enorme collezione di anfore e vasi antichi custodita nelle vetrinette del suo appartamento. Reperti archeologici di epoca etrusca e romana che i carabinieri del nucleo tutela patrimonio, comandanti dal colonnello Silvio Mele, hanno restituito alla Sovrintendenza per i beni culturali. Sono 238 pezzi, alcuni pregiatissimi e risalenti all'VIII secolo a. C: anfore, urne funerarie, buccheri in ceramica nera trafugati da tombaroli tra Toscana e Lazio.

L'intera vicenda nasce nel 2012, quando Elio Pinottini muore all'improvviso senza eredi. L'antiquario abitava in un appartamento sopra la galleria d'arte, nata negli anni 60 e intitolata alla mamma di Elio e Marzio Pinottini, Caterina Narciso. Una sera di fine maggio 2012 dall'appartamento si sente urlare, qualcuno chiama anche i carabinieri perché sembra che in casa del defunto ci siano degli intrusi. Quando arrivano, i militari trovano i parenti di Pinottini intenti a discutere con una donna che dice di essere la sua badante e di essere autorizzata a vivere nel principesco appartamento. C'è anche un uomo che sostiene di essere l'amministratore del patrimonio dell'antiquario. I carabinieri calmano gli animi ma intanto si guardano intorno in quel salotto ingombro di cimeli e antichità. Le anfore antiche colpiscono più di tutto: sono reperti e per legge appartengono allo Stato, spiega Mele.

La vicenda familiare si è risolta: Non ricordo nemmeno quell'episodio ma si sa che nei momenti di dolore si possono avere reazioni scomposte , commenta Sally Pinottini, vedova di Marzio, che oggi gestisce la galleria di famiglia. Ci sono voluti anni di lavoro, in collaborazione con la Soprintendenza, per dare una collocazione a un patrimonio che vale 300mila euro. Ci sono dei falsi ma anche questi sono interessanti perché sono vecchi di oltre 100 anni , spiega l'archeologo Federico Barello. Alcuni pezzi sono stati danneggiati dagli scavi dei tombaroli. È un bene che quei reperti siano tornati alla collettività anche se non sappiamo esattamente cosa ci fosse in casa di mio cognato.

Non ci sono responsabilità per gli eredi di quel patrimonio illecito, che in parte era stato acquistato o trovato negli anni 50 già dal padre di Elio. Alcune opere erano state trovate in un cantiere edile in Toscana. Anni fa le normative erano diverse dice Sally Pinottini Certe pratiche oggi vietate erano permesse, e molte collezioni venivano accumulate a titolo di studio e oggi sono patrimonio di musei importantissimi . Spetterà alla direzione generale decidere dove saranno destinati ora i reperti spiega la direttrice della sovrintendenza torinese Luisa Papotti La collocazione sarà sicuramente romana vista la loro provenienza. La loro destinazione potrebbe essere dunque il museo nazionale di Villa Giulia a Roma.



news

22-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

Archivio news