LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quando gli umani lasciarono l'Africa. Trovato in Israele il più antico fossile al di fuori del continente africano
25 gennaio 2018 la Repubblica




Dimostra che gli antenati dell'uomo cominciarono la loro migrazione almeno 50mila anni prima di quanto si ritenesse finora. La scoperta è dell'Università di Tel Aviv e della Binghamton University di New York

ROMA - Il fossile, una mascella superiore con molti denti, è stato scoperto nel sito archeologico di Misliya, in Israele. Dimostra che gli antenati dell'uomo cominciarono la loro migrazione dall'Africa almeno 50mila anni prima di quanto si ritenesse finora. Lo testimonia la scoperta di quel fossile in Israele, il più antico fossile umano mai trovato al di fuori del continente africano. Il ritrovamento, descritto sulla rivista Science, si deve al gruppo di ricerca internazionale guidato da Israel Hershkovitz, dell'Università israeliana di Tel Aviv, che comprende anche Rolf Quam, della Binghamton University di New York.
Quando gli umani lasciarono l'Africa. Trovato in Israele il più antico fossile al di fuori del continente africano

Diverse tecniche di datazione applicate a materiali archeologici e fossili suggeriscono che la mascella risale a un periodo tra 175mila e 200mila anni fa, spostando quindi indietro la migrazione dei moderni umani, l'Homo Sapiens, appunto di almeno 50mila anni. L'epoca e le rotte delle migrazioni dell'Homo Sapiens dall'Africa sono questioni fondamentali per capire l'evoluzione della nostra specie, dicono i ricercatori.

La zona del Medio Oriente rappresenta il più importante corridoio per le migrazioni umane durante il Pleistocene (compreso tra 2,58 milioni e 11.700 anni fa) ed è stato utilizzato in periodi differenti sia dai moderni umani sia dall'uomo di Neanderthal. Infatti, la testimonianza di Misliya è compatibile con recenti indicazioni, basate sul Dna primordiale, di una migrazione anteriore, precedente a 220mila
anni fa, dell'Homo Sapiens dall'Africa. Anche molte recenti scoperte archeologiche e fossili in Asia stanno spostando indietro la prima apparizione dell'Homo Sapiens nella zona e, di conseguenza, la migrazione dall'Africa. Per l'antropologo Rolf Quam "Misliya è una scoperta eccitante. Vuol dire che i moderni umani potrebbero essersi incontrati ed avere interagito con altri gruppi umani arcaici, avendo quindi più occasioni per scambi culturali e biologici"



news

22-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

Archivio news